The Gilded Age, la recensione: un opulento scontro tra il vecchio e il nuovo

3 mesi fa

7 minuti

The Gilded Age la recensione

Prima di gustare la recensione di The Gilded Age, vogliamo farvi una domanda: per un attimo siamo seri e ammettiamo il vero motivo per cui ci piacciono così tanto le serie della HBO. Per la qualità? Sì, di solito è più alta qui che altrove. Per l’originalità? Di solito sì, almeno fino all’inizio del periodo di sequel e reboot. Ma in realtà, l’unica cosa che ha da sempre funzionato come un magnete gigante, beh, è la depravazione. C’è una propensione alla violenza, al linguaggio volgare, al sesso e alla nudità. I drammi della HBO hanno sempre avuto un tocco maturo, penso che molti di voi si ricordino ancora la prima puntata de Il Trono di Spade…

Ora forse penserete che questo è un aspetto poco importante, ma per i suoi primi decenni di programmazione originale, HBO aveva bisogno di quel vantaggio per distinguersi. Non molto tempo fa i servizi in abbonamento erano un mercato di nicchia e i componenti aggiuntivi del pacchetto satellitare e via cavo dovevano offrire qualcosa che gli altri canali non potevano.

Perché questa introduzione non richiesta? Per prepararvi, a un tipo completamente diverso di dramma in costume della HBO. L’ultima storia d’epoca di Julian Fellowes è puro intrattenimento dolce e beato. Guardare i primi due episodi ha suscitato una reazione simile al godersi un ultimo caldo caminetto invernale prima dell’arrivo della primavera.

Il raffinato racconto del conflitto di classe all’inizio della Gilded Age assapora la sua vasta produzione, gli splendidi guardaroba e il talentuoso ensemble tanto quanto preserva la sua atmosfera rispettosa.

Dopotutto, l’obiettivo comune dei personaggi di Fellowes è quello di essere “il membro più dignitoso della società”. Apparire un gentiluomo invece di essere un gentiluomo è un suicidio sociale, e dove uno si trova sulla scala pubblica del successo è tutto, sia che sia necessario mantenere le apparenze per accedere a opportunità a lungo negate o per la semplice soddisfazione di sapere che sei un gradino più su rispetto a qualcun altro. Di seguito il trailer pubblicato su YouTube:

Nuovi ricchi, vecchie regole

The Gilded Age la recensione

Continuiamo la recensione di The Gilded Age definendo chi ci consentirà l’ingresso nell’aristocrazia newyorkese della fine del XIX secolo, ovvero Marian Brook (interpretata da Louisa Jacobson, per chi non lo sapesse la figlia di Meryl Streep), una giovane donna della Pennsylvania rimasta senza nulla dopo la morte di suo padre. Costretta a lasciare la casa in affitto che pensava fosse della sua famiglia, l’unica opzione pratica di Marian è quella di raggiungere le sue due ricche zie a New York. Lungo la strada, incontra un’aspirante scrittrice di nome Peggy Scott (Denée Benton), e le due stringono una rapida amicizia presto complicata dal costante ostacolo del tempo: la classe.

Al loro arrivo a Manhattan, le circostanze li portano entrambi alla raffinata incursione delle zie di Marian, Agnes van Rhijn (una meravigliosa e nata per questo ruolo Christine Baranski) e Ada Brook (Cynthia Nixon). Nonostante la sua iniziale resistenza a ospitare la nipote ribelle e l’istintiva sfiducia nei confronti della sua nuova amica:

“Una sconosciuta donna di colore ti ha prestato dei soldi per andare a New York? Lo trovo molto improbabile”.

Agnes cede ad entrambi, facendo in modo che Marian incontri i suoi conoscenti di classe superiore e assumendo in seguito Peggy come segretaria personale.

Ben presto, la casa si riempie di divergenze di opinione passive aggressive, costruite allo stesso modo da divisioni generazionali e punti ciechi culturali, ma sono tutte gestite con classe.

Dopotutto, i Brooks sono una famiglia, e mentre Ada e Marian amano sinceramente Peggy, anche Agnes mostra il rispetto guadagnato da un abile impiegata.

Il punto in cui Agnes mostra i confini netti tra la vecchia società e la nuova – ripetutamente e con battute taglienti perfettamente esaltate dall’impeccabile esecuzione di Baranski – è con i suoi nuovi vicini. I Russell sono ciò che i Brooks più anziani chiamano New Money.

George (Morgan Spector) ha fatto la sua enorme fortuna come magnate delle ferrovie e sua moglie, Bertha (Carrie Coon), ne ha speso un pezzo nella loro sontuosa villa proprio di fronte agli occhi indiscreti di Agnes e Ada. Nonostante la loro curiosità, nessuna delle due zie oserà avventurarsi per dare un’occhiata all’interno della magnifica tenuta; semplicemente non si abbasseranno a questi nuovi ricchi, né concederanno loro il vantaggio dello status elevato dei Brooks.

Eleganza e ferocia

The Gilded Age la recensione

Lo so, volete saperne di più ma la conclusione della nostra recensione di The Gilded Age è vicina. Bertha vuole l’unica cosa di cui George ha ancora bisogno: essere accettati dalla vecchia New York e diventarne parte ad ogni costo. Capisce quanto possa essere fugace una fortuna, rispetto all’adesione al club sociale d’élite che protegge “la propria gente” per generazioni.

Sa di aver conquistato il mondo degli affari e l’unico modo per continuare a crescere è fare amicizia (o battere) i politici e i responsabili politici che modellano città, stati e paesi.

Coon ha il compito di stabilire la posta in gioco della serie attraverso un momento di fuoco per chiudere la premiere, gridando a suo marito che non solo non smetterà mai di combattere per elevare la statura della famiglia, ma cercherà anche vendetta su coloro che bloccano la loro scalata. È il tipo di momento che in altre mani sarebbe un perno indimenticabile della malvagità.

Chiedere a un gruppo di attori di talento di incarnare persone i cui desideri più profondi sono condivisi solo attraverso un sorriso timido o un cipiglio appuntito è come lanciare erba gatta a un gruppo di felini selvatici, ma il cast di The Gilded Age fornisce ancora l’imbarazzo della ricchezza interpretativa in questo senso.

Elegante e feroce in egual misura, costruisce rapidamente Bertha come una brillante stratega la cui singolare concentrazione non la distrae dal vedere gli altri chiaramente. Ha anche gli abiti più fantastici e assurdi mai visto, per gentile concessione della costumista Kasia Walicka Maimone, adatti al bisogno di Bertha di dimostrare il suo valore.

Jacobson e Benton incarnano l’ingenuità giovanile senza sacrificare intelligenza ed empatia; sono entrambi i protagonisti ideali del pubblico, che guidano The Gilded Age in avanti nei panni della prossima generazione che spinge per il cambiamento attraverso la positività. Nixon è più forte quando presta servizio come zia di supporto (i suoi momenti più frenetici sono troppo vicini alla versione maniacale di Miranda, il discorso che facevamo su il non saper uscire da un ruolo che si è ricoperto per molto tempo), ma è Baranski a rubare la scena. Le sue scene hanno una potenza particolarmente innegabile. Nonostante la sua influenza, il personaggio non è certo una presenza prepotente nella serie. È Baranski che la rende così audace.

La combinazione di una narrazione piuttosto serena incentrata su individui estremamente ricchi potrebbe rivelarsi difficile per un pubblico stufo dei problemi dei ricchi. Non vi ricorderà niente di ciò che avete visto prima mi dispiace per i pigri che vi diranno che è simile a Bridgerton, non lo è. A una manciata di membri dello staff della casa vengono dati i propri archi narrativi, ma finora nessuno è paragonabile alla gente “del piano di sopra”. Allo stesso modo, non è paragonabile nemmeno a Downton Abbey, le somiglianze esteriori non sono sufficienti a garantire quelle interiori. Ma se normalmente siete appassionati di serie tv drammatiche in costume, The Gilded Age vi servirà un sacco di intrattenimento nelle settimane a venire. Cercate solo di ricordare che è su Sky ed un prodotto della HBO.

 

The Gilded Age è disponibile per la visone su Sky e NOW.

 

 

83
Gilded Age
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione del primo episodio di The Gilded Age dicendo che come episodio pilota è favoloso in tutta la sua opulenza e snob quanto basta. Scherzi a parte, HBO come sempre rimane una garanzia per portare sugli schermi una storia e renderla "la storia".

ME GUSTA
  • L'ensamble di attori è favoloso e ognuno è perfettamente in linea con la propria parte.
  • L'opulenza dei costumi e magnifica e vorresti vederne sempre di più.
  • Per ora la storia nella storia susciterà la curiosità anche degli spettatori più scettici.
FAIL
  • Solito discorso: alcuni faranno fatica a rimanere concentrati su un episodio di un'ora
Devil May Cry, la recensione: un nuovo Inferno per Dante
Devil May Cry, la recensione: un nuovo Inferno per Dante
Halo, la recensione: valeva la pena aspettare!
Halo, la recensione: valeva la pena aspettare!
Yellowjackets, la recensione: un Ensemble eccellente
Yellowjackets, la recensione: un Ensemble eccellente
Succession 3, la recensione: i am better than you
Succession 3, la recensione: i am better than you
Friends: The Reunion, la recensione dello speciale che gioca sulla forza dei ricordi
Friends: The Reunion, la recensione dello speciale che gioca sulla forza dei ricordi
ANNA, la recensione dell'incredibile e meravigliosa serie TV di Niccolò Ammaniti
ANNA, la recensione dell'incredibile e meravigliosa serie TV di Niccolò Ammaniti
ANNA, la recensione dell'incredibile e meravigliosa serie TV di Niccolò Ammaniti
ANNA, la recensione dell'incredibile e meravigliosa serie TV di Niccolò Ammaniti