Ban sui social, una legge del Texas impedisce di censurare le persone per la loro opinione

Una nuova legge approvata dal Congresso statale del Texas impedisce ai social network di bannare gli utenti sulla base delle loro opinioni, anche quando queste vengono espresse offline. La legge protegge gli utenti anche dalla demonetizzazione dei loro contenuti, o da qualsiasi altra forma di restrizione.

Un paragrafo della legge tratta specificatamente i servizi di email, stabilendo che nessun fornitore può bloccare l’invio o la circolazione di un messaggio sulla base del suo contenuto. Questi obblighi valgono esclusivamente per le piattaforme con oltre 50 milioni di utenti, mentre sono esentati i provider e i siti d’informazione o intrattenimento.

Probabilmente questa legge non avrà nessun effetto, come un provvedimento simile approvato in Florida

Non è la prima volta che uno Stato a guida repubblicana cerca di intervenire sul tema della libertà di opinione in rete, ci aveva già provato la Florida con risultati piuttosto deludenti. Esistono due importanti ostacoli: il primo è che la moderazione dei contenuti sui social – e non solo – è regolata da una legge federale, la Sezione 230 del Communications Decency Act, la seconda è che il primo emendamento, ossia la parte della Costituzione americana che sancisce la libertà di parola e opinione, riconosce questo diritto anche in chiave negativa.

In altre parole? Un’azienda ha tutto il diritto di stabilire quale opinioni o idee ospitare, e quali invece censurare. Vale anche per i social network come Facebook e Twitter. L’obbligo di ospitare indiscriminatamente ogni idea – e questo può sembrare un paradosso – rischia di andare in conflitto con la costituzione e non reggere davanti allo scrutinio della Corte Suprema del Texas (o di quella federale).

 

 

Sblind: il nuovo social network che ha a cuore la sostenibilità
Sblind: il nuovo social network che ha a cuore la sostenibilità
I Gen Z e Millennial nostalgici per il mondo pre-smartphone e pre-social non sono una minoranza
I Gen Z e Millennial nostalgici per il mondo pre-smartphone e pre-social non sono una minoranza
Il Texas vieterà ai minori di creare account sui social senza autorizzazione dei genitori
Il Texas vieterà ai minori di creare account sui social senza autorizzazione dei genitori
Carlo Calenda vuole vietare i social network ai minori di 13 anni (attaccando la privacy di tutti)
Carlo Calenda vuole vietare i social network ai minori di 13 anni (attaccando la privacy di tutti)
BeReal introduce finalmente i messaggi privati, ma funzionano in modo 'peculiare'
BeReal introduce finalmente i messaggi privati, ma funzionano in modo 'peculiare'
Artifact permetterà agli utenti di segnalare gli articoli clickbait
Artifact permetterà agli utenti di segnalare gli articoli clickbait
BeReal: arriva il feed "con la gente famosa". Menomale che era il "social della gente comune"...
BeReal: arriva il feed "con la gente famosa". Menomale che era il "social della gente comune"...