Un bambino chiamato Natale, la recensione: le origini di Babbo Natale

5 mesi fa

7 minuti

Un bambino chiamato Natale la recensione

Iniziamo la recensione di Un bambino chiamato Natale introducendovi una splendente storia sulle origini di Babbo Natale con un cast pieno di stelle, immagini sontuose e alcuni dettagli malinconici per evitare che il tutto sia troppo zuccherino.

Una favolosa Maggie Smith interpreta la zia Ruth, una babysitter dell’ultimo minuto per tre bambini che sono ancora in lutto per la loro madre. È la vigilia di Natale, ma il loro padre Matt (Joel Fry), triste e distratto, ha deciso che quest’anno salteranno le vacanze. Non ci saranno decorazioni o regali. Dopo la sua partenza per un’emergenza lavorativa, zia Ruth inizia a raccontare ai bambini la storia di un ragazzo di nome Nikolas (Henry Lawfull), che ha vissuto molto tempo fa in una remota baita di montagna in Finlandia con suo padre, un taglialegna di nome Joel (Michiel Huisman). Anche Nikolas è in lutto per la sua defunta madre, che è stata uccisa da un orso, e ogni notte chiede a suo padre di raccontargli la storia che lei raccontava, di una bambina che si è persa nel bosco un inverno ed è arrivata in una comunità di elfi che l’hanno amata e protetta fino a quando il disgelo primaverile ha permesso di tornare a casa, con le sue tasche piene di cioccolatini.

Nikolas ha un solo giocattolo, una bambola che sua madre gli ha fatto con una rapa. E ha un amico, un topo che chiama Miika a cui cerca di insegnare a parlare.

Inizia il racconto della zia in cui il re (Jim Broadbent) chiama i suoi sudditi più fedeli, incluso Joel, per lanciargli una sfida. Vuole riportare la speranza alla sua gente e vuole che ognuno di loro parta alla ricerca per trovarla. Joel si unisce a un gruppo per cercare di trovare gli elfi, nel caso non fosse una favola. Ma zia Charlotte (guardate oltre i denti guasti e riconoscerete Kristen Wiig) non è una che racconta le favole della buonanotte. Non è nemmeno una che fornisce cibo o lascia dormire Nikolas all’interno della casa. È egoista e meschina. Quando Nikolas scopre un indizio sulla posizione di Elfhelm, lui e Miika (doppiato argutamente da Stephen Merchant) vanno alla ricerca di suo padre per aiutare a trovarlo. Trailer di YouTube in arrivo:

Che qualcuno ci racconti il Natale

Un bambino chiamato Natale la recensione

Proseguiamo la recensione di Un bambino chiamato Natale dicendo che la loro ricerca si trasforma in una magica avventura tra montagne innevate, con sfide sia naturali che fantastiche. Nikolas aiuta una renna e gli dà il nome del lago Blitzen. Ha anche un incontro spaventoso con un troll e uno meno spaventoso con un folletto alato che può solo dire la verità e gli piace far esplodere piccoli esplosivi colorati.

Questa è l’origine dell’usanza britannica dei “cracker” di Natale che fanno un po’ di scoppio quando si tira la linguetta e poi si aprono per rivelare filamenti di carta e coriandoli.

Elfhelm, guidato da una tirannica Madre Vodal (Sally Hawkins), è turbato. Non è più il posto allegro e generoso di una volta perché gli estranei che accoglievano li hanno traditi. Nikolas imparerà alcune lezioni dolorose e difficili mentre vediamo le origini di molte usanze natalizie, ma risponde sempre alle sfide con gentilezza e integrità.

La ricchezza della colonna sonora di Dario Marianelli e la portata visiva e i dettagli dello scenografo Gary Williamson danno a Un ragazzo chiamato Natale un autentico senso di incanto.

Il film ha anche un’animazione delicata che illustra la favola della buonanotte di Joel su Elfhelm e le delicate transizioni da zia Ruth e dai bambini che tornano di nuovo alle avventure di Nikolas. Ci sono alcuni astuti riferimenti a problemi familiari con un gruppo chiamato The Resistance per sfidare il dispotismo in preda al panico di Mother Vodal. E c’è la domanda retorica del re ai suoi sudditi su cosa darebbe loro una vita migliore, questo ci si può aspettare per dare un tocco in più. Fanno alcuni suggerimenti provvisori a parole e concetti importanti come “assistenza sanitaria” e “un salario dignitoso”, ma insiste sul fatto che la risposta è una ricerca di “speranza”, anche quella in cui “la maggior parte di voi morirà”. Su questo non è per niente utopico anzi molto duro e conciso.

Lawfull porta dolcezza e convinzione nelle sue interazioni con varie creature CGI, ma dà il meglio di sé con Zoe Margaret Colletti, che ha uno scintillio molto attraente nei panni della dispettosa Truth Pixie.

Ci sono alcuni momenti tristi, tra cui un sacrificio redentore, coerenti con le tradizioni fiabesche della posta in gioco reale che rendono significativi i momenti di gioia.

I bambini si divertiranno a scoprire le origini di molte tradizioni natalizie, ma ciò che rimarrà con loro è il messaggio di gentilezza, coraggio e, come spiega zia Ruth, le storie che tengono insieme l’universo.

Le storie sono tutto quello che abbiamo

Un bambino chiamato Natale la recensione

Ci avviciniamo alla conclusione della recensione di Un bambino chiamato Natale e vi diciamo che avreste davvero bisogno di avere il cuore indurito per non essere affascinato, anche solo un po’, da questo film di Natale per famiglie – adattato generosamente, senza badare a spese, da un romanzo per bambini di Matt Haig.

Il film è ambientato nella moderna Londra, con Maggie Smith nei panni della prozia alla Mary Poppins di un trio di fratelli. La loro mamma è morta di recente, quindi nessuno si sente festoso quando zia Ruth inizia a raccontare loro una favola della buonanotte la vigilia di Natale.

La sua favola è un mito delle origini di Babbo Natale, su un ragazzo di nome Nikolas (interpretato dal nuovo arrivato Henry Lawfull, deliziosamente faccia da monello). Vive in una foresta in Finlandia con il suo povero papà taglialegna (Michiel Huisman). Sono così poveri che quando il re stupido (interpretato da Jim Broadbent con un’accattivante petulanza da bambino viziato) offre una ricompensa a chiunque possa portare speranza nella terra, il padre di Nikolas va alla ricerca di Elfhelm, il leggendario regno degli elfi.

Entra in scena Kristen Wiig, dandogli il trattamento completo della signora Twit come l’orribile zia Carlotta, che odia i bambini, che arriva per prendersi cura di Nikolas. La cosa indicibile che fa al suo unico giocattolo – una bambola ricavata da una vecchia rapa – è un colpo di genio della scrittura dei bambini. Così il giovane Nikolas scappa per trovare suo padre, portando con sé il suo topino parlante (doppiato da Stephen Merchant).

Durante la sua avventura, acquisisce alcuni omaggi sulla sua futura carriera: un cappello rosso con un pompon bianco e un amico renna chiamato Blitzen.

Quando finalmente raggiunge suo padre, ci sono alcune verità molto crude e oneste su come i genitori deludono i loro figli – e il film ha anche cose semi-sentimentali da dire sul dolore.

Eppure, soprattutto questo è un film di Natale, fatto per un pubblico dai quattro ai 94 anni, i piccoli che guardano con la nonna il giorno di Santo Stefano davanti alla televisione, tutti un po’ assonnati e con un aria un po’ stanca. Forse a causa di ciò, a volte sembra dedicato solo a un pubblico di bambini: dal cuore grande e divertente, ma forse privo di un po’ di divertimento o grinta. Comunque un bel film che scalda l’atmosfera natalizia.

 

Un bambino chiamato Natale è ora disponibile per la visione su Netflix.

 

 

79
Un bambino chiamato Natale
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di Un bambino chiamato Natale dicendo che non è solo un film che riscalderà la vostra personale atmosfera natalizia ma vi farà affrontare con più serenità anche l'inevitabile alone di malinconia che avvolge questo periodo dell'anno.

ME GUSTA
  • Un'animazione delicata che incanta.
  • La colonna sonora di Dario Marianelli è molto coinvolgente.
  • Portata visiva e i dettagli dello scenografo grandiosi.
FAIL
  • Pecca di grinta durante la narrazione.
Choose or Die, la recensione: un incrocio tra Black Mirror e Stranger Things
Choose or Die, la recensione: un incrocio tra Black Mirror e Stranger Things
The Adam Project, la recensione: non si ha mai abbastanza tempo
The Adam Project, la recensione: non si ha mai abbastanza tempo
Psychokinesis, la recensione: un superhero movie molto diverso
Psychokinesis, la recensione: un superhero movie molto diverso
Non aprite quella Porta, la recensione: quando il sequel/revival non funziona
Non aprite quella Porta, la recensione: quando il sequel/revival non funziona
Don't Look Up, la recensione: quando il "what if" si confonde con la realtà
Don't Look Up, la recensione: quando il "what if" si confonde con la realtà
Tick, Tick... Boom!, la recensione: una generazione in spartito
Tick, Tick... Boom!, la recensione: una generazione in spartito
Mio fratello, mia sorella, la recensione: Life on Mars
Mio fratello, mia sorella, la recensione: Life on Mars