Heaven: To The Land Of Happiness, la recensione: un road movie con una destinazione obbligata

3 mesi fa

7 minuti

Heaven: To The Land Of Happiness, la recensione

Avete presente quei film che vi lasciano una sensazione confortante di calore e felicità?  Iniziamo la recensione di Heaven: To The Land Of Happiness dicendovi che è proprio uno di quei film. Originariamente selezionato per Cannes 2020 ma non proiettato a causa della pandemia, il film di Im Sang-Soo ha invece ricevuto la sua prima mondiale come attrazione della serata di apertura a Busan 2021.

Una proposta molto diversa dalle sue opere emotivamente spinose e politicamente provocatorie, tra cui The President’s Last Bang, La moglie dell’avvocato e The Taste of Money.

Questa gita in una campagna coreana meravigliosamente fotografata vi catapulterà in uno stato d’animo molto più rilassato e riflessivo.

Con solo due settimane di vita, il prigioniero 203 (la star di Old Boy, Choi Min-Sik) prende il controllo del proprio destino. Con l’assistenza riluttante dell’infermiere dell’ospedale Nam-sik (Park Hae-Il, The Host), che, in un modo o nell’altro, ha la propria pesante condanna incombente su di lui, il prigioniero 203 mette in scena un’evasione in un carro funebre rubato.

Ma la bara che rubano, insieme al veicolo, viene fornita da un duo di gangster che lavorano per un boss del crimine malato e anziano (Youn Yuh-Jung, vincitore dell’Oscar per Minari) e sono molto coinvolti nel reclamare il suo contenuto.

Questa commedia amabile e ambigua di Im Sang-Soo spunta la casella mancante del road movie con malattia terminale annessa: i due colmano le loro differenze per trovare una vera amicizia; nell’affrontare la morte riscoprono la gioia della vita.

Heaven: To The Land Of Happiness, come accennato, era stato incluso nella sezione di Cannes 2020 – in precedenza, il regista però aveva già portato due film, The Housemaid (2010) e The Taste Of Money (2012). La pandemia ha precluso una proiezione, tuttavia, e il film ha ricevuto la sua prima mondiale a Busan più di un anno dopo.

Originariamente annunciato come remake del film tedesco Knockin’ On Heaven’s Door, il film si è discostato notevolmente dal materiale originale, che ora è relegato allo stato di “ispirazione”. Ma indipendentemente dal fatto che la storia sia originariamente radicata in Europa, questo è un film che, con il suo sentimentalismo imperturbabile e il suo ritmo languido, sembra essere più in sintonia con il mercato interno che con il pubblico internazionale.

Heaven: To The Land Of Happiness, la recensione

Il prigioniero 203 – non conosciamo il suo vero nome fino alla fine – ha degli affari in sospeso e, con un tumore al cervello inoperabile che provoca convulsioni regolari, vive con una condanna, è proprio il caso di dire, nella sua testa. Ci sono due cose che vorrebbe rivedere: una è la figlia con cui sente di aver sbagliato tutto, l’altra è il mare. Nam-sik, nel frattempo, ha la sua diagnosi terminale: ha la malattia di Fabry e la sua sopravvivenza dipende dalle medicine che ruba dal negozio dell’ospedale. Alla modica cifra di 30.000 dollari al mese per l’acquisto, l’accesso legittimo al farmaco è ben al di là delle sue possibilità e la sicurezza dell’ospedale si sta avvicinando a lui.

I problemi finanziari di Nam-sik sono risolti, almeno temporaneamente, quando diventa chiaro che la bara nel carro funebre non contiene un defunto… I due uomini sono perseguitati sia dalla polizia che dai gangster. Nel frattempo, anche la figlia di 203 viene presentata come personaggio. Piuttosto, quello che cambia tono del film è quando il regista esclude completamente i gangster per gran parte del film e intraprende un viaggio di ricerca dell’anima nel secondo atto che rafforza la connessione tra i due personaggi centrali ma rallenta il ritmo della narrazione.

In definitiva, il paradiso è più divertente quando abbraccia il caos di un inseguimento: le persone si buttano giù dagli edifici; un inseguimento in motorino che attraversa sottopassaggi pedonali e binari ferroviari fornisce una carica di energia tanto necessaria. Non ci sono troppe sorprese nella trama: qualsiasi film che prevede un cancro al cervello invasivo può davvero finire solo in un modo. Ma è un pezzo di narrazione dal cuore grande che suggerisce che la felicità può essere trovata altrettanto facilmente nelle fugaci connessioni umane.

Im Sang-soo realizza un road movie di amici che celebra la vita con due improbabili fuggitivi. Cose più strane sono successe negli ultimi anni, ma per fortuna, Heaven: To the Land of Happiness è tra le sorprese piacevoli. Di seguito il trailer pubblicato su YouTube:

On the road again…

Heaven: To The Land Of Happiness, la recensione

Continuiamo la recensione di Heaven: To The Land Of Happiness, dicendo che Nam-sik lavora come inserviente in un ospedale dove ruba medicine costose per la sua malattia di Fabry. Il giorno in cui viene scoperto che sta rubando, incontra il prigioniero 203, un anziano detenuto che è stato portato in ospedale, dove gli viene detto che il suo tumore al cervello è peggiorato e che non gli restano più di due settimane di vita.

Mentre Nam-sik accompagna 203 in bagno, assiste al detenuto che tenta una fuga e, con la sua stessa libertà in gioco con la direzione e la polizia quasi addosso, aiuta 203 a scappare in un carro funebre. Mentre i due fuggitivi corrono attraverso il paese per vedere la figlia di 203 prima che lui muoia, vengono inseguiti dalla polizia e da un paio di gangster desiderosi di riavere la bara che si trova nel carro funebre per qualche motivo.

Im Sang-soo, noto soprattutto per le sue opere provocatorie che generano pesanti discussioni, si ispira alla produzione tedesca del 1997 per scrivere e dirigere un lungometraggio diverso dalle altre opere della sua carriera. Per sua stessa ammissione, il progetto nasceva dalla richiesta dei suoi produttori di produrre qualcosa che avesse un fascino più ampio e facesse soldi. In questo senso, Heaven: To the Land of Happiness riesce mantenendo un tono spensierato e umoristico per tutto il tempo.

Sebbene si tratti principalmente di fuggitivi, entrambi con problemi di salute potenzialmente letali, il film si concentra maggiormente sullo sviluppo dell’amicizia tra i due, che si traduce in diversi momenti umoristici.

Nonostante il suo tono generale allegro, Im Sang-soo ha anche pensieri cupi nella sua mente, in particolare sulla morte e sulle decisioni che si prendono quando si affronta un orologio che indica esattamente il tempo che ti rimane. Per alcuni, sta gettando al vento la cautela e accompagnando un fuggitivo. Per alcuni, si tratta di vedere la loro amata per l’ultima volta e per altri ancora, è tutta una questione di soldi, fino all’ultimo respiro.

Considerazioni finali

Heaven: To The Land Of Happiness, la recensione

Concludiamo la recensione di Heaven: To The Land Of Happiness, considerando che la sceneggiatura trova un buon equilibrio tra divertimento e oscurità, con le sequenze di inseguimento e le scene che coinvolgono diversi personaggi che risultano tra le più divertenti. Anche con il nome del regista come garanzia e l’interessante premessa, il coinvolgimento di Choi Min-sik è stato il più grande vantaggio per questo progetto e la sua presenza non delude mai.

L’attore veterano raramente sbaglia e questa non fa eccezione, con Choi che attraversa un viaggio di emozioni.

La narrazione si basa fortemente sull’amicizia, in effetti, sulla dipendenza tra 203 e Nam-sik e, per fortuna, Choi condivide una gioiosa chimica con il sempre affidabile Park Hae-il che interpreta Nam-sik, che è un piacere da guardare. Altrove, Yoon Jae-moon nei panni del poliziotto maldestro la maggior parte del tempo porta risate e, in un pezzo ispirato di scrittura, Youn Yuh-jung, regolare di Im Sang-soo, ruba la scena nei panni di un boss della mafia morente.

I road movie spesso equivalgono a luoghi meravigliosi e questo ci porta attraverso la bellissima campagna sudcoreana, lussureggiante con alberi verdi ad alto fusto, vasti campi e spiagge pulite. Quando non è in viaggio, la fotografia di Kim Tae-kyung segue gli standard che ci si aspetta dai blockbuster coreani, mantenendo l’illuminazione del film così brillantemente come 203 vuole vivere il resto dei suoi pochi giorni.

Una particolare ripresa aerea sulla spiaggia e un’altra in una vasta regione simile a una foresta con alberi ad alto fusto tutt’intorno sono degne di nota per le loro capacità maestose.

C’è qualcosa da (ri)dire sulla pura prevedibilità della trama e sul finale, che sembra fin troppo brusco, ma il film di Im Sang-soo, è un divertente road movie / film di una strana coppia che dovrebbe godersi un sano festival cinematografico e, come previsto dal produttore, dovrebbe rivelarsi un relativo successo al botteghino.

 

78
Heaven: To The Land Of Happiness
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di Heaven: To the Land of Happiness dicendo che nonostante le sue patch lente e una colonna sonora che si abbandona a una chitarra da discoteca in stile anni '70, il film raggiunge una destinazione che potrebbe essere molto familiare ma lascerà molti spettatori con lo stesso tipo di sensazione di un momento di riflessione che regala gioia e senso di libertà.

ME GUSTA
  • Im Sang-Soo si mette alla prova in una tipologia di film che stupirà il suo pubblico abituale.
  • La star di Old Boy, Choi Min-Sik è sempre una garanzia di superba recitazione.
  • La narrazione è nettamente divisa in due ma trova uno equilibrio.
  • La fotografia è a dir poco lussureggiante e piena di luce.
FAIL
  • La seconda parte del film perde un po' di velocità ma non di intensità.
  • Alcuni personaggi secondari diventano un vero e proprio contorno e vanno a "sparire".
The Man Who Paints Water Drops, la recensione: la storia di  Kim Tschang-Yeul
The Man Who Paints Water Drops, la recensione: la storia di Kim Tschang-Yeul
Beauty Water, la recensione: quando la bellezza può essere letale
Beauty Water, la recensione: quando la bellezza può essere letale
Shark: The Beginning, la recensione: "Non puoi essere debole adesso."
Shark: The Beginning, la recensione: "Non puoi essere debole adesso."
Deliver Us From Evil, la recensione: thriller tagliente e acuto sulla vendetta
Deliver Us From Evil, la recensione: thriller tagliente e acuto sulla vendetta
Deliver Us From Evil, la recensione: thriller tagliente e acuto sulla vendetta
Deliver Us From Evil, la recensione: thriller tagliente e acuto sulla vendetta