YouTube: è guerra alla disinformazione sui vaccini, ban per grossi canali no-vax

357
1 anno fa

YouTube ha confermato una nuova politica che tenterà di fermare nel possibile la disinformazione legata ai vaccini. Nello specifico, si parla di un avviso che conferma lo stop a tutti i contenuti che in contrasto con le dichiarazioni delle autorità parlano della pericolosità o inefficacia dei vaccini. Come spiegato, si procederà anche al ban degli account anti-vax, al fine di limitare al massimo la possibile informazione di utenti non competenti in merito a un argomento particolarmente dedicato come questo.

Nel 2019, la piattaforma ha confermato di aver rimosso le pubblicità da tutti i contenuti anti-vax, e a ottobre dello scorso anno ha già parlato del suo intento di fermare i canali che forniscono informazioni non corrette in merito ai vaccini. L’obiettivo della nuova politica è quella di espandere il tutto anche ad altri campi delle vaccinazioni, il che conferma l’impegno di Google nel rendere la sua piattaforma di sharing il più anonima possibile in tal senso, al fine di evitare possibili problemi.

È stato spiegato che ovviamente non risulterà impossibile parlare dei vaccini, e che nel caso in cui ci si trovi ad esempio a discutere semplicemente della propria esperienza non ci sarà alcun problema, che si creerà invece nel caso in cui dati canali promuovano la disinformazione nel corso del tempo. Gli utenti potranno notare fin da subito la scomparsa di enormi canali no-vax che promuovevano informazioni non confermate dalle autorità in merito ai vaccini.

Non si tratta di certo della prima piattaforma a prendere provvedimenti simili a questo, vi abbiamo parlato nell’articolo che trovate al seguente link di una recente chiusura di un canale Telegram per via della presunta disinformazione sui vaccini. Anche Facebook si è schierata contro il fenomeno, ed è ovviamente normale che le major del settore facciano il possibile per evitare disinformazione su temi del genere nel proprio ambiente.

 

 

YouTube permetterà di monetizzare i video con musica sotto licenza
YouTube permetterà di monetizzare i video con musica sotto licenza
YouTube potrebbe sconfiggere TikTok grazie a quanto paga i creator
YouTube potrebbe sconfiggere TikTok grazie a quanto paga i creator
YouTube testa delle reazioni per i video
YouTube testa delle reazioni per i video
Anche YouTube rischia il blocco russo: "I video anti-Russia vanno fermati"
Anche YouTube rischia il blocco russo: "I video anti-Russia vanno fermati"
YouTube starebbe offrendo grosse cifre ai creatori per realizzare podcast
YouTube starebbe offrendo grosse cifre ai creatori per realizzare podcast
YouTube: gli Shorts hanno raggiunto i 5 triliardi di visualizzazioni
YouTube: gli Shorts hanno raggiunto i 5 triliardi di visualizzazioni
Google punta a migliorare le possibilità di YouTube per i podcast?
Google punta a migliorare le possibilità di YouTube per i podcast?

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.