Festival di Berlino 2022: la manifestazione si terrà in presenza, Peter Von Kant è il film d’apertura

5 giorni fa

Festival di Berlino 2022

Mentre il Sundance Film Festiva si terrà a fine gennaio in modalità virtuale, il Festival di Berlino 2022 è stato annunciato e confermato come una manifestazione in presenza. L’innalzarsi dei casi di Coronavirus, dovuti alla variante Omicron, hanno portato a spostare in virtuale diversi eventi, compreso l’ European Film Market, ma non sarà così per la Berlinale. Inoltre è stato annunciato il film d’apertura che sarà Peter Von Kant di  François Ozon.

Un membro della manifestazione ha così parlato a Variety del Festival di Berlino 2022 in presenza:

Siamo contenti dei segnali positivi che ci sono stati dati dalle autorità, e tutto ciò c’incoraggia ad andare avanti. Perciò speriamo di poter annunciare al più presto la struttura definitiva del Festival di Berlino 2022.

La decisione è arrivata dopo alcuni giorni di consultazioni e discussioni tra gli organizzatori ed alcuni membri del Governo tedesco. Durante la manifestazione  saranno comunque applicati dei provvedimenti utili per evitare la trasmissibilità del virus, come la riduzione della capienza delle sale al 50%.

Il Festival di Berlino 2022 si svolgerà dal 10 al 20 febbraio, e proprio il 10 febbraio sarà il giorno dell’apertura con la presentazione di Peter Von Kant di François Ozon, lungometraggio tratto da Le lacrime amare di Petra von Kant che avrà nel cast Denis Menochet, Isabelle Adjani e Hanna Schygulla, e che sarà in concorso durante la manifestazione.

Ricordiamo che l’edizione 2021 del Festival di Berlino si è tenuta in modalità virtuale:

 

 

Festival di Berlino 2021: i film in concorso per l'Orso d'Oro
Festival di Berlino 2021: i film in concorso per l'Orso d'Oro
Festival di Berlino: non più "attore" e "attrice", arrivano i premi genderless
Festival di Berlino: non più "attore" e "attrice", arrivano i premi genderless
Festival di Berlino: non più "attore" e "attrice", arrivano i premi genderless
Festival di Berlino: non più "attore" e "attrice", arrivano i premi genderless