Meta fermerà le pubblicità che prendono in considerazione argomenti sensibili

23
2 mesi fa

Facebook Meta

La questione delle pubblicità e dei dati forniti agli inserzionisti e da sempre motivo di discussione per la community, visto che in diversi casi gli algoritmi si trovano a fornire informazioni alquanto sensibili degli individui che sfruttano le potenzialità di alcune piattaforme.

Gli inserzionisti infatti, al fine di massimizzare i propri introiti, sfruttano degli specifici target che potrebbero essere interessati a quanto viene presentato, ma come confermato ufficialmente da meta alcuni dati di analisi spariranno già a gennaio del prossimo anno. Trovate qui di seguito la spiegazione della compagnia arrivata su un post ufficiale:

A partire dal 19 gennaio 2022, rimuoveremo le opzioni di targeting dettagliare che riguardano argomenti che le persone potrebbero trovare sensibili, come le opzioni che fanno riferimento a cause, organizzazioni o figure pubbliche che riguardano salute, razza, etnia, affiliazione politica, religione o orientamento sessuale.

All’effettivo, c’è da specificare che il tutto risulterà in degli effettivi cambiamenti pressoché solo per gli inserzionisti, che al fine di garantire maggiore privacy agli utenti avranno ora meno possibilità a cui attingere per i propri contenuti sponsorizzati. La compagnia ha spiegato che i dati riguardano le attitudini e gli interessi delle persone, e non il loro aspetto fisico o gli attributi personali, dettaglio particolarmente importante che riguarda la privacy degli utenti che utilizzano ogni giorno la piattaforma.

Il cambiamento in questione è abbastanza difficile, visto che riguarderà moltissime imprese e organizzazioni in tutto il mondo che fino a oggi si sono affidati agli strumenti che verranno rimossi, ma sembra sia risultato necessario per Meta. Alcune impostazioni resteranno comunque disponibili, anche se è confermato che Facebook verrà rimpolpato con ulteriori opzioni aggiuntive per permettere agli utenti di fermare determinati tipi di pubblicità non graditi, funzionalità che verrà integrata nel social network il prossimo anno.

 

 

Google e Facebook avevano un piano per "dominare in segreto il mercato"?
Google e Facebook avevano un piano per "dominare in segreto il mercato"?
Meta rinvia ulteriormente il ritorno in ufficio dei dipendenti
Meta rinvia ulteriormente il ritorno in ufficio dei dipendenti
"Meta ha l'obbligo morale ed etico di rendere la propria ricerca trasparente", parlano degli scienziati
"Meta ha l'obbligo morale ed etico di rendere la propria ricerca trasparente", parlano degli scienziati
Meta: l'acquisizione di Giphy potrebbe essere bloccata
Meta: l'acquisizione di Giphy potrebbe essere bloccata
Meta: Facebook ha usato il nome di una compagnia già esistente, che ora vuole 20 milioni di dollari per la cessione
Meta: Facebook ha usato il nome di una compagnia già esistente, che ora vuole 20 milioni di dollari per la cessione
Facebook cambia ufficialmente nome, si chiamerà Meta
Facebook cambia ufficialmente nome, si chiamerà Meta
Google includerà nelle ricerche i video di TikTok e Instagram?
Google includerà nelle ricerche i video di TikTok e Instagram?