SELECT

La storia della Corea: perché le due Coree sono divise?

1 mese fa

15 minuti

La vostra conoscenza storica si interrompe bruscamente al 1945? Avete ancora in mente l’ultima lezione di storia fatta al liceo e dopo quella data c’è solo un grande oblio? Non vi preoccupate perché siete davvero in buona compagnia… Certo, qui non vogliamo porre rimedio a tutte le vostre lacune (quanto amavano questa parola gli insegnanti…) storiche ma rispondere a un solo quesito: Perché esiste una Corea del Nord e una Corea del Sud?

La Corea del Nord e la Corea del Sud sono divise da oltre 70 anni, da quando la penisola coreana è diventata una vittima inaspettata dell’escalation della Guerra Fredda tra due superpotenze rivali: l’Unione Sovietica e gli Stati Uniti. Vi ricorda qualcosa?

Una Corea Unificata

La storia della Corea: perché le due Coree sono divise?

Per secoli prima della divisione, la penisola era un’unica Corea unificata, governata da generazioni di regni dinastici. Occupata dal Giappone dopo la guerra russo-giapponese nel 1905 e formalmente annessa cinque anni dopo, la Corea ha risentito del dominio coloniale giapponese per 35 anni, fino alla fine della seconda guerra mondiale, quando iniziò la sua divisione in due nazioni.

L’incidente catalizzatore è la decisione presa, davvero, senza il coinvolgimento dei coreani, tra l’Unione Sovietica e gli Stati Uniti di dividere la Corea in due zone di occupazione. Nell’agosto 1945, i due alleati “solo di nome” divisero il controllo sulla penisola coreana. Nei tre anni successivi (1945-48), l’esercito sovietico e i suoi delegati istituirono un regime comunista nell’area a nord della latitudine 38˚ N, o il 38° parallelo. A sud di quella linea si formò un governo militare, sostenuto direttamente dagli Stati Uniti.

Mentre le politiche sovietiche erano ampiamente apprezzate dalla maggior parte della popolazione operaia e contadina del Nord, la maggior parte dei coreani della classe media è fuggita a sud del 38° parallelo, dove risiede oggi la maggior parte della popolazione coreana. Nel frattempo, il regime sostenuto dagli Stati Uniti nel sud ha chiaramente favorito gli elementi anticomunisti e di destra.

L’obiettivo finale era che l’Unione Sovietica e gli Stati Uniti se ne andassero e lasciassero che i coreani lo scoprissero. Il guaio era che la Guerra Fredda è intervenuta… E tutto ciò che è stato tentato di creare una via di mezzo o di provare a riunificare la penisola è contrastato sia dall’Unione Sovietica che dagli Stati Uniti che non vogliono cedere all’altro.

Nel 1948, gli Stati Uniti chiesero un voto sponsorizzato dalle Nazioni Unite per tutti i coreani per determinare il futuro della penisola. Dopo che il Nord ha rifiutato di partecipare, il Sud ha formato il proprio governo a Seoul, guidato dal fortemente anticomunista Syngman Rhee.

Il Nord ha risposto a tono, insediando l’ex guerrigliero comunista Kim Il Sung come primo premier della Repubblica Democratica Popolare di Corea (RPDC) nella capitale Pyongyang.

Prima che esistessero una Corea del Sud e una Corea del Nord, la penisola era governata da una dinastia nota come Chosŏn, che esisteva per più di cinque secoli, fino al 1910. Questo periodo, durante il quale una Corea indipendente aveva relazioni diplomatiche con Cina e Giappone, si concluse con l’impero e l’annessione della penisola al Giappone. Il dominio coloniale del Giappone è durato 35 anni.

Quando il Giappone si arrese agli Alleati nel 1945, la penisola coreana fu divisa in due zone di occupazione: la Corea del Sud controllata dagli Stati Uniti e la Corea del Nord controllata dai sovietici. Tra le crescenti tensioni della Guerra Fredda tra Mosca e Washington, nel 1948 furono istituiti due governi separati a Pyongyang e Seoul.

Kim Il-Sung, leader della Corea del Nord, era un ex guerrigliero che ha combattuto sotto il comando cinese e russo. Syngman Rhee, un convinto anticomunista educato all’Università di Princeton, divenne il primo leader della Corea del Sud.

Nel tentativo di unificare la penisola coreana sotto il suo regime comunista, Kim Il-Sung invase il sud nel giugno 1950 con l’aiuto sovietico. Ciò ha portato la Corea del Sud e gli Stati Uniti, sostenuti dalle Nazioni Unite, a combattere contro la neonata Repubblica Popolare Cinese e la Corea del Nord.

Un accordo di armistizio pose fine alle ostilità nella guerra di Corea nel 1953. Tecnicamente parlando, tuttavia, le due Coree sono ancora in guerra.

I coreani del nord e del sud sono culturalmente diversi?

La storia della Corea: perché le due Coree sono divise?

I coreani del sud e del nord conducono vite separate da quasi 70 anni. La storia coreana e la memoria collettiva di essere stato uno stato unificato (scusate il necessario gioco di parole) e indipendente per oltre un millennio, tuttavia, sono un potente promemoria per i coreani che hanno condiviso identità, cultura e lingua.

Ad esempio, in entrambe le Coree la storia di resistenza al colonialismo giapponese è un’importante fonte di nazionalismo. Sia gli studenti della Corea del Nord che quelli della Corea del Sud vengono a conoscenza del Movimento per l’indipendenza del 1 marzo 1919 a scuola.

Considerate anche la lingua coreana. Circa il 54% dei disertori nordcoreani in Corea del Sud afferma di non avere grosse difficoltà a capire il coreano usato in Corea del Sud. Solo l’1% ha risposto di non poterlo capire affatto.

Tuttavia, le politiche divergenti della Corea del Nord e della Corea del Sud hanno plasmato le differenze nella visione dei coreani sulla vita e sul mondo dalla scissione. La vivace democrazia della Corea del Sud è il risultato del movimento di massa di studenti, intellettuali e cittadini della classe media.

In Corea del Nord, la propaganda statale e l’ideologia di Juche, o “autosufficienza”, sono state utilizzate per consolidare il governo di un solo uomo della famiglia Kim, riproducendo al contempo un certo modo di pensare progettato per aiutare il regime a sopravvivere.

Cosa abbiamo imparato dai disertori nordcoreani?

La storia della Corea: perché le due Coree sono divise?

A partire da settembre 2016, si stima che 29.830 disertori nordcoreani vivano in Corea del Sud. Da loro abbiamo appreso i dettagli della vita quotidiana delle persone in una delle società più chiuse del mondo. Ad esempio, nonostante le repressioni, più nordcoreani stanno guardando i programmi TV sudcoreani.

In Corea del Nord, la repressione, la sorveglianza e la punizione sono caratteristiche pervasive della vita sociale. Lo stato fa molto affidamento sulla coercizione e sul terrore come mezzo per sostenere il regime.

Tuttavia, non tutti i nordcoreani sono interessati a disertare. Secondo i più recenti studi antropologici, gli intervistati hanno affermato di aver lasciato il Nord con riluttanza spinti principalmente dalla carestia e da ragioni economiche, piuttosto che da ragioni politiche. La maggior parte di loro ha perso casa nel nord.

Tuttavia, Thae Yong-ho, un ex diplomatico nordcoreano che ha disertato nel sud nel 2016, ritiene che la Corea del Nord di Kim Jong-un potrebbe affrontare una rivolta popolare o una defezione dell’élite poiché i nordcoreani sono sempre più disillusi dal regime.

Ma c’è da sciogliere un nodo importante: qual è la storia delle relazioni degli Stati Uniti con la Corea del Sud e a che punto sono adesso? Lo scopo dell’alleanza USA-Corea del Sud è cambiato poco dalla sua formazione nel 1953. Ciò ha molto a che fare con le continue minacce dalla Corea del Nord.

Tuttavia, nonostante le differenze nel loro approccio alla Corea del Nord, il presidente George W. Bush e il presidente sudcoreano Roh Moo-hyun hanno compiuto un passo importante verso la trasformazione dell’alleanza della Guerra Fredda in una “alleanza strategica globale“. Sotto il presidente Barack Obama e i presidenti sudcoreani Lee Myung-bak e Park Geun-hye, molti credevano che l’alleanza tra Stati Uniti e Corea del Sud fosse al meglio. Sotto la loro guida, Washington e Seoul hanno deciso di espandere l’ambito dell’alleanza per coprire le minacce non tradizionali, come il terrorismo e la proliferazione di armi di distruzione di massa, e altre sfide globali come la pirateria e le epidemie, coordinandosi e restando saldi contro le provocazioni della Corea del Nord.

Più recentemente invece, con Moon Jae-in e Donald Trump, c’è stato un maggiore grado di incertezza. Tra le altre cose, Trump ha criticato l’accordo di libero scambio USA-Corea, mentre ha insistito sul fatto che Seoul pagasse per il THAAD, un sistema di difesa missilistica statunitense dispiegato in Corea del Sud. Moon, i cui genitori sono fuggiti dal Nord durante la guerra di Corea, probabilmente considererà la riconciliazione intercoreana una delle sue massime priorità. Ciò potrebbe entrare in conflitto con l’attuale approccio statunitense di imporre sanzioni contro la Corea del Nord.

La Guerra di Corea

La storia della Corea: perché le due Coree sono divise?

La guerra di Corea (1950-53), che uccise almeno 2,5 milioni di persone, fece ben poco per risolvere la questione di quale regime rappresentasse la “vera” Corea. Tuttavia, ha stabilito saldamente gli Stati Uniti come la bête noire permanente della Corea del Nord, poiché l’esercito americano ha bombardato villaggi, paesi e città nella metà settentrionale della penisola.

Hanno raso al suolo il paese. Hanno distrutto ogni città. L’armistizio che pose fine a quel conflitto nel 1953 lasciò la penisola divisa come prima, con una zona demilitarizzata (DMZ) che correva all’incirca lungo il 38° parallelo.

A differenza di un’altra separazione dell’era della Guerra Fredda, tra la Germania orientale e quella occidentale, dal 1953 ci sono stati pochissimi movimenti attraverso la DMZ tra la Corea del Nord e la Corea del Sud. Il confine viene descritto come “sigillato ermeticamente”, il che aiuta a spiegare i percorsi drasticamente diversi che due nazioni hanno preso, e la continua divisione tra loro.

Con continui forti legami con l’Occidente (e una presenza militare statunitense in corso), la Corea del Sud ha sviluppato un’economia solida e negli ultimi decenni ha compiuto passi avanti per diventare una nazione completamente democratica.

Nel frattempo, la Corea del Nord è rimasta un “regno eremita” isolato – in particolare dopo il crollo del blocco sovietico all’inizio degli anni ’90 – ed economicamente sottosviluppato, nonché uno stato di polizia virtuale governato da un’unica famiglia per tre generazioni.

Gli sforzi dedicati del Nord per sviluppare un programma nucleare hanno anche acuito notevolmente le tensioni con la Corea del Sud e i suoi alleati, in particolare gli Stati Uniti.

Per quanto riguarda la Corea oggi invece, nonostante gli sforzi diplomatici sotto l’attuale presidente della Corea del Sud, Moon Jae-in, le nette differenze tra le due Coree erano in piena evidenza nella corsa ai Giochi Olimpici Invernali del 2018. Anche se i sudcoreani hanno iniziato ad accogliere atleti di tutto il mondo ai Giochi invernali, il regime di Kim Jong Un nel nord ha organizzato una parata militare nella storica piazza Kim Il Sung di Pyongyang.

Come riportato dalla CNN, quattro dei missili del paese, l’Hwasong-15, erano in mostra durante la parata mentre Kim guardava da un balcone, poi parlava dei mali dell’imperialismo.

In modo appropriato, la parata ha commemorato il giorno in cui il nonno di Kim, Kim Il Sung, ha formato l’Esercito popolare coreano (KPA) nel 1948, un anno fatidico nella storia della divisione coreana.

A partire dal 1948, ci sono due organizzazioni statali consolidate gestite da coreani, ciascuna delle quali afferma di essere i leader legittimi del popolo dell’intera nazione. E francamente, da allora non è cambiato nulla.

Nel 1950 il Nord lanciò un attacco a sorpresa attraverso il 38° parallelo e conquistò rapidamente la maggior parte del sud. Le Nazioni Unite hanno quindi sostenuto quella che ha definito un'”azione di polizia” per respingere l’avanzata e la guerra di Corea, che sarebbe durata tre anni, era iniziata.

La maggior parte delle truppe dalla parte delle Nazioni Unite erano americane, ma 90.000 soldati britannici furono coinvolti nella lotta contro l’Armata Rossa cinese e più di 1.000 furono uccisi, molti dei quali coscritti. Quando l’armistizio fu firmato nel luglio 1953, 2,5 milioni di persone erano morte. La linea di divisione è rimasta dove era iniziata, al 38° parallelo.

Dopo la guerra l’economia della Corea del Sud prosperò sotto una serie di dittature capitaliste e il paese alla fine divenne una democrazia. La Corea del Nord rimane un caso economico e uno stato di polizia governato dalla stessa famiglia da tre generazioni. Prima venne Kim Il-Sung, poi suo figlio Kim Jong-Il e ora il nipote Kim Jong-Un.

L’eredità di quel secolo oscuro ha lasciato la sicurezza della Corea del Sud garantita da un trattato di difesa americano e la Corea del Nord legata a un patto militare con la Cina in caso di attacco.

Crash Landing on You attraversa il confine

crush landing on you divisione corea

Dopo il fallimento dei colloqui tra il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il leader nordcoreano Kim Jong-un e quando l’entusiasmo per la prospettiva di un accordo di pace intercoreano formale è diminuito, una serie televisiva si è concentrata sui legami che legano le due Coree.

Crash Landing on You, il cui l’ultimo episodio ha ottenuto i più alti ascolti nella storia del canale televisivo sudcoreano TVN e ha catturato l’immaginazione del pubblico in tutto il mondo.

L’ambiziosa trama transfrontaliera coinvolge una ricca ereditiera sudcoreana che accidentalmente si lancia in parapendio dalla parte sbagliata della linea di demarcazione militare dove incontra e si innamora di un soldato nordcoreano. Il loro incontro pone le basi per un racconto che fa continuamente riferimento alla complessità della divisione intercoreana.

Il K-drama ribalta il vecchio detto coreano, “nam nam, buk nyeo“, o “uomo del sud, donna del nord” come rappresentante della coppia coreana ideale.

Invece presenta al pubblico un protagonista maschile nordcoreano forte ma sensibile e una protagonista femminile orientata alla carriera ma di buon cuore. La loro storia si svolge sia a nord che a sud del confine che divide i due paesi, che rimangono ufficialmente in guerra.

I fuggitivi nordcoreani in Corea del Sud hanno descritto la serie come una rappresentazione abbastanza accurata della vita ordinaria nel nord, incluso il dialetto locale, la disponibilità di prodotti sudcoreani nei mercati, nonché la frequenza dei blackout, la prevalenza di tangenti e le vite privilegiate dell’élite.

Il dramma è stato anche elogiato dalle organizzazioni nordcoreane di evasione in Corea del Sud per aver abbattuto gli stereotipi della Corea del Nord e della sua gente, la cui immagine ha sofferto a lungo a causa delle tensioni intercoreane e della mancanza di positività transfrontaliera, o di contatto con le persone.

L’elezione di Moon nel 2017 e il suo obiettivo dichiarato di lavorare per un accordo di pace formale hanno facilitato una nuova fase di riavvicinamento intercoreano e diversi incontri di alto profilo tra i leader delle due Coree e degli Stati Uniti nel 2018-19.

Ma la calda atmosfera del 2018 e le speranze di un maggiore impegno intercoreano da allora si sono raffreddate, in seguito alla rottura dei negoziati USA-Corea del Nord sulla denuclearizzazione e al fallimento della Corea del Sud nel mediare ulteriori progressi.

La divisione intercoreana come una grande tragedia e la situazione innaturale nella penisola è un tema che attraversa fortemente la trama di Crash Landing on You. L’amore tra il nord e il sud, apparentemente destinati a unirsi ma tenuti separati da forze arbitrarie al di fuori del loro controllo, rispecchia l’amara narrazione delle due Coree, che ha attraversato più di 70 anni.

Agli spettatori viene in mente l’interminabilità della guerra di Corea quando i personaggi centrali si rifugiano in una casa abbandonata all’interno della zona smilitarizzata che ancora divide la penisola. Lì trovano una ciotola d’acqua sopra un tradizionale barattolo coreano, che i nordcoreani spiegano è stato omesso come parte di un rituale di preghiera sciamanico per un figlio mandato in guerra tra il 1950 e il 1953, nella speranza di un ritorno che non è mai arrivato.

Le rappresentazioni della vita reale nella sceneggiatura sono state aiutate dal lavoro dell’assistente sceneggiatore e fuggitivo nordcoreano, Kwak Moon-Wan, che ha studiato cinema a Pyongyang prima di venire nel sud.

Kwak ha detto alla BBC che era desideroso di evitare polemiche politiche e un’inutile demonizzazione del regime nordcoreano nei suoi scritti. Il cattivo principale del dramma è quindi ritratto come guidato dalla propria corruzione e vendetta personale piuttosto che come esecutore di ordini dall’alto.

Eppure, in una scena commovente in cui un angosciato ufficiale nordcoreano confessa la sua colpevolezza per aver contribuito all’omicidio di un innocente su ordine del suo superiore, l’ufficiale lamenta: “Se questa è la mia missione data dal Paese… non credi che sia troppo crudele?”

Lo spettatore non può fare a meno di notare la paura che circonda la menzione del Ministero della Sicurezza di Stato nordcoreano e le strutture di sorveglianza che pervadono la vita quotidiana tra i personaggi nordcoreani.

Dall’altra parte del confine, la Corea del Sud è dipinta in una luce decisamente più lusinghiera. Frequente è il riferimento esplicito alla sofisticatezza comparata di tutto ciò che è meridionale, dalla moda al dialetto. Quando alcuni dei personaggi del nord si trovano nel sud, la loro meraviglia infantile per l’abbondanza di apparente lusso è coerente con la visione del sud dei loro cugini del nord come provinciali e fuori dal mondo.

Altre volte, quella semplicità provinciale, manifestata in un ritmo di vita più lento e low-tech al nord, così come in un attento apprezzamento delle stagioni e della natura, viene presentata come una virtù persa nel ritmo frenetico del sud urbano.

La borsa di studio accademica sulle prospettive per la futura unificazione delle due Coree ha messo in guardia dalla minaccia alla riconciliazione nord-sud rappresentata dall’enorme dimensione del divario socio-culturale, che richiederebbe molto più di un accordo politico per essere superato.

Attraverso la riformulazione degli stereotipi, anche se con una certa licenza creativa, Crash Landing on You probabilmente umanizza il Nord per il suo pubblico in modi che il dialogo intercoreano non ha fatto negli ultimi anni. Nonostante la sua romanticizzazione della situazione politica, Crash Landing on You porta il dolore della divisione a un livello personale per una generazione di coreani che, a differenza dei loro nonni, non hanno memoria di com’era essere una singola nazione.

Mentre le incursioni in un territorio così accidentato nella cultura popolare sudcoreana hanno avuto risultati contrastanti nel corso degli anni, il successo di questa storia suggerisce che c’è ancora spazio per esplorare nuovi modi per riaccendere l’affetto tra le persone della Corea del Nord e della Corea del Sud.

La Guerra di Corea
La Guerra di Corea
La Guerra di Corea
La Guerra di Corea