“Il Covid-19 è nato negli USA”, ma era l’ennesima bufala diffusa dai bot cinesi

6 mesi fa

«La pandemia ha avuto origine negli Stati Uniti d’America». E ancora: «Gli USA stanno facendo pressione sull’OMS per dare la colpa alla Cina». La stramba teoria della cospirazione veniva attribuita al biologo svizzero Wilson Edwards ed è circolata parecchio online. C’è un primo, piccolo, problema: non esiste nessun Wilson Edwards. Un secondo problema: la bufala è stata pompata online da circa 600 account. Tutti bot. Tutti gestiti da organizzazioni controllate o vicine al partito comunista cinese.

A dirlo è Meta, la parent company che gestisce Facebook e Instagram, che in queste ore ha annunciato di aver eliminato tutti i profili coinvolti nella diffusione della notizia falsa.

Le dichiarazioni attribuite a Wilson Edwards erano state riprese anche dal Global Times, quotidiano del partito comunista cinese, provocando un’immediata reazione dell’ambasciata cinese.

In totale, Meta ha rimosso 524 account su Facebook, 20 pagine, 4 gruppi e 86 pagine Instagram. Tutte pedine che venivano utilizzate dalla Cina per diffondere propaganda e notizie false o fuorvianti sul Covid-19. I destinatari dell’operazione propagandistica erano gli utenti statunitensi, britannici, oltre che gli utenti di lingua cinese residenti a Taiwan, Hong Kong e Tibet.

Il lungo post che accusava gli USA di star insabbiando le sue responsabilità, facendo lobby sull’OMS, risale a luglio del 2021. Ad agosto era dovuta intervenite l’ambasciata svizzera a Pechino. «Non ci risulta nessun cittadino con quel nome». Ma poco importa, la bufala ha continuato a circolare anche dopo la smentita ufficiale della Svizzera.

Recentemente Twitter è dovuto intervenire contro una botnet che, agendo in modo simile, era responsabile di una campagna di propaganda creata con lo scopo di negare le violazioni dei diritti umani della Cina nella regione dello Xinjiang.

 

 

Facebook Pay diventerà Meta Pay, è ufficiale
Facebook Pay diventerà Meta Pay, è ufficiale
La Cina vuole limitare le donazioni agli streamer: "è un problema di ordine sociale"
La Cina vuole limitare le donazioni agli streamer: "è un problema di ordine sociale"
Mark Zuckerberg a Palazzo Chigi, oggi il ricevimento con Mario Draghi
Mark Zuckerberg a Palazzo Chigi, oggi il ricevimento con Mario Draghi
Meta Store, nasce il primo negozio fisico di Facebook: tra visori VR e occhiali smart
Meta Store, nasce il primo negozio fisico di Facebook: tra visori VR e occhiali smart
Mark Zuckerberg nella lista nera di Mosca: non potrà mettere piede in Russia
Mark Zuckerberg nella lista nera di Mosca: non potrà mettere piede in Russia
Meta starebbe perdendo interesse nel mondo di podcast e audio
Meta starebbe perdendo interesse nel mondo di podcast e audio
Facebook non fa più effettuare il login ad alcuni account senza Facebook Protect
Facebook non fa più effettuare il login ad alcuni account senza Facebook Protect