REvil: la Russia avrebbe distrutto il gruppo hacker

45
8 mesi fa

REvil

Nel corso degli anni, abbiamo sentito parlare molte volte del gruppo REvil, il quale si è occupato infatti di importanti attacchi hacker e ha avuto modo di far parlare di sé principalmente per via di pericolosi ransomware con grossi riscatti richiesti.

Per fortuna, sembra che il tutto sia finito una volta per tutte, e infatti è stato confermato che la Russia dovrebbe aver terminato le attività del gruppo permanentemente, evitando che in futuro ulteriori attacchi possano presentarsi contro dei colossi, e che riscatti vengano continuamente chiesti con varie minacce imposte.

Pare che all’infuori dello stop dei criminali, siano stati requisiti anche 426 milioni di rubli, di cui circa 600k in criptovalute, che hanno un valore approssimativamente di 5,5 milioni di dollari. Sono state anche prese un totale di 20 vetture premium utilizzate da parte del gruppo.

Al momento purtroppo non sono stati forniti molti dettagli in merito all’operazione, che in ogni caso, dopo che sembrava il gruppo avesse ormai smesso di operare e si fosse arreso, può sicuramente far stare maggiormente tranquille tutte le aziende che in futuro si sarebbero potute trovare a essere vittima di un attacco da parte dei membri di REvil.

 

 

Il nuovo pericoloso ransomware Magniber è stato segnalato anche da Singapore
Il nuovo pericoloso ransomware Magniber è stato segnalato anche da Singapore
Un ransomware bersaglia Trenitalia, ferme le biglietterie
Un ransomware bersaglia Trenitalia, ferme le biglietterie
REvil ripagato con la sua stessa moneta: hackerato il gruppo ransomware
REvil ripagato con la sua stessa moneta: hackerato il gruppo ransomware
L'attacco hacker alla Regione Lazio
L'attacco hacker alla Regione Lazio
Ransomware, anche JBS ha infine pagato un riscatto
Ransomware, anche JBS ha infine pagato un riscatto
Ransomware, gli USA corrono ai ripari e li considerano una priorità
Ransomware, gli USA corrono ai ripari e li considerano una priorità
Colonial Pipeline: un oleodotto, un attacco ransomware e la fragilità del digitale
Colonial Pipeline: un oleodotto, un attacco ransomware e la fragilità del digitale