800 Eroi, la recensione del kolossal bellico cinese

78
7 mesi fa

7 minuti

800 eroi la recensione

Tra i film presenti al Fan Hua Chinese Film Festival vi proponiamo la recensione di 800 Eroi. L’uscita nazionale di questa fragorosa epopea di guerra cinese è stata rinviata lo scorso anno per quelle che sono state descritte come “misteriose ragioni politiche”. Si pensa che il film abbia infastidito alcuni membri del partito comunista per aver ritratto gli ufficiali dell’esercito rivale del Kuomintang durante la guerra sino-giapponese del 1937 in una luce troppo positiva. A chi non vive in Cina, tuttavia, 800 Eroi sembra un esempio di patriottismo strepitoso nella sua descrizione degli eroici soldati cinesi che difendono il magazzino di Sihang nella battaglia per Shanghai. La battaglia è vista come una sconfitta onorevole, un momento per galvanizzare l’orgoglio nazionale.

Il regista Guan Hu immerge lo spettatore direttamente nel caos del campo di battaglia da incubo con scene mozzafiato di una Shanghai bombardata e piena di macerie in fiamme.

L’esercito cinese è in inferiorità numerica e disarmato. La città è caduta, ma a un singolo reggimento viene ordinato di rimanere indietro per difendere il magazzino – un’ultima resistenza simbolica (i giornali occidentali lo definirono “l’Alamo cinese”). Sarebbe stato un miracolo se queste truppe avessero potuto resistere per un solo giorno contro l’artiglieria giapponese. E la regia di Guan va a esaltare il tutto con gli effetti speciali, offrendo scene di battaglia stupende e rumorose e sequenze di combattimento montate al ritmo fulmineo di un film di supereroi. Di seguito il trailer YouTube:

L’Alamo cinese

800 eroi la recensione

Continuiamo la recensione di 800 Eroi fornendo un quadro storico più dettagliato della vicenda. Dall’altra parte del fiume rispetto al magazzino si trova la zona neutra di Shanghai, popolata da un mix cosmopolita chic di cinesi e stranieri, che inizialmente guardano lo spettacolo dall’altra parte dell’acqua sorseggiando cocktail come se fosse un teatro di strada gratuito. Mentre la lotta di quattro giorni per la sopravvivenza si avvicina alla fine, il coraggio dei soldati cinesi diventa suicida, mentre si allacciano le granate e si lanciano dalle finestre sulle truppe giapponesi sottostanti.

C’è così tanta attenzione sull’azione, che non c’è modo di mostrare nel dettaglio le vite emotive dei personaggi, ed è difficile realizzare subito chi vive o muore.

Per quanto riguarda la colonna sonora, dovrebbe essere ammonita dalla polizia per aggressione sonora.

1937. Pochi mesi dopo la caduta di Shanghai in mano giapponese, i soldati dell’88a divisione dell’esercito nazionalista cinese hanno ricevuto l’ordine di difendere il Sihang Warehouse, un edificio di proprietà delle quattro principali banche della città, come un modo per raccogliere simpatia e sostegno tra la più ampia comunità internazionale. Ma quanto possono resistere?

Attualmente è il secondo film con il maggior incasso in tutto il mondo nel 2020 (dopo Bad Boys For Life). Il film di Guan Hu è la prima produzione cinese ad essere girata completamente con telecamere digitali IMAX e il regista usa ogni centimetro dell’inquadratura per drammatizzare un’azione di retroguardia dell’esercito nazionalista cinese per difendere un magazzino simbolicamente importante dagli invasori giapponesi.

In sostanza, 800 Eroi è tanto un film di assedio quanto un film di guerra, una coraggiosa banda di 800 soldati contro un enorme esercito armato, e offre un film realizzato in modo brillante.

Come funziona un kolossal cinese?

800 eroi la recensione

Ci avviciniamo alla conclusione della recensione di 800 Eroi concentrandoci su cosa significhi realizzare un kolossal in Cina. La sceneggiatura di Guan e Ge Rui scandisce l’azione in quattro giorni. Il primo giorno è un blitzkrieg d’azione straordinariamente coreografato catturato dai movimenti nervotici della telecamera di Guan, che si tratti di una frenesia dovuta a gas usati per stordire i soldati (i soldati pisciano sugli asciugamani e si coprono la bocca per stare al sicuro) o un attacco a sorpresa da parte di commando giapponesi che entrano nel magazzino attraverso le fogne.

Il secondo giorno alza la posta quando i giapponesi, imbarazzati dal loro primo attacco fallito, si impegnano a prendere il controllo del magazzino in sole tre ore. Il terzo giorno racconta l’atto eroico di Yang Huimin (Tang Yixin), che si avvolse intorno la bandiera nazionale cinese e nuotò attraverso il fiume per consegnarla alle truppe assediate.

Quello che segue è un coraggioso tentativo di issare la bandiera sul tetto del magazzino come atto finale di sfida e patriottismo.

L’ultimo giorno inizia quando la fine è vicina, ma torna indietro di 14 ore per riempire le macchinazioni militari – offrendo una visione equilibrata dell’esercito giapponese – che si accumulano fino alla resa dei conti finale.

Il film è realizzato in maniera molto bilanciata e attenta e fluttua tra grandi spazi e momenti più tranquilli. 800 Eroi mostra tutti gli aspetti e non fa nulla di fretta, e alla fine ci sono tantissimi personaggi di cui preoccuparsi, ma ovunque ti giri c’è un film fantastico, che svolazza tra grandi spazi (un un set che coinvolge rifornimenti che vengono fatti scorrere attraverso un fiume) e momenti di calma (soldati trafitti da un cantante d’opera sull’altra sponda del fiume; uno spettacolo di ombre ammalianti; un ultimo bagno comune prima della battaglia).

Il film cattura anche la sensazione che l’assedio sia quasi uno spettacolo sia per i residenti cinesi inizialmente disinteressati che guardano dall’altra parte del fiume sia per la comunità internazionale che assiste alla battaglia in sicurezza dai balconi dell’hotel in alto e da un dirigibile che offre un Visione dall’alto dell’azione. A volte la predilezione di Guan per le immagini vivide ha la meglio su di lui – un cavallo bianco che galoppa intorno al magazzino è una vista sbalorditiva ma presto si esaurisce come simbolismo per la speranza – ma dato che l’azione è contenuta all’interno di spazi su entrambi i lati del fiume, la portata e le dimensioni sono davvero epiche, il tutto con un budget di 80 milioni di dollari.

Paragonato dai media cinesi a Dunkirk molto prima della sua uscita, la saga condivide sentimenti simili di sopravvivenza, grinta e trionfo nella sconfitta.

La regia di Guan può essere meno radicale o propulsiva di quella di Nolan, ma immerge anche il pubblico nell’intimità e nella grandezza del brutale spettacolo di guerra mentre lo immerge in una tela d’epoca straordinariamente montata.

Regista che si trova a cavallo con successo tra TV e cinema d’autore (i suoi film Cow e Mr. Six sono stati entrambi presentati a Venezia), l’ottavo lungometraggio di Guan è senza dubbio il suo più onnipresente. La visione centrale che attraversa tutte le sue opere – della sopravvivenza, del destino e degli elementi – è proiettata su un crogiolo umano panoramico.

Come il vecchio gangster in Mr. Six o la vedova in Design of Death, i personaggi di 800 Eroi sono costantemente costretti a fare delle scelte e a forgiare i propri codici di moralità: gli ufficiali devono decidere di obbedire agli ordini o fare la cosa più onorevole, i codardi sono combattuti se darsi alla fuga o se avvisare i compagni del pericolo, i civili devono scegliere tra portare aiuti al magazzino o stare lontani dal fuoco incrociato.

Il 25 ottobre, Shanghai è caduta in mano ai giapponesi dopo quasi tre mesi di strenua resistenza. Il generale Chiang Kai Shek ha ordinato ad alcune truppe di rimanere indietro come retroguardia e di dimostrare che i cinesi non si arrenderanno nella speranza di ottenere simpatia alla prossima conferenza delle nove potenze a Bruxelles.

Così il 542° Reggimento dell’88a Divisione d’élite dell’Esercito di Resistenza Cinese (NRA) fu inviato a tenere il forte nel Sihang Warehouse (noto anche come China Mint Warehouse), un edificio di sei piani di proprietà delle quattro principali banche di Shanghai. Raggiunti da corpi di sicurezza meno addestrati di Hubei, Hunan e Zhejiang, questi 411 uomini si scontrarono con la Terza Divisione giapponese, il più alto livello dell’esercito imperiale. Sebbene il loro scopo fosse puramente simbolico, ci si aspettava che gli uomini morissero difendendo il magazzino. Hanno resistito per quattro giorni interi.

 

800 Eroi è disponibile per la visione su MYmovies.

85
800 Eroi
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di 800 Eroi dicendo che è un film che detterà nuove regole nel campo dei film di guerra e non solo. Un film strabiliante da molti punti di vista e nonostante la sua durata piacevolissimo da vedere. Ti trasporta dentro l'azione fin dai primi momenti.

ME GUSTA
  • La fotografia è una delle migliori dell'ultimo decennio.
  • La colonna sonora è semplicemente perfetta.
  • La regia supera i canoni del semplice kolossal.
  • Le sequenze d'azione sono strabilianti.
FAIL
  • Più concentrato sulle vicende e meno sui singoli personaggi.
Beauty Water, la recensione: quando la bellezza può essere letale
Beauty Water, la recensione: quando la bellezza può essere letale
Doctor Strange nel Multiverso della Follia, la recensione: siamo fatti della stessa sostanza dei sogni
Doctor Strange nel Multiverso della Follia, la recensione: siamo fatti della stessa sostanza dei sogni
Sword Art Online: Progressive - Aria of a Starless Night, la recensione
Sword Art Online: Progressive - Aria of a Starless Night, la recensione
Shark: The Beginning, la recensione: "Non puoi essere debole adesso."
Shark: The Beginning, la recensione: "Non puoi essere debole adesso."
The Northman, la recensione: il futuro non si può scrivere
The Northman, la recensione: il futuro non si può scrivere
Official Competition, la recensione: la vera sorpresa di Venezia conquista, diverte e critica il cinema
Official Competition, la recensione: la vera sorpresa di Venezia conquista, diverte e critica il cinema
Sonic 2, la recensione: quel senso di avventura degli anni '90 sopravvive
Sonic 2, la recensione: quel senso di avventura degli anni '90 sopravvive