Belle: il significato di una favola abbagliante sulla forza della fragilità

10 mesi fa

12 minuti

belle la recensione

Mamoru Hosoda ha costruito un mondo, quello dello Studio Chizu, fondendo insieme elementi surreali della narrazione con la condizione umana. In questo approfondimento del significato dei temi di Belle possiamo constatare ancora una volta, che come per i suoi primi lavori (Summer Wars e Wolf Children), Hosada ha dimostrato un’incredibile capacità di instillare la magia nei momenti più apparentemente ordinari, dando un’alta posta in gioco alle lotte quotidiane e temperando le minacce apocalittiche con una speranza senza limiti.

La curiosità e il calore che Hosada riesce a trasmette verso la realtà e il quotidiano creano una combinazione perfetta per elevare una storia in cui una ragazza normale si ritrova in un posto sensazionale. Belle racchiude la migliore animazione di Hosada e una delle storie più avvincenti mai raccontate.

Il regista supera, come fa di solito, tutte le aspettative grazie al gusto e alla passione creativa che lo hanno contrassegnato a lungo come uno dei migliori nel suo campo.

belle la recensione

Belle, scritto e diretto da Mamoru Hosoda, segue Suzu (Kaho Nakamura), una studentessa introversa delle superiori che diventa una cantante di fama mondiale conosciuta come Belle dopo essere entrata in un mondo virtuale incredibilmente popolare chiamato U. Presto però, intraprende una ricerca sia nel mondo reale che in U per scoprire l’identità di una bestia misteriosa (Takeru Satoh), che è in fuga da spietati vigilantes.

La capacità di Hosoda di creare una tensione tangibile tra il mondo reale e quello fantastico consente ai suoi film d’animazione di valicare dei confini nel nostro immaginario. Tutto questo è dimostrato magnificamente attraverso la storia stessa. Il mondo reale è disegnato con linee più rozze e c’è una deliberata mancanza di immobilità nei personaggi mentre corrono, suonano per la banda della scuola o si nascondono dietro le loro mani quando sono in imbarazzo.

In confronto, il mondo virtuale in cui il film trascorre metà del suo tempo è elegante con linee e bordi netti e strutturati. È un’utopia condivisa e anonima in cui ognuno riesce a essere come vuole. Ma in mezzo a quel colore e a quella cornucopia di variazioni archetipiche, rimane una rigidità. Quindi, quando Belle e la Bestia iniziano a suscitare un’ira indesiderata e ingiustificata, diventano scomodi perché non si fondono perfettamente con lo sfondo.

Quando frantumano il vetro artificiale e letterale, i frammenti sono spigolosi, luminosi e pericolosi ma fanno ancora parte della storia.

Per chi non lo avesse visto, di seguito il trailer in italiano pubblicato su YouTube.

“Non ho potuto dirti la verità, scusami”

belle la recensione

Continuiamo dicendo che in quasi tutte le storie di Hosoda sono fiabe, però c’è qualcosa che rende il suo ultimo film, una nuova iterazione de La bella e la bestia, adatto alla sua sensibilità. La pop star dai capelli rosa vola sullo schermo cavalcando una gigantesca balena blu e la folla esulta mentre il suo vestito esplode, facendo piovere petali multicolori.

In questo splendido e generoso film anime di Mamoru Hosoda (Mirai, Summer Wars), Belle è l’avatar virtuale di Suzu (Kaho Nakamura), un’adolescente in lutto e in un “paese di campagna”, secondo la sua migliore amica. Scopriamo presto che sua madre, che le insegnò a suonare il pianoforte, morì quando era una bambina. Suzu non è più stata in grado di cantare da allora. U è una realtà virtuale a cui accede tramite un’app sul suo telefono. È qui, all’interno di questa scintillante metropoli digitale, che Suzu diventa Belle e riscopre la sua voce.

Quando uno dei concerti di Belle viene interrotto da un misterioso drago (Takeru Satoh), la polizia auto-nominata di U interviene, minacciando di catturarlo e svelare la sua vera identità. Comprendendo la protezione offerta dall’adozione di un avatar, Belle fa di tutto per proteggerlo.

La città galleggiante di U è sospesa in un cielo stellato infinito; Hosoda immagina Internet come una scintillante distesa di infinite connessioni possibili. Nel mondo sintetico, la telecamera è dinamica, con l’animazione resa in 3D.

La realtà di Suzu è più piatta e disegnata a mano. In U, gli avatar vengono generati automaticamente in base ai punti di forza nascosti dei loro utenti. Belle canta, perché Suzu ha qualcosa da esprimere. Il messaggio del film è veramente profondo: integrare le nostre vulnerabilità della vita reale con la persona che progettiamo significa diventare ancora più potenti.

belle la recensione

La riservata e solitaria Suzu vive in una campagna idilliaca, dove la linea dell’autobus, dopo l’estate, sarà presto interrotta. A parte la scuola, dove pochi la notano, U è il suo sfogo verso il mondo esterno. L’intelligente e cinico Hiro (doppiato da Ikura) è la sua migliore amica, la sua unica amica. Quando era una bambina, la madre di Suzu morì mentre cercava di salvare una bambina rimasta intrappolata da un fiume in piena. Di conseguenza, l’ormai 17enne lotta per trovare il suo posto nel mondo ed è lontana da suo padre. Solo su U, dove diventa la radiosa Belle, la star più popolare della piattaforma, può trovare la forza di cantare.

Scopriamo presto come Suzu stia giocando un ruolo. Ogni avatar su questa app viene creato dalle informazioni biometriche uniche di ogni utente. Quando Suzu ha creato il suo profilo ha caricato una foto di gruppo che includeva Ruka (doppiata da Tina Tamashiro), la ragazza più popolare e attraente della sua scuola, che ha fatto di Belle la sua immagine.

Hosoda, all’inizio di “Belle”, include riferimenti a “La bella e la bestia” in modi semplici. La popolarità online di Suzu aumenta fino a quando una creatura piena di lividi e incappucciata, seguita da un gruppo di autorità conosciute come i Justices, si lancia nel suo concerto degli U. I giudici, una banda di bulli muscolosi vestiti da supereroi, vogliono svelare la vera identità del Drago a causa del modo in cui combatte, apparentemente prendendo a pugni gli avversari nella sala, per rabbia piuttosto che per sport.

belle la recensione

Percependo un dolore interiore che lo sta alimentando, Suzu si innamora del Drago e si mette in diretta opposizione ai giudici.

Svelare l’ipocrisia ed essere veri

belle la recensione

Uno degli aspetti interessanti è che questo film-anime avvolge il mito classico dei luoghi comuni riguardanti gli adolescenti che affrontano le cotte del liceo: l’amico d’infanzia di Suzu, il bello e popolare Shinobu (doppiato da Ryô Narita), ad esempio, è una di queste fiamme il cui calore sembra sempre fuori portata (è non aiuta il fatto che si veda disgustosamente come il suo protettore quando non ne ha bisogno). Qualsiasi commento che il film cerca di fornire sulla cultura online non è mai scontato:

Internet esiste per alcuni come un deposito terapeutico per curare il dolore e la perdita e un paesaggio tossico per lamentele e bulli.

Belle colpisce subito grazie alla sua lussureggiante animazione, a volte è da cartone animato; in altri, è iperrealistico. Nella maggior parte dei casi, l’estetica si trasforma in forme fantastiche e stravaganti. Alcune immagini si depositano nel vostro cuore senza che ve ne rendiate conto: la moderna ricreazione virtuale del castello della Bestia, una specie di palazzo di cristallo è una di queste. Belle, adornata con un vestito rosa fluente, che canta in cima a una balena on altoparlanti mentre milioni di avatar di tutte le forme e dimensioni la circondano, ne rappresentano un’altra. La scena più spettacolare: un mare scintillante d’oro di voci protese in pura gentilezza, con la migliore canzone di Suza, in un film composto da un oceano di melodie portentose.

belle la recensione

I viaggi alla scoperta di se stessi dominano gran parte del cinema d’animazione contemporaneo. Un personaggio che mi viene in mente parallelo è Elsa in Frozen. Il percorso di Suzu è alquanto complicato – certamente visivamente – ma anche lei ha bisogno di “lasciare andare” e liberarsi dal suo passato e dal suo trauma, un’agonia che la storia non attenua mai. Suzu è inequivocabilmente, apertamente triste.

Le sue spalle sono sempre “chiuse” e la sua testa si abbassa, sbaglia e si ritrae dagli altri, sospirando e piangendo. Anche così, interroga, cerca e continua a provare a cantare. Ha perso la voce per il dolore.

Suzu è una figura commovente e comprensiva, ma c’è di più in lei, le emozioni agitate del personaggio e la performance vocale sensibile ed espansiva sono una ribellione alla propria “storia triste”.

Delicatamente in bilico su quel confine instabile tra infanzia e età adulta, scivola dal comicamente giovanile (bocca aperta) al sobriamente maturo. Può sembrare più giovane o più vecchia di quello che è.

Il modo in cui la grandiosa sceneggiatura di Hosoda riorganizza “La bella e la bestia” è altrettanto travolgente. Gli elementi costitutivi di base, le sue odi visive alla fiaba, costituiscono sicuramente una solida base. Ma Hosoda aggiunge premurosamente un nuovo terreno emotivamente fertile alla narrativa. Da esso germoglia un argomento difficile per cui sorge l’acuto dolore provato da chi spesso non viene ascoltato. Suzu deve imparare come la sua forza interiore può anche essere la sua forza esteriore. E come il suo talento, a parte la sua affascinante voce, risieda nell’empatia che mostra, non nella popolarità che gli altri le danno.

belle la recensione

Suzu continua a viaggiare tra la realtà e U mentre la storia si evolve e fa una deviazione in una fiaba. Gran parte di ciò che segue dopo questa svolta narrativa è familiare ed è immancabilmente toccante. Suzu si sta muovendo tra due mondi diversi, esteriormente inconciliabili – ognuno con le proprie trame, forme e colori – una divisione che riflette e parla delle sue lotte interne. E mentre si propone di scappare da tutto e tutti, ciò di cui ha finalmente bisogno è trovare un senso di integrità anche quando tutto sembra andare in pezzi…

Belle offre un raro focus sul lato positivo della vita online

belle la recensione

Molto prima che i cellulari diventassero quasi vitali, Mamoru Hosoda aveva già trovato un pozzo creativo negli universi virtuali. Il regista giapponese, specializzato in storie stravaganti su complicate dinamiche familiari e che ha ricevuto una nomination all’Oscar per il suo film d’animazione del 2018 Mirai, si è impegnato per la prima volta con la trasmutazione online delle nostre vite tra la fine degli anni ’90 e l’inizio degli anni ’00. Con molteplici progetti all’interno del popolare franchise multimediale Digimon, incentrato su creature digitali che popolano un regno parallelo, ha affinato le sue capacità di regista.

Probabilmente è uno dei pochi, forse l’unico regista, che ha affrontato il tema di Internet per 20 anni in vari progetti.

Mentre le affascinanti narrazioni di Hosoda spesso presentano realtà alternative e personaggi che nascondono il loro vero io, la sua preoccupazione per Internet come la conosciamo oggi è emersa in primo piano in Summer Wars del 2009, un film esaltante incentrato sui giovani che cercano di prevenire la catastrofe nella realtà mondo sconfiggendo una forza maligna in una battaglia online.

L’ultima avventura concettualmente audace di Hosoda, Belle situa la fiaba della vecchiaia “La bella e la bestia” nel contesto delle interazioni virtuali. La timida adolescente Suzu – doppiata in giapponese da Kaho Nakamura e da Kylie McNeill nel doppiaggio inglese – manca di fiducia a scuola, mentre a casa la comunicazione con suo padre è tesa.

Ma nel mondo di U – una piattaforma digitale in cui 5 miliardi di utenti assumono la forma di vividi avatar che manifestano le loro qualità interiori – si trasforma in Belle, un’affascinante pop star che affascina gli utenti finché un drago non sembra minacciare l’equilibrio di questo regno della rete.

Il regista ha pensato che la dualità tra la realtà e il mondo di Internet rispetto alla dualità della bestia creasse un contrasto interessante.

Anni prima di iniziare la produzione di Belle, Hosoda ha incontrato il leggendario Glen Keane, che è stato il supervisore all’animazione dell’adattamento Disney del 1991 di La bella e la bestia, in particolare per il personaggio della Bestia. Keane, dopo aver visto Belle, si è congratulato con lui per aver adattato la famosa favola all’era digitale.

Nonostante tutto quello che ha passato, Suzu rimane un personaggio femminile forte con un livello di grinta che onestamente non vediamo abbastanza negli anime. La rappresentazione delle donne di Hayao Miyazaki è più “dolciosa”, mentre altri registi come Makoto Shinkai e Masaaki Yuasa guidano la carica con film fantastici come Your Name e Ride Your Wave. Come molti altri mezzi, ai personaggi femminili viene spesso dato un brutto giro, ma Hosoda cerca di trarre ispirazione da tutte le persone nella sua vita che lo hanno ispirato.

Belle è anche basato su La bella e la bestia, che è un racconto del 18° secolo ambientato in una società feudale in cui alle donne viene assegnato il ruolo in questa struttura patriarcale di essere belle, e una parte di me si chiedeva come sarebbe cambiato se avessimo ambientato la storia oggi? Chi sarebbe considerata bella? Sarebbe qualcuno che è esternamente attraente e allegro e accetta la propria posizione nella società oppure sarebbe qualcuno che cerca di crescere e diventare più forte? Ed è esattamente ciò che fa Suzu diventando Belle. Belle la aiuta a diventare una versione più forte di se stessa ed è davvero bellissimo.

Belle è un film emotivamente implacabile per chiunque abbia perso qualcuno vicino, e Hosoda non ha paura di farlo sembrare crudo e intransigente. La stessa esecuzione può essere trovata in altri temi sparsi per tutta la narrazione. La Bestia – che in realtà è un ragazzino alle prese con la perdita della propria madre – è intrappolato in una famiglia con un padre violento che picchia lui e il fratello minore perché il suo stesso dolore si manifesta nella violenza nei confronti della prole che la sua defunta moglie ha lasciato indietro.

Non è più qui, e ora questi bambini sono un costante promemoria dell’amore che ha perso e che non si riprenderà mai. È straziante e Belle non ha paura di mostrare che la perdita può manifestarsi in modi indicibili, che si tratti di violenza, ritiro emotivo o scavare nei mondi virtuali per ritrovare se stessi.

L’identità di Kei come La Bestia lo ha dipinto come un essere pericoloso contaminato da cicatrici che rappresentano le sue lotte nella vita reale, e durante il film Belle cerca di creare una connessione con lui, per imparare come il loro trauma “si allinea” e cosa si può fare per risolverli entrambi. Non esiste una soluzione immediata, proprio come nel mondo reale, e Hosoda ci tiene a sottolinearlo.

 

 

Nido di Vipere, la recensione: quando l'ambizione incontra la disperazione
Nido di Vipere, la recensione: quando l'ambizione incontra la disperazione
Le Buone Stelle, la recensione: un altro capitolo nella definizione di famiglia
Le Buone Stelle, la recensione: un altro capitolo nella definizione di famiglia
Nido di vipere: nuova clip dal thriller di Kim Yong-hoon da domani in sala
Nido di vipere: nuova clip dal thriller di Kim Yong-hoon da domani in sala
Kamigami no Fukaki Yokubo, la recensione: Profound Desires of the Gods
Kamigami no Fukaki Yokubo, la recensione: Profound Desires of the Gods
Call of God - Köne taevast, la recensione: l'attesa dell'amore a volte non paga
Call of God - Köne taevast, la recensione: l'attesa dell'amore a volte non paga
Love Life, la recensione: la distanza, l'amore e la vita di coppia
Love Life, la recensione: la distanza, l'amore e la vita di coppia
I 10 migliori registi contemporanei cinesi che sono stati pionieri
I 10 migliori registi contemporanei cinesi che sono stati pionieri