Tiepide Acque di Primavera, la recensione: un ritratto tra tradizione e modernità in Cina

3 settimane fa

8 minuti

Tiepide Acque di Primavera, la recensione

Vi proponiamo la recensione di Tiepide Acque di Primavera in cui il regista Gu Xiaogang esplora la sua città natale, in rapida evoluzione, Fuyang, nel sud-est della Cina, come soggetto del suo primo lungometraggio, che prende il titolo da un dipinto del XIV secolo di Huang Gongwang. Squisitamente fotografato, il film costruisce un ritratto a combustione lenta della comunità in cui convivono modernità e tradizione, utilizzando come punto di riferimento l’attenzione di diverse generazioni di una famiglia. È decisamente velato di drammaticità, ma, come l’acqua languida del fiume che scorre attraverso la città, questo approccio piacevole offre ricompense inaspettate.

È un’impresa ambiziosa per un primo lungometraggio. Non solo il film è stato girato in due anni, per riflettere la città in tutte e quattro le stagioni, Tiepide Acque di Primavera è concepito come la prima parte di una trilogia intitolata A Thousand Miles Along the Eastern Yangtze. È un lavoro straordinariamente bello; è un dramma visivo che è spesso più enfatico di tutto ciò che si svolge nella storia. Come tale, dovrebbe attirare ulteriore attenzione nel circuito dei festival, dopo la sua posizione come film di chiusura della Settimana della Critica. I confronti con il lavoro del taiwanese Edward Yang posizioneranno Gu Xiaogang come un talento da tenere d’occhio nel nuovo cinema cinese.

Una famiglia è al centro della storia, che si apre con la festa di compleanno di un’anziana matriarca i cui quattro figli danzano al suo posto. Ma quando non rendono omaggio, conversazioni tese accennano a tensioni tra i fratelli, derivanti da debiti e doveri non adempiuti. Nel frattempo, due dei nipoti sono in età da marito. Un figlio ha diligentemente accettato la sposa suggerita dai suoi genitori; sua cugina, tuttavia, sta facendo pressioni per sposarsi per amore, contro i desideri vigorosamente espressi dalla madre.

La ricchezza, e la sua mancanza, è una preoccupazione. I debiti del fratello di mezzo sono fonte di vergogna e imbarazzo. Quando si rivolge a mezzi illeciti per fare soldi, il fratello maggiore gli fa la ramanzina severa: “Più trippa mangi, più è probabile che mangi merda”.

Il titolo non è l’unico elemento che il film prende in prestito dalla tradizione. C’è qualcosa della tradizione della pittura classica cinese nel modo in cui l’immagine raffigura vignette apparentemente banali con dettagli così meticolosi e minuziosi da essere elevati a momenti di reale significato.

La partitura fonde anche passato e presente, con un motivo di flauto cinese che suona come se fosse stato suonato da secoli prima, insieme a un approccio più moderno e più elegante in seguito.

Di seguito il trailer pubblicato su YouTube:

In un tempo sospeso

Tiepide Acque di Primavera, la recensione

Continuiamo la recensione di Tiepide acque di Primavera soffermandoci su alcuni dettagli tecnici della pellicola molto importanti. Gu Xiaogang preferisce le riprese lunghe e una telecamera che si sposta nella scena. L’obiettivo raramente si avvicina a un’inquadratura centrale, il che significa che anche il momento più stridente – quando i peasani che cercano di riscuotere un debito dal fratello di mezzo fanno a pezzi il ristorante del più anziano – vengono osservati e vissuti a distanza.

La telecamera è spesso eloquente in un modo che il dialogo, pronunciato senza mezzi termini da attori non professionisti, a volte non lo è.

Uno scatto in particolare la dice lunga sull’evoluzione di una piccola città che un tempo era la casa di poeti e artisti, ma che ospiterà i Giochi asiatici del 2022. Mentre due personaggi camminano attraverso un tradizionale giardino cinese, la telecamera si ritira gradualmente per rivelare uno skyline irto di gru; il passato e il futuro si riconoscono in un unico scatto.

Il regista Gu Xiaogang intraprende un progetto piuttosto ambizioso per il suo lungometraggio d’esordio, che prende il titolo da un dipinto su rotoli cinese del XIV secolo di Huang Gongwang, e si concentra sulla presentazione della sua città natale in continua evoluzione, Fuyang. A parte i 150 minuti della sua durata, il film è stato girato in due anni, in modo che potesse mostrare la città durante le quattro stagioni, con Gu che ha utilizzato prestiti personali per girare fino a quando Factory Gate non si è unito alla produzione. Inoltre, ha deciso di includere nel cast solo non professionisti, mentre l’elemento più sorprendente, considerando lo stile e il risultato dei suoi sforzi, è che non ha mai frequentato una scuola di cinema.

La storia descrive un anno nella vita della famiglia Yu, che inizia con la celebrazione del compleanno dell’anziana matriarca, alla presenza dei suoi quattro figli e delle loro famiglie. Il maggiore, Youfu, che gestisce un ristorante con la moglie Fengjuan, è il “capo” definitivo della famiglia, titolo che però significa soprattutto farsi carico di quasi ogni fardello creato dagli altri.

Youhong è un pescatore in difficoltà che alla fine ottiene un colpo di fortuna che cambia la sua vita. Youjin, che cerca di crescere da solo il figlio, è un truffatore di poco conto, che alla fine lascia tutti i suoi debiti a suo fratello e scompare, creando una serie di problemi. Il fratello minore è un sempliciotto per il quale Youfu sta cercando di organizzare un matrimonio, per evitare di sorreggere anche il suo fardello, come nel caso della madre senile. Poiché la figlia di Youfu e il figlio di Youhong sono in età da marito, sorgono una serie di altri problemi. Il primo accetta di sposare la sposa suggerita, ma lo stesso non vale per il primo, Guxi, che vuole sposare un collega insegnante, Jiang Yi, figlio di un capitano di traghetti fluviali il cui “grado” non è approvato dalla madre. La lotta è inevitabile, mentre allo stesso tempo la famiglia di Youfu deve far fronte a debiti crescenti.

Leggero e spietato

Tiepide Acque di Primavera, la recensione

Ci avviciniamo alla conclusione della recensione di Tiepide acque di Primavera con una considerazione: uno dei difetti più comuni del cinema d’essai è che l’attenzione all’estetica è così significativa da far ritenere, a volte, qualsiasi tipo di racconto quasi inesistente. Questo, tuttavia, non è il caso di Tiepide acque di Primavera, che presenta una sceneggiatura piuttosto ricca, che in realtà occupa quasi tutti i suoi 150 minuti.

Inoltre, il fatto che la storia riesca a concentrarsi su quasi tutti i membri della famiglia, consente al regista di fare una serie di commenti sociali e politici sulla società cinese.

Il legame molto profondo delle famiglie cinesi è quello più evidente insieme al gap generazionale che si crea dall’ossessione per la tradizione della generazione precedente, e il pensiero moderno di quella nuova, che sembra essersi adattato al continuo cambiamento di grande impatto che il paese ha vissuto negli ultimi decenni. L’arco del secondo fratello sembra affermare che ci sono molte opportunità per coloro che si adattano a questi cambiamenti, con l’esatto contrario affermato dalla storia del fratello maggiore.

La completa assenza di assistenza statale è un altro commento centrale, non così ovvio ma che circonda l’intera narrazione, poiché assistiamo ai quattro fratelli che devono prendersi cura della loro anziana madre, Youjin per il figlio disabile e Youfu che si occupa dei debitori di suo fratello senza alcun tipo di aiuto del governo. Lo stesso vale per le questioni abitative, che in realtà costituiscono uno dei fattori principali per qualsiasi tipo di decisione di vita, come nel caso delle persone che i genitori vogliono che i loro figli sposino. In questo modo, lo stato nel film è completamente assente, tranne l’unica volta in cui interviene per punire le persone che sembrano non avere alternative se non rivolgersi a sforzi illegali per guadagnarsi da vivere.

Tuttavia, e nonostante i suddetti commenti, il film non diventa melodrammatico o addirittura pessimista in nessun momento, soprattutto perché mostra che le famiglie che stanno insieme possono superare qualsiasi tipo di problema.

A parte il ricco contesto e la trama avvincente, il film eccelle anche dal punto di vista tecnico. La fotografia di Yu Ninghui è impressionante e farà sicuramente paragoni con le opere di Hou Hsiao Hsen e Edward Yang. Le numerose inquadrature itineranti che mettono in risalto l’area vicino alla riva del fiume e in particolare un grande parco della zona sono una vera meraviglia da guardare, mentre consentono anche a Gu Xiaogang di presentare il film come un dipinto cinese su rotolo che si dispiega, quindi collegandolo al titolo.

Tiepide Acque di Primavera, la recensione

Le ampie carrellate dominano il film, con la telecamera del direttore della fotografia Yu Ninghui che raramente si chiude sui personaggi, in una tattica che fa sentire il pubblico come se stesse beccando l’azione, mentre consente anche a Gu Xiaogang di evidenziare l’area in tutto il suo splendor . In tal modo, si potrebbe facilmente dire che il film funge anche da guida turistica della zona. A volte, tuttavia, questo approccio diventa troppo distaccato, ma in generale funziona abbastanza bene per la narrazione.

Gli attori, e in particolare Qian Youfa nei panni di Youfu, Wang Fengjuan nei panni di Fengjuan e Peng Luqi nei panni di Guxi, non appaiono affatto dei non professionisti, con la loro interpretazione eccellente, in perfetta risonanza con le premesse complessivamente realistiche del film, un fatto che deve essere in gran parte attribuito alla direzione di Gu, che inoltre non sembra affatto un debuttante.

 

 

89
Tiepide Acque di Primavera
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di Tiepide acque di Primavere dicendo che è un esordio impressionante che merita davvero tutti i premi già ricevuti (Tokyo Filmex, First, Hamburg ecc.) da un regista che è destinato a tenerci impegnati nei prossimi anni, soprattutto perché il film è pianificato come la prima parte di una trilogia.

ME GUSTA
  • Gli attori pur non essendo professionisti riescono a interpretare i loro ruoli con estrema naturalezza.
  • La fotografia in dei momenti riesce a lasciare senza fiato ed è ipnotica.
  • Narrazione visiva e narrativa trovano un perfetto equilibrio.
FAIL
  • Per chi si approccia per la prima volta a questo genere di film può risultare troppo lungo.
Una Famiglia Vincente - King Richard, la recensione: Will Smith di nuovo alla ricerca della felicità
Una Famiglia Vincente - King Richard, la recensione: Will Smith di nuovo alla ricerca della felicità
Macbeth, la recensione: un mirabolante assolo d'autore
Macbeth, la recensione: un mirabolante assolo d'autore
Scream 5, la recensione: il ritorno di Ghostface senza Wes Craven
Scream 5, la recensione: il ritorno di Ghostface senza Wes Craven
America Latina, la recensione: il seme della follia secondo Fabio e Damiano D'Innocenzo
America Latina, la recensione: il seme della follia secondo Fabio e Damiano D'Innocenzo
The Tender Bar, la recensione: una bella storia di formazione all'americana
The Tender Bar, la recensione: una bella storia di formazione all'americana
The King’s Man - Le origini, la recensione: un prequel da canaglie più che da gentiluomini
The King’s Man - Le origini, la recensione: un prequel da canaglie più che da gentiluomini
Un bambino chiamato Natale, la recensione: le origini di Babbo Natale
Un bambino chiamato Natale, la recensione: le origini di Babbo Natale