The Book of Boba Fett, la recensione del quinto episodio

203
4 mesi fa

9 minuti

The Book of Boba Fett la recensione del quinto episodio

DA QUI IN POI INIZIANO GLI SPOILER, SAPEVATELO! Nuovo episodio, nuova recensione del quinto episodio di The Book of Boba Fett, con questo capitolo la serie TV su Disney+ prende una svolta interessante. Il nuovo capitolo è fondamentalmente un nuovo episodio di The Mandalorian, perfettamente inserito nella continuità narrativa di The Book of Boba Fett. Ciò che l’episodio ha realizzato e cosa significa per il futuro di entrambe le serie richiede un po’ di “disimballaggio”. Quindi, senza ulteriori indugi, discutiamo ora dell’episodio interamente privo di Boba Fett di The Book of Boba Fett.

L’episodio si apre in un magazzino di confezionamento della carne; le carcasse pendono dai ganci ed emerge una figura riconoscibile: è il Mandaloriano (Pedro Pascal fornisce la sua voce ma è molto chiaro che probabilmente non ha indossato la tuta neanche per un secondo).

Gli alieni “dalla faccia da cane” che abbiamo visto di recente tenere la corte nel palazzo di Boba Fett sono lì, che se ne vanno in giro. Il Mandaloriano si dirige in una stanza sul retro, alla ricerca del ricercato della sua taglia. Il gangster dalla faccia da cane, quando gli viene presentato un ologramma del bersaglio del Mandaloriano, dice: “Non sono io. Non mi assomiglia nemmeno”. Al che il Mandaloriano risponde: “Posso portarti via vivo o posso portarti via morto”.

The Book of Boba Fett la recensione del quinto episodio

Scoppia una rissa tra gli scagnozzi del gangster e il Mandaloriano. Il Mandaloriano scatena la spada oscura, abbattendo facilmente molti dei suoi avversari ma anche procurandosi un brutto squarcio sulla coscia. Infine, taglia a metà il gangster… e la sua scrivania. Esce dalla stanza sul retro con la testa del gangster in un sacco insanguinato. Sembra che i lavoratori degli impianti di confezionamento della carne stiano per fare qualcosa, ma il Mandaloriano dice loro che ci sono un sacco di soldi nell’ufficio del loro ex capo.

Il Mandaloriano si reca in una stazione spaziale ad anello, un po’ come quella di “Elysium”. Ma invece di comunità di lusso e verdi prati ondulati, ha l’aspetto indurito dall’Impero. Fa venire in mente Rogue One più di ogni altra cosa. Il Mandaloriano porta la testa della sua taglia a una strana donna aliena, che gli dà denaro e informazioni fondamentali di cui ha bisogno: istruzioni su come accedere a un’area di servizio della stazione spaziale.

Va notato che l’intero scambio si svolge in una scena lunga e ininterrotta, davvero impressionante e aiutata dalla magia di Industrial Light & Magic.

Una volta che il Mandaloriano accede all’area, vede simboli nascosti; indicazioni per un luogo molto segreto. Alla fine vede il simbolo dei Mandaloriani. Viaggia verso il basso e trova l’Armorer (interpretato ancora una volta da Emily Swallow). Quest’ultima lo interroga su che tipo di arma gli abbia causato quella ferita. Mando le mostra la spada oscura. Si discute sul fatto che “chiunque la maneggi, guidi Mandalore”. C’è anche Paz Vizsla (doppiato ancora una volta da Jon Favreau, che come ogni altro episodio di questa stagione ha scritto l’episodio).

Un capitolo senza Boba Fett

The Book of Boba Fett la recensione del quinto episodio

C’è molta “carne al fuoco” in questo capitolo. Quindi, continuiamo la recensione del quinto episodio di The Book of Boba Fett dicendo che si parla di Bo Katan, che cercava la spada oscura per ragioni di cui l’Armorer è diffidente, e del fatto che un Jedi che era anche un Mandaloriano ha creato per la prima volta la spada oscura. Inoltre, c’è una breve discussione su dove il Mandaloriano abbia ottenuto la sua lancia Beskar. The Armorer suggerisce che la sua mera esistenza è un pericolo per i restanti Mandaloriani poiché può perforare la loro armatura. Il Mandaloriano dice che può scioglierla.

A completamento di questo intermezzo ricco di riferimenti, c’è anche un flashback di The Great Purge, noto anche come la notte delle 1.000 lacrime, quando Mandalore fu distrutta.

È una scena visivamente mozzafiato, piena di esplosioni che sbocciano al rallentatore e droidi assassini (che assomigliano a K2SO di Rogue One, insieme a droidi sonda) che perlustrano il paesaggio bruciato.

Quando torniamo dal flashback, il Mandaloriano dice all’Armorista che vuole che forgi qualcosa per un trovatello, uno in particolare. Grogu, alias Baby Yoda. Lei consegna l’armatura che sembrano tanti piccoli anelli. Confessa che gli manca Grogu, anche se quell’emozione è in diretta opposizione all’ideologia dei Jedi. Ma, un cuore placcato Beskar vuole ciò che vuole un cuore placcato Beskar vuole.

L’ultimo Duello (Jedi)

The Book of Boba Fett la recensione del quinto episodio

Ci viene offerta una sequenza di addestramento, con il Mandaloriano che affronta l’Armorer. Gli dice che sta combattendo contro la lama, che secondo lui diventa più pesante ad ogni colpo. Deve essere tutt’uno con la lama. Continua a parlare dell’importanza mitica della lama, ma ancora una volta, lo slancio in avanti dell’episodio si ferma e tutta l’emotività o l’eccitazione defluiscono dall’episodio. Infine, Paz Vizsla si presenta di nuovo con brutte intenzioni: il suo antenato ha forgiato l’arma mille anni fa e la rivuole indietro.

C’è un duello abbastanza eccitante, su una piattaforma sopraelevata che si affaccia sulla vasta e nera oscurità dello spazio. Ci sono molti combattimenti e alla fine il Mandaloriano ha la meglio. L’Armorer si avvicina e inizia a interrogarli, secondo il credo del Mandaloriano. Chiede a Paz Vizsla se si è mai tolto il casco. No, dice. Questo è in linea con La Via. Quindi chiede al Mandaloriano. Invece di, oh non so, mentire, ammette di averlo fatto. L’Armorer è estremamente delusa. “Allora non sei più un Mandaloriano”, dice. È un emarginato. Ancora. Ma il lato positivo è che riesce a mantenere la sua spada.

The Book of Boba Fett la recensione del quinto episodio

Sconsolato, si dirige verso un’astronave in viaggio verso Tatooine. Prima di salire a bordo viene accolto da uno dei droidi di tipo Rex della versione originale. Il droide dice a Mando che non si può salire con delle armi a bordo della nave.

“Sono un Mandaloriano, questo fa parte della mia religione”, dice al droide, identificandosi ancora come Mandaloriano anche se gli è stato appena tolto il titolo.

Questo porta a un montaggio molto intelligente e divertente del Mandaloriano che si toglie tutte le armi e le mette in una valigia. Prima di andarsene, il Mandaloriano ringhia: “So tutto quello che c’è dentro” al simpatico droide.

Dal momento che la Razocrest è stato distrutto, il Mandaloriano sta volando su una tratta commerciale. Un ragazzino è seduto di fronte a lui, con l’aspetto di un mini-Greedo. Il ragazzo si gira e guarda il Mandaloriano. Il Mandaloriano tira fuori l’armatura che aveva realizzato per Baby Yoda. In qualche modo, potreste dire, sotto quell’elmo, sta sorridendo.

Ritorno a Tatooine

The Book of Boba Fett la recensione del quinto episodio

Ci avviamo alla conclusione della recensione del quinto episodio di The Book of Boba Fett dicendo che la prima immagine che vediamo è BD-1, il simpatico droide a due gambe del popolare videogioco Star Wars: Jedi Fallen Order. Viene catturato da una creatura orribile, e dietro a quell’orrenda creatura c’è Peli Motto (Amy Sedaris), la meccanica saggia che abbiamo visto in diversi episodi di The Mandalorian. La creatura in questione l’attacca. Cioè, prima che qualcuno si faccia vivo e gli spari. Il Mandaloriano è tornato.

Una volta che si è rispolverata, le dice che ha ricevuto il suo messaggio, che ha trovato un sostituto per la Razocrest. Poi lo porta in una parte ancora più polverosa del garage e sposta un telo da un’astronave decrepita, per lo più incompiuta. In realtà è uno Starfighter N1, del tipo che Anakin Skywalker ha pilotato nel climax di Star Wars: La minaccia fantasma. (Lo ricorderete; è il modello giallo brillante preferito dall’esercito di Naboo.) Afferma che una volta che lo avranno ripulito, sarà “più veloce di un Fathier” (un riferimento alle creature di Star Wars: Gli ultimi Jedi).

Ci sono un sacco di battute sul fatto che Peli Motto uscisse con un Jawa (“Sono pelosi”), e momenti in cui si rivolgono di nuovo a loro per ottenere le parti di cui hanno bisogno. Lo informa anche su ciò che hanno combinato i Pyke (i Jawa hanno rubato una parte da una nave Pyke); come i Pyke hanno reso Tatooine un centro per il loro redditizio commercio di spezia. Non è molto contenta. Tatooine, dopotutto, era il tipo di posto dove si poteva uccidere direttamente un uomo all’abbeveratoio locale e nessuno batteva ciglio.

Alla fine, al mattino, tirano fuori la vecchia nave. Ha solo striature della sua vernice gialla originale; invece è per lo più grigio metallizzato e ci sono ancora ampie sezioni in cui è visibile la sua sottostruttura scheletrica. Peli gli suggerisce comunque di fare un giro.

Dopo un inizio difficile, sta davvero iniziando ad apprezzare sia la velocità che la manovrabilità della piccola e snella nave. Percorre lo stesso percorso con cui è ritornato prima, incluso un viaggio emozionante attraverso Beggar’s Canyon. Il Mandalorian porta la nave in orbita e gira intorno a uno dei mercantili stellari commerciali su cui ha viaggiato. Mentre si sta avvicinando di nuovo al pianeta, viene fermato da un paio di X-Wings. Uno dei piloti è un volto familiare: il capitano Carson Teva (Paul Sun-Hyung Lee), che dopo aver accettato di lasciarlo andare, riconosce il Mandaloriano. Prima che il Mandaloriano possa essere interrogato ulteriormente, scappa via.

Quando torna nel garage di Peli, lei gli chiede com”è andata e lui risponde: “Magico”. Questo è un altro richiamo a Star Wars: La minaccia fantasma ed è una delle frasi preferite del giovane Anakin. Peli gli dice che qualcuno è venuto a cercarlo, ma ha allontanato questo misterioso sconosciuto dalle sue tracce. Infine, Fennec Shand (Ming-Na Wen) si rivela.

Gli chiede se ha bisogno di un lavoro. “La paga è buona”, dice, e gli lancia delle monete. “Digli che offre la casa”, dice, e lancia indietro le monete. “Prima devo fare visita a un piccolo amico”, dice il Mandaloriano.

Ora, ovviamente, la domanda, sia narrativa che pratica, è questa: vedremo il Mandaloriano andare a trovare Baby Yoda? O ciò accadrà al di fuori della continuità de The Book of Boba Fett, che sarà presente in The Mandalorian 3, che non ha ancora una data di anteprima su Disney+. O un altro episodio de The Book of Boba Fett sarà dedicato alla visita del Mandaloriano? Troveranno un modo per riportare indietro anche Ashoka? Carl Weathers? C-3PO? Solo il tempo lo dirà. Ma con solo pochi episodi rimasti, si spera che la serie si concentri sui problemi in questione.

 

 

85
The Book of Boba Fett
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione del quinto episodio di The Book of Boba Fett dicendo che è decisamente il migliore di quelli visti fino ad ora, il "piccolo dettaglio a margine" è che il protagonista della serie non minimamente presente.

ME GUSTA
  • Il migliore episodio di The Book of Boba Fett...
  • La narrazione dell'episodio è gestita bene ed è piena di riferimenti al mondo di Star Wars a 360°.
  • L'espediente che le varie serie del franchise comunichino funziona.
  • Amy Sedaris è una presenza sempre piacevole.
FAIL
  • ...senza la presenza di Boba Fett.
  • Non sempre è un vantaggio far comunicare due universi narrativi.
Moon Knight, la recensione: il confine tra sogno e realtà non è mai stato così sottile
Moon Knight, la recensione: il confine tra sogno e realtà non è mai stato così sottile
The Book of Boba Fett, la recensione del settimo episodio: In the Name of Honor
The Book of Boba Fett, la recensione del settimo episodio: In the Name of Honor
The Book of Boba Fett, la recensione del sesto episodio: dal deserto arriva uno sconosciuto
The Book of Boba Fett, la recensione del sesto episodio: dal deserto arriva uno sconosciuto
Pam & Tommy, la recensione: un tuffo negli anni Novanta agli albori del web
Pam & Tommy, la recensione: un tuffo negli anni Novanta agli albori del web
Marvel’s Hit-Monkey, la recensione: tra cinecomics e Quentin Tarantino
Marvel’s Hit-Monkey, la recensione: tra cinecomics e Quentin Tarantino
The Book of Boba Fett, la recensione del quarto episodio: The Gathering Storm
The Book of Boba Fett, la recensione del quarto episodio: The Gathering Storm
Hawkeye, la recensione del quinto episodio: aggiungi una nuova Ronin a tavola
Hawkeye, la recensione del quinto episodio: aggiungi una nuova Ronin a tavola