Becoming Led Zeppelin, la recensione di come nasce un mito

1 settimana fa

8 minuti

Becoming Led Zeppelin la recensione

Ci avventuriamo nella nostra recensione di Becoming Led Zeppelin, considerando che questa band non solo è stata soprannominata “i Beatles dell’heavy metal”, ma anche una delle quattro o cinque più grandi band rock’n’roll di tutti i tempi. I Led Zeppelin inoltre hanno avuto un rispetto scioccante da parte della critica ai tempi, si potrebbe dire che cose del genere non succedono spesso sia nella musica (basta guardare la riverenza con cui gli ABBA sono ora considerati; nel loro periodo di massimo splendore erano spesso liquidati come facili creatori di jingle pop) che nei film (Il mago di Oz o Blade Runner erano stati molto sottovalutati ai loro tempi).

Ma nel caso dei Led Zeppelin, c’è qualcosa di unico che racconta il vasto abisso tra il modo in cui sono stati visti dai loro fan e dai cosiddetti intenditori della rispettabilità nel rock. E questo aiuta a spiegare perché i Led Zeppelin, 50 anni dopo, hanno ancora un sound così esplosivo, primordiale e vulcanico.

Quello che si sente nella loro musica, per quanto incandescente possa essere, è una qualità che potrebbe essere descritta, in una parola, come distruzione creativa.

Il riff che alimenta Whole Lotta Love suona come una locomotiva che è scivolata fuori pista e sta cercando di farsi largo verso l’apocalisse. Communication Breakdown, con il suo implacabile spirito punk con la voce di di Robert Plant, sembra la colonna sonora di un film di guerra.

Negli anni ’70, questo è ciò che “i critici” non hanno capito: che il loro amato rock’n’roll potesse ora essere così violento, così selvaggio, così impantanato in una sorta di vandalismo erotizzato.

Ma per quelli che sono cresciuti con la loro musica, attirati dalla forza oscura di Black Dog, Rock and Roll e Immigrant Song, la band ha toccato delle corde profonde della coscienza di qualcosa che ognuno viveva in prima persona. I Led Zeppelin sono emersi alla fine degli anni ’60, e per molti versi erano prodotti di quel tempo, ma hanno schiacciato gli ultimi raggi di sole di pace e amore con la stessa sicurezza di Altamont e Manson.

Tutto questo per dire che Becoming Led Zeppelin, è come una grande cronaca sotto forma di documentario della band, è un film che ogni fan degli Led Zeppelin vorrebbe vedere, ma che, anche se è pieno di riprese straordinarie, è un film che potrebbe non soddisfare fino in fondo la fame di musica. Continuiamo la recensione di Becoming Led Zeppelin scendendo di più nei dettagli.

La nascita di una band

Becoming Led Zeppelin la recensione

Continuiamo la recensione di Becoming Led Zeppelin dicendo che, il film è totalmente fedele al suo titolo, infatti dedica tutta la sua prima ora a raccontare la storia dei membri della band negli anni ’50 e ’60, quando crescevano e trovavano la loro strada come musicisti londinesi nell’establishment rock. Molte di queste cose sono affascinanti e per lo più anche sconosciute.

Per esempio scopriamo che Jimmy Page, da virtuoso musicista di sessione londinese, suonasse di tutto, da Downtown a Goldfinger fino alle sessioni con gli Who, gli Stones e David Bowie, o che John Paul Jones fosse un arrangiatore che ha orchestrato il suono di canzoni come Mellow Yellow di Donovan.

Tra l’altro gli altri musicisti in studio quel giorno pensavano che i fiati sulla traccia fossero scadenti, fino a quando Paul McCartney non è arrivato e ha detto che pensava che fossero fantastici. Vediamo i rocker che i membri della band descrivono come parte integrante del loro bagaglio artistico: non solo Elvis e Little Richard e Bo Diddley, ma il suonatore di skiffle scozzese Lonnie Donegan (descritto da Page come “una forza della natura”) o il Johnny Burnette Trio che fa The Train Kept A-Rollin’ nel 1956.

Qualsiasi buon documentario è destinato a esplorare i primi giorni del suo soggetto; con Becoming Led Zeppelin viene fatto in modo molto esaustivo. Il film è così scrupoloso nell’esporre come è nata la band che a volte ti dà l’impressione che stia per entrare in scena anche Piero Angela & son.

La musica ti sceglie

Becoming Led Zeppelin la recensione

Eppure nella recensione di Becoming Led Zeppelin dobbiamo considerare anche una qualità curiosamente ermetica di questo documentario. Se il film fosse stato davvero uno speciale di Super Quark dedicato alla musica, avrebbe potuto scavare ancora più a fondo nelle radici del rock’n’roll. Oltre a fare un tuffo d’archivio nelle origini dei Led Zeppelin, offrirebbe ancora più sfumature, prospettiva, una visione di come il suo soggetto si adattava e ha cambiato la cultura.

In Becoming Led Zeppelin, il regista, Bernard MacMahon, intervista i tre membri della band (sopravvissuti): Jimmy Page, Robert Plant e John Paul Jones. Sentiamo la voce di John Bonham, morto nel 1980, nelle interviste registrate.

Nessun produttore, nessun manager, nessun dirigente, nessun coniuge, nessun amico, nessun nemico, nessun collega, nessun rivale, nessun critico. Becoming Led Zeppelin è pieno di cose essenziali, ma a un certo livello sembra un quasi una propaganda dei Led Zeppelin.

I membri dei Led Zeppelin, tutti sulla metà degli anni ’70, sono affascinanti narratori della loro stessa leggenda. Jimmy Page è ora un elegante gentiluomo dalla faccia pulita con lunghi capelli bianchi che lo fanno sembrare uno dei padri fondatori, e ha molte storie su quando è stato un membro degli Yardbirds, sull’orientarsi nella scena discografica londinese e giocare duro con l’Atlantic Records; i dirigenti sulla questione di chi avrebbe controllato la musica dei Led Zeppelin – la band ha insistito sul pieno controllo – e del suo rifiuto di far uscire solo singoli.

Page era avanti sui suoi tempi, si rese conto che la radio rock FM passava gli album interi e avrebbe fatto “la magia” di commercializzarli. Plant, con una corona di riccioli e un sorriso malizioso, evoca l’ardore che provava guardando musicisti blues come Sonny Boy Williamson, e John Paul Jones,

con la sua esuberanza senza età, cattura l’ebbrezza elettrica pura della prima volta che la band ha suonato insieme.

Niente Sesso e Droga solo Rock’n’Roll

Becoming Led Zeppelin la recensione

Il problema di inquadrare un documentario che a un certo punto diventa più un diario-cronaca dei Led Zeppelin è che quando iniziano a diventare famosi, gli aneddoti iniziano a diventare più selettivi e non svelano niente del mondo sfrenato del dietro le quinte.

Una delle ragioni per cui non c’è mai stato un documentario sugli Zeppelin (a parte il film concerto del 1976 The Song Remains the Same) è che Jimmy Page e Robert Plant sono stati degli incredibili maniaci del controllo sull’immagine della band.

Che loro e Jones siano le uniche persone intervistate è chiaramente qualcosa su cui hanno insistito. Molto ha a che fare con il fermo rifiuto dei membri della band di esplorare qualsiasi dimensione del loro leggendario comportamento scandaloso fuori dal palco. Certo, c’è Hammer of the Gods per questo, ma un film che guarda indietro all’edonismo sfrenato di quel tempo potrebbe essere rivelatore.

E anche se è tutto incentrato sulla musica, ci sono molte cose che Becoming Led Zeppelin tralascia. La verità è che non c’era bisogno di vedere mezz’ora di vecchie clip rock degli anni ’60. Era molto meglio sapere un pò di più sui Led Zeppelin, quando si sono formati nel 1968, hanno creato un suono così forte da aprire la porta a una nuova era nichilista, parliamo di questo no?

In altre parole: come è arrivato Jimmy Page con la sua visione energica e rauca del virtuosismo della chitarra? Nel documentario del 2008 It Might Get Loud, Page ha parlato di come la canzone Rumble di Link Wray del 1958 (che molti conoscono dalla colonna sonora di Pulp Fiction) sia stata la prima canzone a utilizzare il feedback musicalmente e l’incredibile impatto che ha avuto su di lui. Oltre a ciò, c’è qualcuno che più o meno ha inventato il rock della chitarra come un muro di devastante annientamento. Il suo nome è Jimi Hendrix. Non è mai menzionato nel documentario.

Una volta che i Led Zeppelin si sono riuniti come un supergruppo di musicisti sconosciuti (Page, degli Yardbirds, era quello che aveva un profilo pubblico), MacMahon racconta i loro primi giorni come un vero fan. Lascia che le clip delle performance vadano avanti, cosa apprezzabile, visto che a un certo punto vediamo una performance televisiva su vasta scala di Communication Breakdown.

Vediamo anche che straordinari musicisti erano tutti e quattro: Page con i suoi riff e sawing gustosi, l’impennata potenza del blues orgasmico del canto di Plant e l’epica batteria di Bonham – ancora i più grandi nella storia del rock.

Jones suonava il basso con un’invenzione sinuosa che lo ha reso il James Jamerson del metal. Il sound degli Zeppelin era unico, ma esplodeva in ogni direzione. In concerto, potevano sembrare più “limitati” (perché non avevano abbastanza strumenti per imitare ciò che Page ha fatto in studio), ma nessuno sul palco è mai stato più potente.

Segui la 78esima Mostra d’Arte Internazionale del Cinema di Venezia, dal 1 all’11 Settembre, con noi sull’hub: leganerd.com/venezia78

 

Potrebbe anche interessarti:

83
Becoming Led Zeppelin
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la nostra recensione di Becoming Led Zeppelin dicendo che ogni fan desidererà vedere questo documentario, ma è anche vero che se ci fosse stato qualche racconto sulla loro vita sfrenata sarebbe stato perfetto. L'immagine che la band si è creata però, ormai è leggendaria, ed è anche giusto che conservi il suo mistero fino in fondo.

ME GUSTA
  • Un viaggio diverso alla scoperta delle origini della band
  • Jimmy Page è il suo modo di raccontare gli aneddoti
  • La sincerità della band sul loro rapporto
FAIL
  • Intro stile storia della musica troppo lunga
  • Non mostra i peccati della band
  • Pochi dettagli su come sono nate le canzoni
Mondocane, la recensione: il signore delle Formiche
Mondocane, la recensione: il signore delle Formiche
Qui rido io, la recensione: cosa dura per sempre?
Qui rido io, la recensione: cosa dura per sempre?
Mona Lisa and the Blood Moon, la recensione del film di Ana Lily Amirpour
Mona Lisa and the Blood Moon, la recensione del film di Ana Lily Amirpour
L'événement, la recensione: quando l'aborto era illegale
L'événement, la recensione: quando l'aborto era illegale
Freaks Out, la recensione: la rivincita dei freaks, tra neorealismo e pop culture
Freaks Out, la recensione: la rivincita dei freaks, tra neorealismo e pop culture
Reflection, la recensione: le torture mai finite in Europa
Reflection, la recensione: le torture mai finite in Europa
Last Night in Soho, la recensione: la nostalgia, a volte, può essere spietata
Last Night in Soho, la recensione: la nostalgia, a volte, può essere spietata