The Book of Boba Fett, la recensione del settimo episodio: In the Name of Honor

65
5 mesi fa

7 minuti

The Book of Boba Fett, la recensione del settimo episodio

Recensione (con SPOILER) del settimo (e ultimo) episodio di The Book of Boba Fett in arrivo. Pare che la serie abbia finalmente ricordato chi dovrebbe essere il suo personaggio principale, in un capitolo conclusivo che “mette il turbo” nel finale. Riprendendo subito dopo gli eventi esplosivi dell’episodio della scorsa settimana, Capitolo 7: In The Name Of Honour si apre con Boba (Temeura Morrison) e Fennec (Ming-Na Wen) che frugano tra le macerie del Santuario di Mos Espa.

Nelle ultime sette settimane abbiamo visto l’ex cacciatore di taglie diventare un leader, formare legami emotivi con coloro che lo circondano e tentare di fare qualcosa proprio sul pianeta che lo ha visto fare i conti con la morte. Anche se ci sono stati sicuramente alti e bassi, con deviazioni (come due episodi completi di The Mandalorian), è stato un viaggio molto divertente.

Ogni episodio de The Book of Boba Fett è stato il nostro piccolo tesoro settimanale di Star Wars.

A volte ci ha lasciato sensazioni bellissime, altre volte ci ha lasciati interdetti, ma non abbiamo visto l’ora comunque di vederlo.

Dal momento in cui l’episodio è iniziato, c’è stata una notevole differenza: Boba Fett era effettivamente il protagonista della serie che porta il suo nome, che è stata una sorpresa inaspettata ma non spiacevole. Le cose sono riprese solo da lì, con Boba che ha un ruolo attivo nel piano per affrontare il Pyke Syndicate senza dover entrare una volta in un Bacta Tank e tornare indietro con i ricordi alla sua vita con i Tusken.

Non si capisce perché Boba abbia ascoltato il piano francamente bizzarro dei Modder di organizzare la loro ultima resistenza tra le rovine del Santuario.

Forse si sarebbe potuto dedicare un po’ di tempo a spiegare perché Boba aveva bisogno di mettersi alla prova con la gente della città invece di creare la terza stagione di Mando?

Parlando di Mando, probabilmente questo episodio abbia trovato il “miglior uso” per lui. Anche se abbiamo apprezzato le sue ultime due avventure, ci hanno distratto dalla storia che dovrebbe guidare The Book of Boba Fett. Nel Capitolo 7, funge infatti semplicemente da alleato in più per Boba Fett e il suo equipaggio, sparando ai soldati Pyke come se non ci fosse un domani.

In the Name of Honor

The Book of Boba Fett, la recensione del settimo episodio

Continuiamo la recensione del settimo episodio di The Book of Boba Fett, dicendo che tutti i personaggi secondari sono usati in modo abbastanza efficace; ognuno di loro, da Krrsantan ai Modder, ottiene un divertente momento da eroe alla fine. Voglio dire, sarebbe bello se non dovessi letteralmente cercarli su Google per ricordare i loro nomi, ma non possiamo avere tutto ora, vero? Non quando ci sono spin-off da creare.

A proposito di spin-off, Grogu è davvero tornato. Come fate a non amare il piccolo divoratore di ranocchi e il fatto di vederlo riunito con il suo papà spaziale? Personalmente, quella scena ha riempito la pompa di ossigeno cibernetica che ha sostituito il mio cuore con qualcosa di simile alla gioia.

Fennec Shand è stata il momento clou della serie e continua a stupire. L’assassino del crack shot non salva solo i modder, elimina anche il personaggio meno preferito in assoluto della serie, il permaloso (ed inutile) sindaco di Mos Espa. Più scene con lei in futuro, per favore.

In definitiva, questo episodio riesce a colpire più degli ultimi perché Boba Fett vi gioca un ruolo attivo.

È Boba che attacca i Pyke, Boba che si scontra con Cad Bane, ed è Boba che salva la situazione cavalcando il suo Rancor come un cavaliere a cavallo per salvare la principessa, che in questa particolare metafora è una banda di criminali, assassini e un cacciatore di taglie.

Boba Fett returns!

The Book of Boba Fett, la recensione del settimo episodio

Ci avviciniamo alla conclusione della recensione del settimo episodio di The Book of Boba Fett con la considerazione che le aspettative che Boba avesse qualcosa da fare erano così basse che forse ci aspettavamo che il povero cacciatore di taglie mezzo digerito venisse messo fuori combattimento, lasciando Mando e Grogu a salvare la situazione.

Ma no, Boba Fett combatte per tutto il tempo, offrendo alcune scene d’azione impressionanti e tese che dimostrano esattamente perché la serie avrebbe dovuto avere più coraggio nel suo concetto centrale e “darci più Boba Fett”.

Ci sono ancora molte domande. Mando sottolinea che probabilmente potrebbero scappare facilmente sulla nave di Fett, ma il cacciatore di taglie vuole restare. Si presume che la sua acquisizione dell’ex territorio di Jabba fosse motivata finanziariamente, ma no, la sua motivazione sembra il fatto di voler appartenere a un popolo.

Probabilmente questo doveva essere il punto di tutta la storia e la convivenza con i Tusken, che Boba ha imparato il valore di avere una tribù, ma quel legame sembra molto più tenue qui.

Abbiamo visto l’interesse di Fett per i crediti e il lavoro per se stesso durante la serie e sembra l’ennesima revisione del personaggio vederlo improvvisamente prendersi cura della brava gente di Mos Espa nel finale.

La cosa irritante è che non ci sono dubbi sul fatto che il team creativo dietro The Book of Boba Fett sia un gruppo di talento, e non ci sono dubbi che avrebbero potuto fornire un arco del personaggio credibile per Fett che lo ha portato al punto in cui lo troviamo nel finale. Ma non l’hanno fatto. Invece, hanno consegnato ciò che pensavamo volessimo: spade laser, Jedi e cammei.

Fondamentalmente, ci hanno dato da mangiare fanservice invece di una trama più succulente, e il fanservice è molto simile al gelato. È delizioso e ne vuoi sempre di più, ma non è proprio un pasto, vero? No, ciò di cui The Book of Boba Fett aveva bisogno erano i punti narrativi di una storia coerente.

Sfortunatamente, Boba Fett non ha ricevuto la giustizia degna del suo personaggio e di conseguenza la serie è rimasta anemica e debole. Quindi anche se ci hanno dato uno dei migliori finali – e l’attacco di Rancor è stato davvero impressionante – ma alla fine, non significa nulla se non mi interessano i personaggi in pericolo, e semplicemente non ho avuto il tempo di affezionarmi a Boba e della sua banda.

The Book of Boba Fett, la recensione del settimo episodio

C’era una notevole differenza quando Mando e Grogu erano sullo schermo. La serie all’improvviso sembrava che avesse una posta in gioco perché ha investito tempo in quei personaggi.

Con Boba Fett, non riuscivamo nemmeno a descrivere quali fossero le sue motivazioni, né capivamo davvero perché avremmo dovuto preoccuparci se i Modder fossero sopravvissuti.

Bagno di Bacta a metà crediti

The Book of Boba Fett, la recensione del settimo episodio

 

È un po’ difficile da distinguere, ma la persona nella vasca dei bacta è Cobb Vanth (Timothy Olyphant). Il maresciallo di Freetown (precedentemente noto come Mos Pelgo) e indossatore una volta dell’armatura di Boba è stato ucciso a colpi di arma da fuoco da Bane nell’episodio precedente.

A prepararsi a lavorare su Cobb c’è il Modificatore (musicista Stephen Bruner, alias Thundercat), che ha salvato la vita di Fennec Shand attraverso miglioramenti cibernetici. Ciò suggerisce che Cobb sarà potenziato in modo simile. Indossa anche il suo maglione a collo alto nella canotta, e quella cosa sarà assolutamente fradicia quando uscirà.

Questo non allude davvero a un altro spettacolo o film come spesso fanno le scene a metà e dopo i titoli di coda, ma conferma solo che Cobb è vivo. Cosa che sospettavamo già, visto che Bane gli ha solo sparato alla spalla. È un pungiglione piuttosto debole, ma sono contento che il personaggio possa tornare. Forse lui e Boba possono parlare di assumere pose intimidatorie e di lottare per vedere attraverso l’elmo di quell’armatura di Beskar.

The Book of Boba Fett, la recensione del settimo episodio

 

 

84
The Book of Boba Fett
Recensione di Laura Della Corte

Questo è stato un finale accettabile per The Book of Boba Fett e la recensione del settimo episodio. Aveva un'azione fantastica, alcune risoluzioni decenti su ciò che passa per archi di personaggi in questa serie, e c'era solo una scena con un bacta tank. Ma i problemi fondamentali della serie significano che non potevano affrontarla in modo significativo. Speriamo che Obi-Wan Kenobi compensi questa a tratti deludente puntata della saga di Star Wars.

ME GUSTA
  • Tutti i nodi vengono al pettine: la puntata è molto buona ma vista nell'arco complessivo della serie questo non basta.
  • Il finale con il turbo è molto coinvolgente ma non crea il coinvolgimento sperato se avesse dedicato più tempo al personaggio principale.
  • "Lo studente non si applica altrimenti potrebbe fare molto più." Altra frase metaforicamente azzeccata per le sensazioni non solo sul singolo episodio.
  • Il carisma di mando e Grogu batte a mani basse quello di Boba.
FAIL
  • La frustrazione che poteva essere un prodotto studiato molto meglio.
  • Il carisma di mando e Grogu batte a mani basse quello di Boba.
Obi-Wan Kenobi, la recensione dell'episodio finale: "Questa è la fine per te, mio maestro"
Obi-Wan Kenobi, la recensione dell'episodio finale: "Questa è la fine per te, mio maestro"
Obi Wan-Kenobi, la recensione del quinto episodio: il passato e le ferite aperte
Obi Wan-Kenobi, la recensione del quinto episodio: il passato e le ferite aperte
Obi-Wan Kenobi, la recensione del quarto episodio: un richiamo all'epoca d'oro di Star Wars
Obi-Wan Kenobi, la recensione del quarto episodio: un richiamo all'epoca d'oro di Star Wars
Ms. Marvel, la recensione: il sogno di ogni amante dei fumetti che prende vita
Ms. Marvel, la recensione: il sogno di ogni amante dei fumetti che prende vita
Obi-Wan Kenobi, la recensione del terzo episodio: una prima resa dei conti
Obi-Wan Kenobi, la recensione del terzo episodio: una prima resa dei conti
Obi-Wan Kenobi, la recensione dei primi due episodi: brividi e nostalgia nella Galassia lontana lontana...
Obi-Wan Kenobi, la recensione dei primi due episodi: brividi e nostalgia nella Galassia lontana lontana...
Marvel’s Hit-Monkey, la recensione: tra cinecomics e Quentin Tarantino
Marvel’s Hit-Monkey, la recensione: tra cinecomics e Quentin Tarantino