Dr. Brain, la recensione: un viaggio oltre la mente e la morte

2 mesi fa

7 minuti

Dr. Brain la recensione

La recensione di Dr. Brain, il nuovo dramma di sei episodi dello scrittore e regista Kim Jee-woon, che è la prima serie sudcoreana di Apple TV+, ed è una curiosa combinazione di narrazione di genere gloriosa e terrificante con i ritmi drammatici da molte altre ore delle serie di Apple TV+.

Il protagonista di Dr. Brain è Sewon, un neuroscienziato che a quanto pare si torva nello spettro dell’autismo e che lotta per far fronte alla tragica perdita del suo giovane figlio. Sewon, interpretato da Lee Sun-kyun di Parasite, si lancia in una storia metà noir e metà horror quando inventa una macchina che sincronizza le onde cerebrali, consentendo a un ricevente di assorbire i ricordi di un donatore deceduto.

Non sorprende che Sewon scelga di usare la macchina su se stesso, per cercare indizi per risolvere il mistero di quello che è successo a suo figlio.

Anche se a volte Dr. Brain inciampa nella sua costruzione del mondo, c’è qualcosa di profondamente audace e profondamente ambizioso in questa prima serie originale coreana su Apple TV Plus. Dr. Brain inizia come un thriller di sei episodi con Lee Sun-kyun nei panni del neuroscienziato Dr. Koh Se-won. È un inizio incoraggiante per il debutto coreano dello streamer, anche se la serie non mantiene fino in fondo le promesse della sua affascinante premessa e del cast eccellente.

Ci viene presentato per la prima volta al Dr. Koh come un ragazzino nello spettro autistico, che lotta per capire le emozioni e relazionarsi con gli altri. Sfortunatamente è etichettato come un bambino problematico a scuola, il che diventa un enorme fardello per sua madre single. Portandolo dai medici, i trattamenti (esorbitanti) offerti non sembrano funzionare come spera. Cresciuto con la propensione a “smontare le cose per vedere cosa c’è dentro”, il Dr. Koh si immerge nella ricerca sul cervello, che gli consente di studiare la mente umana e dare un’occhiata a come gli altri sperimentano il mondo.

Presentando le sue ricerche e i suoi esperimenti alle conferenze, è ritratto come uno scienziato di relativamente successo, anche se le cui idee sono inquietanti per i suoi colleghi. Questa introduzione prende poi una svolta oscura e brusca quando il Dr. Koh subisce una serie di orribili tragedie personali in rapida successione. Sempre più disperato per scoprire cosa è successo, mette personalmente alla prova la sua ricerca sottoponendosi a “sincronizzazioni cerebrali” con i morti per aprire i loro ricordi alla ricerca di indizi. Di seguito il trailer YouTube della serie:

Un viaggio oltre la mente e la morte

Dr. Brain la recensione

Continuiamo la recensione di Dr. Brain dicendo che è un’opera di genere, che balla tra thriller poliziesco, fantascienza e, soprattutto, dramma familiare.

Il punto di forza della serie è nel suo ritratto del dolore, abbozzando i momenti privati ​​del Dr. Koh come momenti di angoscia e la graduale resa dei conti con i suoi difetti e passi falsi.

C’è un detto nel mondo accademico che tutta la ricerca è in qualche parte autobiografica e questo suona vero per il dottor Koh. La sua ricerca sul “cervello sincronico” diventa sia una forma di lutto che un tipo di ricerca, poiché si rende conto che c’è qualcosa di più sinistro dietro le tragedie.

Lee Sun-kyun offre una performance brillante, trovando il giusto equilibrio tra l’interpretazione di un neuroscienziato distaccato e un uomo traumatizzato e in lutto in cerca di risposte. Il suo collega, il dottor Hong Nam-il (Lee Jae-won), sboccia nella serie, ritraendo una profondità di carattere che supera di gran lunga ciò che la sceneggiatura gli offre. Nei panni dell’ufficiale di polizia tenente Choi, Seo Ji-hye (dall’immensamente popolare Crash Landing On You) offre un tipo di interpretazione nuova e piena di energia per tutta la serie.

Ci sono segni incrollabili di Inception che echeggiano nei sei episodi, mentre i personaggi vagano attraverso realtà alterate e strati di coscienza. Il Dr. Brain è più intrigante quando i suoi personaggi non sono sicuri se le altre persone che stanno vedendo siano reali o se siano frutto di una sincronizzazione glitch del cervello.

Sebbene la serie armeggi attraverso i dettagli del meccanismo di sincronizzazione del cervello, la storia centrale della ricerca della verità e della redenzione del Dr. Koh è clamorosamente coerente. Il che rende ancora più deludente il fatto che le esplorazioni più filosofiche del Dr. Brain – sulla neurodiversità, l’etica nella ricerca sul cervello e il concetto di sé – siano lasciate un po’ a metà. Inoltre, il suo trattamento dei personaggi femminili sembra sconcertantemente sottosviluppato. Sono spesso lasciati con poco spazio, entrano ed escono bruscamente dalla narrazione e alla fine vengono relegati come note a piè di pagina disordinate. Con il suo ritmo irregolare in sei episodi, c’è la sensazione che il Dr. Brain avrebbe potuto essere davvero eccezionale se i suoi personaggi di supporto e le sue teorie fossero stati più profondamente approfonditi.

Dead man tell no stories

Dr. Brain la recensione

Con questo ci avviciniamo alla conclusione della recensione del Dr. Brain. Ad esempio, sebbene non lo esamini mai completamente, il Dr. Brain accenna ad alcuni dei più complessi dilemmi morali della tecnologia che stiamo davvero solo iniziando a interrogare veramente. È gravemente inquietante vedere il Dr. Koh in agguato intorno all’obitorio per trovare un cadavere per testare la sua tecnologia di sincronizzazione del cervello o collegarsi con un gatto per risolvere un crimine.

C’è un sottile equilibrio tra l’essere un utente della tecnologia e l’essere utilizzato da quella tecnologia. Qui è dove il concetto di sincronizzazione cerebrale nella serie porta alcuni paralleli nella vita reale. Quanto di noi stessi condividiamo tramite la tecnologia e abbiamo anche il controllo su cosa e quanto viene condiviso? Cosa significa privacy in questa era digitale? I metodi di avanzamento tecnologico possono essere giustificati fintanto che i risultati sono “buoni”?

Queste domande sono tanto più toccanti dato il fatto che la serie è sostenuto da una delle più grandi aziende tecnologiche del mondo. Forse la conclusione che la serie ci offre è una di ostinata ambivalenza nei confronti della tecnologia: l’uso della tecnologia di sincronizzazione del cervello da parte del Dr. Koh (un po’ ironicamente) gli consente di sperimentare la ricchezza della vita, in tutte le sue emozioni, gioie e dolori, più di quanto mai potuto senza di essa. Eppure, questo ha un costo.

A volte soffre di un sovraccarico di informazioni e la sua personalità cambia quando la realtà e la tecnologia iniziano a confondersi.

L’esperto regista e sceneggiatore Kim Jee-woon ha diretto classici coreani acclamati dalla critica come The Good, The Bad, The Weird (2008) e il primo film coreano finanziato dalla Warner Brothers The Age of Shadows (2016). Ci sono lampi di brillantezza in tutta la serie, in particolare nel suo uso continuo e tempestivo dei flashback – uno strumento di narrazione che troppo spesso si sente abusato al giorno d’oggi. Da un lato, le sue eleganti transizioni tra passato e presente catturano opportunamente la mente instabile del Dr. Koh. Dall’altro, questi cambiamenti nel tempo forniscono un’esperienza di suspense assorbente per lo spettatore, specialmente negli ultimi episodi. Questo funziona a favore della serie, poiché Apple TV Plus pubblicherà episodi di Dr. Brain uno alla volta, settimanalmente fino al 10 dicembre.

Basato sul popolare webtoon coreano con lo stesso nome, Dr. Brain è stato presentato in anteprima il 4 novembre, in coincidenza con il lancio di Apple TV Plus nel mercato coreano. Sebbene Dr. Brain possa sembrare un inizio lento per Apple, è forse utile ricordare che non molto tempo fa, Netflix ha debuttato con la sua prima serie originale coreana Love Alarm con recensioni piuttosto deludenti e tutt’altro che illustri. Tuttavia, da allora la piattaforma ha sviluppato un prolifico portafoglio di serie coreane ottenendo consensi sia di critica che commerciale, in particolare con il successo di Squid Game. Nonostante le sue carenze, Dr. Brain offre uno sguardo promettente e pieno di speranza sulla visione di Apple TV Plus per i suoi progetti futuri in Corea e una vera sfida per altri streamer sul mercato.

 

77
Dr. Brain
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di Dr. Brain dicendo che è una serie con una premessa molto interessante che riesce a far sbocciare quasi fino in fondo. Costruita molto bene narrativamente parlando, interessante da vedere in ogni caso per appassionati del genere e non.

ME GUSTA
  • Storia basata su studi scientifici che rende tutto molto affascinante.
  • Tensione pura soprattutto nelle prime puntate.
  • Cast molto affiatato.
FAIL
  • A volte poco approfondimento su temi che meritavano di più.
Invasion, la recensione: se smetti di cercarlo, ti troverà
Invasion, la recensione: se smetti di cercarlo, ti troverà
Invasion, la recensione: se smetti di cercarlo, ti troverà
Invasion, la recensione: se smetti di cercarlo, ti troverà