Moon Knight, la recensione: il confine tra sogno e realtà non è mai stato così sottile

3 mesi fa

7 minuti

moon knight la recensione

Moon Knight, Caballero Luna, Chevalier de la lune… è interessante scoprire come cambiando paese il nome di un personaggio cambi ma la sua natura rimanga una sorta di “linguaggio universale”. Iniziamo la recensione di Moon Knight con questa considerazione e ricordandovi che sarà la prima serie Marvel a raggiungere la piattaforma quest’anno e le aspettative sono mooolto alte.

Moon Knight vedrà Oscar Isaac nei panni (e che panni!) di un eroe mascherato affetto da disturbo dissociativo dell’identità; finora grazie ai trailer e filmati avete visto solo scorci della sua normale identità come lavoratore del museo Steven Grant e come vigilante mascherato: ma chi è davvero Marc Spector? È interessante notare che Spector è la personalità principale nei fumetti, ma è il personaggio che i trailer hanno evidenziato di meno…

Fino ad ora la maggior parte delle serie Marvel sono state generalmente adatte per la visone da parte delle famiglie, ma Moon Knight includerà alcuni elementi horror psicologici da non sottovalutare. La serie può arrivare ad essere anche inquietante, se poi alcuni di voi hanno mai sofferto di insonnia capire meglio anche il perché.

Il debutto della premiere è arrivato e potrete dare finalmente un senso a tutto quello che avete già visto dal trailer, con il dio della luna egizio Konshu in tutta la sua inquietante gloria. Date un’occhiata al trailer pubblicato su YouTube qui sotto:

Day and (Moon) Knight

moon knight la recensione

Questa recensione di Moon Knight vuole essere spoiler free ma darvi comunque degli indizi su come affrontare la visione di questa particolare serie Marvel. Perché abbiamo usato questo titolo? Molto semplice, come alcuni di voi ricorderanno il trailer di Moon Knight presentava una canzone molto famosa, Day ‘n’ Nite, uscita nel 2008 cantata da Kid Cudi, ovviamente la scelta di questa canzone non è casuale. Quindi adesso vi tocca sorbirvi un po’ di storia di questa canzone e capirete perché è importante una volta che vedrete la serie.

Fin dai primi del trailer, gli spettatori sono costretti a entrare nella realtà deformata che affligge la mente di Marc. Subito dopo, allo scadere dei 24 secondi, una voce canta Day and night sul logo dei Marvel Studios con uno sfondo bianco. Questo inquietante mantra continua per tutto il resto del trailer. Questo filmato fa sì che i fan si chiedano solo quali demoni perseguitino Marc.

Anche se il remix la fa apparire come un nuovo pezzo in realtà la canzone originale, Day ‘n’ Nite, che è stata rivoluzionaria nel rap dei primi anni 2000 ha reso Kid Cudi un astro nascente. I veri fan dell’hip-hop ricorderanno che il brano del 1991 “My Mind is Playing Tricks on Me”, del gruppo rap Geto Boys, ha ispirato il primo successo di Kid Cudi. La canzone è diventata disco di platino cinque volte e ha attirato l’attenzione di Kanye West, che ha contribuito a promuovere la carriera dell’allora giovane artista.

Il rapper della costa orientale ha creato un suono caratteristico con “Day ‘n’ Nite”, infatti sia il testo che il loop continuo della melodia inquietante corrispondono con precisione al tono di Moon Knight.

L’abbinamento delle parole del testo come Day and night, In my mind at night e Hold the phone con le immagini inquietanti del trailer trasporta il pubblico nello stesso loop mentale che intrappola Marc e con cui combatte 24 ore su 24.

Protettore degli innocenti

moon knight la recensione

Prima di concludere questa recensione di Moon Knight, dovrei svelarvi un segreto: siamo fan di Moon Knight da molto tempo. A parte i forti confronti con Batman, abbiamo sempre amato il design del personaggio, così come il modo in cui l’uomo sotto la maschera, Marc Spector, sia un po’ fuori di testa. Un mercenario morente a cui viene data una nuova vita dal dio egizio Khonshu, Moon Knight è passato da essere una sorta di Batman meno conosciuto al suo stesso personaggio, con la sua serie di problemi, sia fisici che mentali.

A portare alla luce questa serie, che non sarà come niente che avete già visto nel MCU, lo scrittore Jeff Lemire e l’artista Greg Smallwood, che si concentrano principalmente sull’angoscia mentale del nostro eroe.

Intrappolato in un manicomio con le linee della realtà che si confondono ad ogni angolo, Spector lotta con la propria identità: pensa di essere Moon Knight, ma c’è un Moon Knight al telegiornale mentre è ricoverato. La mente è una cosa fragile e, per Spector, sembra che questa potrebbe essere l’ultima goccia.

Lemire si concentra sulle lotte interne del nostro eroe, piuttosto che introdurre eventuali “grandi cattivi” esterni, il tutto funziona come un set per quella che sembra essere un’antica battaglia “dio contro dio”.

Nessuna linea narrativa è scontata qui, scoprire chi è Khonshu, la voce nella sua testa e il dio che lo ha riportato indietro dalla morte. Lo stile artistico di Smallwood si adatta bene a questo “problema” e cambia da una situazione all’altra.

Forse alla fine l’unico difetto che si può trovare alla serie è che vorresti più azione, ma invece è tutto un grande vantaggio per il prossimo capitolo. Un eroe di strada che dispensa giustizia brutale, questa serie fa brillare l’eroe come dovrebbe.

moon knight la recensione

La premessa del dio della luna egizio Khonshu che lo resuscita, ponendo su di lui l’onere di diventare il “cavaliere della luna”, protettore degli innocenti, funziona bene. Moon Knight infatti è uno degli eroi più oscuri della Marvel, e la serie ha affrontato il suo Dissocative Identity Disorder (DID) in modo molto interessante. Sia che gli spettatori siano interessati alle sequenze d’azione o ai misteri che circondano il protagonista, la serie ha davvero molto da offrire.

C’è anche molto da imparare, soprattutto per chi non ha mai avuto modo di leggere i fumetti sul personaggio. Potrà approfondire con la serie le teorie e tutti i dettagli importanti di Moon Knight.

Essendo una recensione spoiler free di Moon Knight non possiamo svelarvi molto altro,  quello che vedrete è che Steven Grant, un mite impiegato di un negozio di articoli da regalo, viene afflitto improvvisamente da blackout mentali e ricordi di un’altra vita. Steven scopre di avere un disturbo dissociativo dell’identità e condivide un corpo con il mercenario Marc Spector. Quando i nemici di Steven/Marc convergono su di lui, deve navigare nelle loro complesse identità mentre sono spinti in un mistero mortale tra i potenti dei dell’Egitto.

Perché è importante la linea che separa il sogno dalla veglia? Perché si parla di caos? Bene, prima di salutarci e concludere la recensione di Moon Knight facciamo un breve excursus anche sul sogno e sul sonno.

Stati di sonno primitivi si sono sviluppati dal ciclo di rotazione terrestre, in cui le attività erano vincolate da periodi alternati di luce e oscurità.

I rettili, gli uccelli, i mammiferi e i primati esistenti mostrano il sonno a onde lente (SWS) e il sonno REM (rapid eye movement), il che suggerisce uno sviluppo evolutivo iniziale che risale ad almeno 300 milioni di anni fa o prima.

Potrebbe non esserci stato un unico scopo del sonno, tuttavia, sono state suggerite molteplici ragioni per la sua evoluzione e diverse fasi del sonno, tra cui la riduzione del fabbisogno energetico, la facilitazione dell’apprendimento e della memoria, la rimozione dei metaboliti di scarto, l’adescamento per le successive attività di veglia di successo e l’aiuto per la creatività.

Quando l’Homo erectus apparve circa 1,9 milioni di anni fa, fece una transizione completa alla vita terrestre, incluso dormire a terra invece che nei nidi sugli alberi. Il sonno a terra ha prodotto un unico periodo di sonno integrato, che ha avuto molte ripercussioni cognitive positive.

Chiaramente Oscar Isaac riesce a dare un’interpretazione eccellente di quello che il disturbo del protagonista: l’esperienza primaria che determina la predisposizione alla dissociazione e quindi a modelli cognitivi multipli del sè, con una sensazione di minaccia costante al senso di continuità, unità ed identità della coscienza, che caratterizza in genere lo sviluppo della personalità.

Un disturbo del sonno, non riuscire a distinguere tra realtà e sogni, è così che vi sentirete anche voi guardando la serie. Non arriverete ad avere allucinazioni e ad un certo punto a vedere il dio della luna Khonshu ma ci andrete molto vicino. Come ogni buona serie Marvel avrete a che fare anche con il leader del culto Arthur Harrow, vi troverete davanti una stagione davvero emozionante.

moon knight la recensione

Moon Knight vi aspetta dal 30 Marzo su Disney+ con un episodio a settimana

87
Moon Knight
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di Moon Knight ribadendo il concetto che una serie Marvel così non si era mai vista ed è davvero una bomba. Isaac potente e allo stesso tempo divertente, i toni della serie sono tanti ma si amalgamano in maniera superba.

ME GUSTA
  • Oscar Isaac come sempre riesce a dare una marcia in più a tutti i ruoli che interpreta. Una sorta di Re Mida della recitazione.
  • La narrazione della serie vi darà una sensazione di straniamento come quella provata dal personaggio... maneggiate gli episodi con cura.
  • Una serie MCU fuori dal normale, davvero. In tutti i sensi.
FAIL
  • Unico difetto: forse ci sarebbe voluta un po' più d'azione ma è solo per essere pignoli.
Obi-Wan Kenobi, la recensione dell'episodio finale: "Questa è la fine per te, mio maestro"
Obi-Wan Kenobi, la recensione dell'episodio finale: "Questa è la fine per te, mio maestro"
Obi Wan-Kenobi, la recensione del quinto episodio: il passato e le ferite aperte
Obi Wan-Kenobi, la recensione del quinto episodio: il passato e le ferite aperte
Obi-Wan Kenobi, la recensione del quarto episodio: un richiamo all'epoca d'oro di Star Wars
Obi-Wan Kenobi, la recensione del quarto episodio: un richiamo all'epoca d'oro di Star Wars
Ms. Marvel, la recensione: il sogno di ogni amante dei fumetti che prende vita
Ms. Marvel, la recensione: il sogno di ogni amante dei fumetti che prende vita
Obi-Wan Kenobi, la recensione del terzo episodio: una prima resa dei conti
Obi-Wan Kenobi, la recensione del terzo episodio: una prima resa dei conti
Obi-Wan Kenobi, la recensione dei primi due episodi: brividi e nostalgia nella Galassia lontana lontana...
Obi-Wan Kenobi, la recensione dei primi due episodi: brividi e nostalgia nella Galassia lontana lontana...
Marvel’s Hit-Monkey, la recensione: tra cinecomics e Quentin Tarantino
Marvel’s Hit-Monkey, la recensione: tra cinecomics e Quentin Tarantino