L’uomo delle Castagne, la recensione della serie crime Netflix dai creatori di The Killing

70
2 mesi fa

7 minuti

l'uomo delle castagne - la recensione

Iniziamo la recensione de L’Uomo delle Castagne dicendo che ormai, abbiamo tutti familiarità con il trailer di film e TV in cui una inquietante cover di un coro di bambini di una canzone popolare viene utilizzata per indicare che inquietanti avvenimenti stanno per accadere. C’è un motivo per cui così tanti progetti si sono rivolti a canzoni che sono allo stesso tempo familiari e non familiari come scorciatoia per creare un senso di inquietudine.

Oltre un decennio in un mondo in cui il genere noir è stato rivisitato in tutte le salse possibili e immaginabili, eppure L’Uomo delle Castagne riesce a creare uno slancio nuovo. Verso la fine del primo dei sei episodi della stagione, un gruppo riunito di scolari danesi canta una filastrocca sulle castagne, lo stesso segno che un assassino lascia sulla scena del crimine come biglietto da visita. Come se questo faccia a faccia non bastasse, una castagna cruda, ancora nel suo involucro esterno, cade da un albero.

L’Uomo delle Castagne, è stato co-creato da Søren Sveistrup, il cui romanzo omonimo del 2018 è arrivato dopo aver creato la versione originale danese di The Killing oltre un decennio prima.

Ma piuttosto che riflettere il pedigree di qualcuno il cui precedente lavoro televisivo ha capitalizzato così bene su una forma di narrazione episodica, la serie Netflix sembra un tentativo non tanto di adattare il suo libro, quanto di trasporlo.

La sequenza di apertura della serie ambientata nel 1987 potrebbe anche essere etichettata come Prologo, una passeggiata attraverso una scena del crimine feroce e sanguinosa punteggiata da un altro atto di violenza da aggiungere a una pila che continuerà a crescere.

Da lì, L’Uomo delle Castagne fa un balzo in avanti, seguendo una coppia di detective, Naia Thulin (Danica Curcic) e Mark Hess (Mikkel Boe Følsgaard) mentre vengono coinvolti in un’indagine per omicidio. Uno degli unici indizi? Una minuscola figurina di castagno lasciata al posto di un’appendice mancante. Trailer YouTube in arrivo:

 

L’inizio delle indagini

l'uomo delle castagne - la recensione

Continuiamo la recensione di L’Uomo delle Castagne dicendo che Netflix non è certamente estraneo alla ricetta del romanzo poliziesco alla TV, avendo ritagliato un’intera ala di programmazione dedicata alle storie di Harlan Coben. La serie è forse sullo stesso spettro, ma a suo merito, qui c’è decisamente più brio visivo. Nello stesso modo in cui Sveistrup avrebbe dovuto impostare tutte queste posizioni sulla pagina: una fattoria logora dal tempo, un interno di una casa con pannelli di legno, un condominio con una facciata simile a un mosaico, edifici pubblici con corridoi sorprendentemente riflettenti, c’è un ritmo in più a ogni inquadratura successiva che porta una sorta di pazienza romanzesca tra i maggiori elementi di corsa contro il tempo del mistero.

Non è affatto vicino all’austerità di qualcosa come The Investigation, una svolta decisamente diversa sulla raccolta di informazioni su una morte sospetta, ma condivide un tipo simile di desolazione. Mentre Thulin e Hess analizzano vecchi documenti di prova e individuano dettagli chiave precedentemente ignorati, c’è un senso simile su alcune rivelazioni che mappano quasi direttamente sui ritmi di un cliffhanger di fine capitolo. Ci sono flashback posizionati in modo strano, deliberatamente nascosti fino a quando le informazioni chiave all’interno non diventano più contorte del contesto.

Thulin e Hess seguono uno o due piste meno fruttuose, ma la traiettoria delle loro scoperte è praticamente progettata solo per andare avanti.

E quelle castagne. È un’increspatura che attraversa ogni centimetro della serie, una chiave principale per comprendere sia il metodo che il movente. Anche oltre il punto in cui sembra eccessivo, le castagne sono sempre presenti in L’Uomo delle Castagne nello stesso modo in cui Sveistrup può farla franca con una ripetizione incessante su una pagina. Senza il tipo di scorciatoie visive che possono trasmettere informazioni con un’inquadratura destabilizzante, un romanzo poliziesco può metterti nella mente di Thulin o Hess o del ministro del governo Rosa Hartung (Iben Dorner), il cui l’indicibile orrore familiare si intreccia con il destino di tutti gli altri.

Rosa e il marito Steen (Esben Dalgaard Andersen) sono bloccati in una terra di dolore, e la combo Thulin-Hess è bloccata nella stessa devozione monomaniacale al caso come la serie in generale.

In sei episodi, la serie coglie molte opportunità per invocare la natura del trauma intergenerazionale e i rispettivi fardelli sentiti da genitori e figli. Ma con la singolare attenzione a tracciare connessioni tra questo miscuglio di psiche, non c’è molto spazio per nulla oltre a proclamare che esistono.

Forse il finale, per alcuni degli spettatori con una conoscenza del cinema e della TV danesi potrebbero essere in grado di annusare un po’ prima come andrà, sembra a corto di catarsi principalmente perché il finale si svolge come un obbligo. Per una storia incentrata su cadaveri maciullati, pozze di sangue inquietanti e un’arma di un progetto di arti e mestieri dell’infanzia, c’è una nitidezza in tutto ciò che sembra stranamente un libro di fiabe.

Un Noir dal cuore freddo

l'uomo delle castagne - la recensione

Scendiamo nei dettagli della recensione di L’Uomo delle Castagne. Ci sono stati momenti durante il primo episodio de L’Uomo delle Castagne, basato sul romanzo di Søren Sveistrup, in cui le cose sono troppo lente. Si parla troppo e non c’è abbastanza slancio nella trama per arrivare dove stanno andando le cose. Ma questo è intenzionale da parte di Sveistrup e dei suoi co-creatori Dorte Høgh, David Sandreuter e Mikkel Serup. Vogliono dare allo spettatore la sensazione che il caso attuale non stia andando da nessuna parte. Ma poi l’impronta digitale di Kristine Hartung si presenta e spinge la serie in una direzione in cui viene stuzzicata la curiosità dello spettatore.

Ormai, abbiamo visto così tante serie come questa, in cui “ognuno ha un segreto”, che abbiamo iniziato a chiederci dove questo potrebbe risaltare nella serie. Una delle cose che gli conferisce un ulteriore fattore di “creep” sono le stesse figurine di castagno. Non si tratta certo di una cosa danese fare piccole figurine con le castagne e sembra essere una cosa strana da fare per i bambini piccoli, quindi vedere che una di queste verrà lasciata su ogni scena del crimine che Thulin e Hess indagano ci dà un particolare forma di inquietudine.

Ma c’è anche il collegamento con ciò che abbiamo visto all’aperto, quel caso nel lontano 1987. Siamo abbastanza sicuri che entrerà in gioco da qualche parte, ma non siamo sicuri di dove. È quella mancanza di prevedibilità che sappiamo mantiene le persone sintonizzate su serie noir scandinava. Curcic e Følsgaard lavorano bene insieme, anche quando sembra che Hess sia disinteressato al caso e Thulin voglia essere ovunque tranne che in macchina con questo ragazzo.

Man mano che il mistero si infittisce, sarà interessante vedere come cambierà il loro rapporto di lavoro, e possiamo anche provare a capire perché Hess è ancora a Copenaghen quando il suo partner è altrove, e Thulin è così riluttante a presentarle il suo bottino.

Dopo che Hess e Thulin non sono d’accordo su come procedere con il caso, una castagna nel suo guscio pungente cade sul tetto dell’auto di Thulin. Se lo toglie ed entra, ma la musica inquietante indica che era più di una semplice coincidenza.

Anders Hove interpreta Askel, suocero di Thulin ed ex poliziotto. La aiuterà con qualche consiglio o la sua curiosità per il suo caso ostacolerà i suoi sforzi? Siamo un po’ confusi su quello che è successo a Kristine Hartung. Sembra che il suo corpo non sia mai stato trovato, ma i pezzi sì. Allora perché è stata dichiarata morta? L’Uomo delle Castagne ha un mistero intrigante e forti personaggi principali. È un ottimo esempio del perché il noir scandinavo è un genere così popolare.

L’Uomo delle Castagne è disponibile per la visione su Netflix.

 

80
L'Uomo delle Castagne
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione de L'Uomo delle Castagne con la sensazione che potrebbe essere un cult, ed è il noir nordico al suo meglio. Una serie inquietante con la trama perfetta del serial killer, scene di omicidio brutali e l'antagonista al centro della sua premessa, assolutamente da vedere.

ME GUSTA
  • La fotografia si fonde perfettamente con le atmosfere della serie.
  • Gli interpreti riescono a essere come li immaginavi nel libro.
  • Colonna sonora notevole.
  • Un esempio del genere noir.
FAIL
  • Alcune scene sono troppo lente.
Tiger King 2, la recensione del ritorno di Joe Exotic su Netflix: il troppo stroppia
Tiger King 2, la recensione del ritorno di Joe Exotic su Netflix: il troppo stroppia
Hellbound, la recensione: l'Apocalisse dei peccatori
Hellbound, la recensione: l'Apocalisse dei peccatori
Arcane, la recensione: l'esplosione di un'opera d'arte liberty
Arcane, la recensione: l'esplosione di un'opera d'arte liberty
Cowboy Bebop, la recensione della serie live action Netflix: la definizione di guilty pleasure
Cowboy Bebop, la recensione della serie live action Netflix: la definizione di guilty pleasure
Strappare Lungo I Bordi, la recensione: il meraviglioso ritratto agrodolce di una generazione perennemente inadeguata
Strappare Lungo I Bordi, la recensione: il meraviglioso ritratto agrodolce di una generazione perennemente inadeguata
Big Mouth 5, la recensione: quando oltre agli ormoni ci sono le farfalle nello stomaco
Big Mouth 5, la recensione: quando oltre agli ormoni ci sono le farfalle nello stomaco
John DeLorean: mito e magnate, la recensione della docuserie di Netflix
John DeLorean: mito e magnate, la recensione della docuserie di Netflix