La crisi dei semiconduttori sta risparmiando Apple: “si è mossa prima degli altri”

1 anno fa

La crisi dei semiconduttori colpisce tutti, tranne Apple. A dirlo è un report di Wave 7, che ha analizzato il vantaggio dell’azienda di Cupertino sugli altri produttori di smartphone. Colossi del calibro di OnePlus e Samsung stanno accumulando ritardi rispetto alla loro tabella di marcia, al punto da essere costretti a rivedere la loro offerta di prodotti per il 2021 – in alcuni casi cancellando smartphone – e deludere i loro clienti con lunghe liste d’attesa.

Apple è stata in grado di assicurarsi i rifornimenti di chip con estremo anticipo su tutti gli altri concorrenti, come ci hanno spiegato diverse fonti

ha detto Jeff Moore, a capo dello studio di consulenza e analisi Wave7.

Qualcomm produce i componenti di moltissimi degli smartphone venduti in Nord America. Lo scorso ottobre ha annunciato che la domanda delle aziende aveva superato – di molto – la sua capacità di produzione.

Ma proprio l’asimmetria del potere di contrattazione delle diverse aziende avrebbe prodotto una cartina irregolare, dove esistono vincitori e vinti. Gli effetti della scarsità di chip sono stati molto diversi, non solo tra produttori e produttori, ma anche tra operatori mobile e catene di elettronica diverse.

AT&T, ad esempio, è stato uno degli operatori meno colpiti dalla crisi. Non a caso, parliamo di uno dei principali fornitori di iPhone negli USA, dove i consumatori spesso acquistano i loro smartphone in bundle , assieme al piano dati e voce.

Altri operatori mobile non hanno avuto problemi ad assicurarsi la fornitura di smartphone che potrebbero essere invece molto difficili – se non impossibili – da acquistare presso la concorrenza. È questo il caso degli smartphone OnePlus, presenti nel catalogo di T-Mobile ma irreperibili in quelli di Metro. Anche in questo caso giocano un ruolo importante i canali privilegiati che i produttori decidono di riservare ad alcuni partner.

Si producono meno smartphone e quelli che vengono prodotti non vengono distribuiti in modo uguale tra tutti i canali di vendita.

L’assenza dei chip ha costretto alcuni produttori a compiere delle scelte, privilegiando alcune linee di prodotti a discapito di altre. Ad esempio, Samsung ha scelto di puntare tutto sui suoi flagship. I Galaxy S21 e S21 Ultra sono stati penalizzati poco, mentre i medio-gamma come il Galaxy A02s hanno subito ritardi e altri smartphone sono invece out-of-stock da diverse settimane, se non mesi.

 

 

OnePlus Buds Pro 2 ufficiali anche in Italia, ecco il prezzo
OnePlus Buds Pro 2 ufficiali anche in Italia, ecco il prezzo
OnePlus 11: ufficiale la versione internazionale, anche in Italia arriva il modello da 16GB di RAM
OnePlus 11: ufficiale la versione internazionale, anche in Italia arriva il modello da 16GB di RAM
Apple annuncia l'AI Summit: il primo evento in presenza dall'inizio della pandemia
Apple annuncia l'AI Summit: il primo evento in presenza dall'inizio della pandemia
Apple finalmente punta sugli schermi OLED. Sugli iPad nel 2024 e sui MacBook Pro nel 2026
Apple finalmente punta sugli schermi OLED. Sugli iPad nel 2024 e sui MacBook Pro nel 2026
Il OnePlus Ace 2 è un flagship killer che vogliamo assolutamente vedere in Italia: S8+G1 a meno di 400€
Il OnePlus Ace 2 è un flagship killer che vogliamo assolutamente vedere in Italia: S8+G1 a meno di 400€
Apple è ancora al lavoro per portare la ricarica inversa sugli iPhone
Apple è ancora al lavoro per portare la ricarica inversa sugli iPhone
"Apple riporterà il primo calo di fatturato da marzo del 2019"
"Apple riporterà il primo calo di fatturato da marzo del 2019"