The Book of Boba Fett, la recensione del quarto episodio: The Gathering Storm

148
4 mesi fa

7 minuti

The Book of Boba Fett recensione quarto episodio

Eccoci di nuovo al nostro appuntamento settimanale con la recensione del quarto episodio di The Book of Boba Fett, anche stavolta la narrazione ci riporta in modalità flashback, questa volta concentrandosi sulla relazione dell’ex cacciatore di taglie con Fennec Shand. In cerca di vendetta dopo l’omicidio della sua tribù Tusken, Boba Fett trova Fennec in punto di morte dopo essere stata colpita da Toro Calican, e così inizia l’improbabile collaborazione della coppia.

La storia post-Sarlacc di Boba è più interessante qui che negli episodi precedenti, e finalmente si allinea con il presente dello show per dipingere un quadro più ampio di ciò che è in gioco. Similmente alla prima stagione di The Mandalorian, che ci ha portato in una miriade di avventure apparentemente disparate prima di riunire la storia, The Book of Boba Fett ha iniziato a rimettere insieme i pezzi. Il conflitto in corso del nostro antieroe con il Pyke Syndicate sta finalmente prendendo forma e per la prima volta il futuro della serie sembra eccitante.

La caratterizzazione di Boba Fett nella serie è stata finora molto superficiale. Un ex cacciatore di taglie che lavorava per dei “tagliole spaziali” si è in qualche modo trasformato nella persona più altruista della galassia.

Nel quarto episodio, abbiamo uno sguardo tardivo sul perché è diventato così o almeno una sorta di spiegazione ufficiale.

Non è ancora abbastanza per giustificare l’improvviso voltafaccia, ma aiuta sicuramente a buttar giù più facilmente il fatto che “l’appaltatore” di Darth Vader si preoccupa improvvisamente di Tatooine e della sua gente.

Ma ciò non significa che il quarto episodio di The Book of Boba Fett sia più oscuro delle puntate precedenti. Questo ha ancora tutte le caratteristiche di una serie live-action del sabato mattina, con un segmento particolare ambientato sempre nel palazzo di Jabba con il tipo di personaggi che la serie ha gradualmente introdotto. Presentando anche un uso eccellente di effetti che avrebbero potuto essere strappati direttamente dalla trilogia originale.

The Gathering Storm

The Book of Boba Fett recensione quarto episodio

Continuiamo la recensione del quarto episodio di The Book of Boba Fett dicendo che mentre la sequenza del treno del secondo episodio rimane il suo punto più alto, l’azione qui è notevolmente migliore rispetto all’episodio della scorsa settimana. Boba e Fennec sono una buona squadra, anche se non convince la rapidità con cui si è formato il loro legame, ed è sicuramente un miglioramento rispetto all’inseguimento della Vespa a bassa velocità.

A proposito di Vespe, i Mod (questo è il loro nome ufficiale ora, che piaccia o no) sono assenti in particolare questa settimana. Un’aggiunta controversa alla serie quando è stato introdotto nel terzo episodio, il clan cibernetico di ventenni di Boba è stato paragonato in modo poco lusinghiero ai Power Rangers. Anche se siamo stati più clementi in merito alla loro aggiunta rispetto alla maggior parte degli altri – possiamo dire che l’episodio della scorsa settimana era più in linea con i prequel di qualsiasi cosa la Disney avesse prodotto finora, stravaganza e tutto il resto – sembra che rimarranno personaggi di sfondo.

Ma mentre i Mod possono rimanere poco più che soldati nell’imminente guerra di Boba, Black Krrsantan sta fortunatamente ottenendo un accordo migliore. Coloro che sono rimasti in qualche modo delusi dal suo destino nell’episodio della scorsa settimana dovrebbero essere contenti di come stanno andando le cose per lo spietato Wookiee, insieme alle potenziali implicazioni che questo ha non solo per Boba, ma anche per la prossima serie di Obi-Wan Kenobi.

Il quarto episodio di The Book of Boba Fett è stato un altro miglioramento in quello che è stato un inizio traballante per questa serie di Star Wars. Sebbene non sia affatto avvincente come The Mandalorian, la serie sta iniziando a prendere forma e a creare buone cose per il suo futuro.

Prepararsi alla guerra

The Book of Boba Fett recensione quarto episodio

Ci avviciniamo alla conclusione della recensione del quarto episodio di The Book of Boba Fett con un focus sul finale in con Boba e Fennec persuadono (con un piccolo aiuto da parte del Rancor) le famiglie criminali di Mos Espa a rimanere neutrali nell’imminente guerra con i Pyke. Fatto ciò, Fennec suggerisce a Boba Fett di utilizzare la sua considerevole riserva di crediti per assumere alleati per affrontare i loro nemici.

Dopo aver pronunciato queste parole, abbiamo un indizio sull’identità di chi potrebbe arrivare sentendo il tema principale di The Mandalorian. Implica sicuramente che Boba recluterà il nostro vecchio amico Mando (alias Din Djarin)? Sarebbe una sorpresa sicuramente gradita.

I ragazzi con l’armatura Beskar divennero amichevoli dopo che Boba e Fennec aiutarono Mando durante la ricerca di Boba per recuperare la sua armatura perduta. L’ultima volta che abbiamo visto Mando, ha consegnato Grogu al Jedi Luke Skywalker in modo che il piccoletto potesse essere addestrato a esercitare i suoi poteri. Mando prese anche possesso della Darksaber e inavvertitamente divenne il capo dei Mandaloriani.

Boba Fett inoltre ssume anche l’imponente cacciatore di taglie Wookiee, Black Krrsantan, quindi otterremo più di quella malvagità che strappa le braccia nei prossimi episodi. Gran parte del tempo è occupato da un altro flashback, che rivela come Boba abbia trovato Fennec gravemente ferita dopo che è stata colpita dallo squallido cacciatore di taglie Toro Calican. Boba la porta in un postaccio popolato da tipi Cyberpunk, dove il suo intestino viene riparato con parti di droidi.

La coppia irrompe nel palazzo di Jabba (allora governato da Bib Fortuna e sotto forte sorveglianza) per recuperare la fantastica nave di classe Firespray di Boba, la Slave I.

I ricordi di Boba della fuga dal sarlacc sono chiaramente confusi, dal momento che usa la sua nave per librarsi sopra la fossa e cercare la sua armatura perduta: non ricorda che i Jawa gliel’abbiano rubata dopo che è strisciato fuori. Sembra anche un modo impreciso per cercare, dal momento che il sarlacc è tutto denti e organi.

Com’era prevedibile, si sveglia e cerca di divorare l’intera nave. Fennec fortunatamente rilascia una carica sismica e uccide la bestia. Questo dà a Boba l’opportunità di scendere nella fossa e cercare a fondo la sua armatura, senza alcun risultato. Tutto ciò che ottiene sono le ferite che sta guarendo con i suoi bagni all’interno della capsula bacta nel presente. Si prende anche un minuto per sparare agli scagnozzi Nikto speeder che apparentemente hanno massacrato i suoi amici Tusken, ma Fennec non crede che sarebbero stati in grado di eliminare la tribù (probabilmente erano i Pykes).

Scopriamo finalmente perché Boba ha deciso di passare da cacciatore di taglie a signore del crimine: crede di poter fare un lavoro migliore delle persone per cui ha lavorato.

Sono stanco che la nostra specie muoia a causa dell’idiozia degli altri,

dice.

Siamo più intelligenti di loro, è ora che ci proviamo.

Ha senso, dal momento che suo padre Jango è stato ucciso da Mace Windu dopo che il suo capo, il conte Dooku, ha iniziato un conflitto con i Jedi in Attack of the Clones ed è caduto nella fossa del sarlacc in parte a causa della sadica esibizione di Jabba in Return of the Jedi (ma soprattutto perché non si guardava le spalle).

Vi lasciamo con alcune curiosità finali in corner della recensione del quarto episodio di The Book of Boba Fett:

La nave di Boba, Slave I, non è nominata in questo episodio e il nome è stato in gran parte assente dalla merchandising negli ultimi anni perché le aziende tecnologiche hanno riconsiderato l’uso casuale di termini come “schiavo” e “padrone”.

Il droide sous-chef nero che lavora in cucina assomiglia a EV-9D9, che ha assegnato R2-D2 alla chiatta a vela di Jabba ne Il ritorno dello Jedi. In altre curiosità sui droidi, il piccolo che Boba insegue in cucina è un droide LEP. Questi sono apparsi più volte in The Clone Wars, ma questa è la prima volta che ne vediamo uno in live action.

Boba è “completamente guarito” dalle sue ferite in questo episodio, quindi probabilmente non vedremo altri flashback nei restanti tre episodi.
Krrsantan non può resistere all’attacco dei Trandoshan perché la razza rettiliana tradizionalmente dà la caccia ai Wookiee e ha avuto molti scontri con loro nei fumetti di Star Wars della Marvel.

 

 

 

79
The Book of Boba Fett
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione del quarto episodio di The Book of Boba Fett dicendo che finalmente ingrana una marcia diversa e ci porta nel cuore delle intenzioni narrative. Vediamo dove ci porterà nella guerra che si prospetta all'orizzonte.

ME GUSTA
  • Abbiamo uno sguardo sul perché Boba Fett è cambiato.
  • Passato e presente giocano le loro carte quasi alla pari, ci si avvicina a un equilibrio.
  • Le intenzioni narrative della serie diventano in parte più chiare.
FAIL
  • Gli elementi da introdurre a volte sembrano troppi rispetto al tempo a disposizione per raccontarli.
Moon Knight, la recensione: il confine tra sogno e realtà non è mai stato così sottile
Moon Knight, la recensione: il confine tra sogno e realtà non è mai stato così sottile
The Book of Boba Fett, la recensione del settimo episodio: In the Name of Honor
The Book of Boba Fett, la recensione del settimo episodio: In the Name of Honor
The Book of Boba Fett, la recensione del sesto episodio: dal deserto arriva uno sconosciuto
The Book of Boba Fett, la recensione del sesto episodio: dal deserto arriva uno sconosciuto
Pam & Tommy, la recensione: un tuffo negli anni Novanta agli albori del web
Pam & Tommy, la recensione: un tuffo negli anni Novanta agli albori del web
The Book of Boba Fett, la recensione del quinto episodio
The Book of Boba Fett, la recensione del quinto episodio
Marvel’s Hit-Monkey, la recensione: tra cinecomics e Quentin Tarantino
Marvel’s Hit-Monkey, la recensione: tra cinecomics e Quentin Tarantino
Hawkeye, la recensione del quinto episodio: aggiungi una nuova Ronin a tavola
Hawkeye, la recensione del quinto episodio: aggiungi una nuova Ronin a tavola