American Vandal: la recensione del documentario Netflix

37
2 mesi fa

7 minuti

american vandal la recensione

Immergiamoci subito nella recensione di American Vandal esaltando la bellezza della prima stagione – una delle sorprese più vertiginose e divertenti del 2017 del catalogo Netflix – che era contemporaneamente una storia in cui il mistero contava e non contava. Una caratteristica che ha in comune solo con molti dei grandi gialli. Ovviamente tutti poi vogliono sapere chi ha disegnato i piselli. Sì, avete letto bene, si parla di piselli, quelli che disegnavate al liceo per intendersi.

American Vandal costruisce una rete così intricata e la caccia alla verità è un tale piacere da guardare, che non si può fare a meno di iniziare a speculare su chi sia il colpevole, anche stando seduti dall’altra parte dello schermo.

La prima stagione segue le conseguenze di un costoso scherzo del liceo che ha lasciato 27 auto della facoltà vandalizzate con immagini falliche. Il clown della classe Dylan Maxwell è accusato del crimine dalla scuola. Viene espulso, ma un’indagine sull’incidente viene avviata dal secondo anno Peter Maldonado, con l’aiuto del suo amico Sam Ecklund, per scoprire se Dylan sia il vero responsabile del crimine.

La seconda stagione segue Peter e Sam mentre indagano su un nuovo crimine in una scuola superiore privata cattolica dopo che la limonata della loro caffetteria è stata contaminata dal maltitolo da qualcuno che si fa chiamare il bandito della cacca.

Il 15 marzo 2016, alla Hanover High School di Oceanside, in California, sono state trovate 27 auto della facoltà nel parcheggio della scuola con immagini falliche disegnate su di esse. Il consiglio scolastico accusa il clown dell’ultimo anno, Dylan Maxwell, basandosi su una testimonianza del testimone Alex Trimboli, che si traduce nell’espulsione di Dylan. Tuttavia, Dylan afferma di non aver disegnato i peni sulle auto.

Peter sostiene che alcuni punti che il consiglio ha usato per espellere Dylan, inclusa la sua storia come noto disegnatore fallico, erano veri, ma li contraddice con prove contrastanti, come i disegni fallici sulle auto prive di peli, un piccolo dettaglio che Dylan disegnava sempre sui suoi precedenti disegni fallici. Peter e Sam iniziano a mettere in dubbio l’integrità di Trimboli della sua testimonianza e i suoi commenti precedentemente esagerati su un incontro sessuale con la popolare ragazza Sara Pearson e sul binge-drinking a una festa organizzata poche settimane prima.

Però, allerta spoiler: avrete solo due stagioni a disposizione perché poi Netflix ha deciso di cancellare la serie. Ad ogni modo, l’identità del disegnatore di piselli – o, nella sua seconda stagione, del Turd Burglar (il bandito della cacca) – non ha molta importanza. Il danno è già stato fatto, un prezzo inevitabile è stato pagato, e le ragioni di tutto ciò sono insidiose, se non di più, del crimine stesso. Se suona altisonante per una parodia perfetta, è perché lo è. Ma il più grande escamotage che American Vandal abbia mai fatto è stato convincere il mondo che è solo uno stupido mockumentary. Di seguito il trailer YouTube della serie:

Nuove forme di vandalismo

american vandal la recensione

Continuiamo la nostra recensione di American Vandal scendendo più nel dettaglio e anticipando anche i contenuti della seconda stagione. La seconda stagione della serie Netflix di Dan Perrault e Tony Yacenda potrebbe non avere la qualità fulminea della sua prima, ma è un degno seguito e in qualche modo è anche più efficace e ambiziosa della prima. Dall’ultima volta che abbiamo visto Peter Maldonado (Tyler Alvarez) e Sam Ecklund (Griffin Gluck), la loro seria cronaca delle prove e delle tribolazioni di Dylan Maxwell è diventata ancora più grande, alla fine è stata travolta da Netflix e dai suoi miliardi di dollari.

Mentre si preparano per una seconda stagione, passano attraverso le richieste di assistenza di coloro che sono entrati in conflitto con altri atti di vandalismo prima di trovare il caso perfetto: quello del bandito della cacca, un demone che ha tormentato un liceo cattolico privato noto per la sua squadra di basket d’élite.

In una serie di quelli che suppongo si possano chiamare scherzi, anche se il primo è dannatamente orribile, anche se molto divertente, il bandito della cacca ha scatenato l’inferno su quello che considerava un mondo pieno di impostori, uno stronzo alla volta.

Poi una dubbia confessione di uno studente e appassionato di tè (Travis Tope) ha fermato le indagini, ma non tutti credono che sia colpevole.

Sembra più colpevole, invece, una bonaria star del basket (Melvin Gregg) che potrebbe sembrare innocente. Questo è uno dei temi più potenti di American Vandal: spesso decidiamo che tipo di persona è qualcuno, specialmente un giovane, e poi è tutto ciò che pensiamo che sia. Aggiungete i social media e una narrazione avvincente e il gioco è fatto: sembrano tutti colpevoli. È stato avvincente nella prima serie, e lo è ancora di più qui.

Sia Tope che Gregg catturano sapientemente l’attenzione necessaria per creare un sospetto su una persona, in modi molto diversi. Sono entrambi anche molto divertenti mentre lo fanno, ma come nel caso di Jimmy Tatro nella prima stagione della serie, tutto è perfettamente bilanciato in modo tale che i loro personaggi non si trasformino mai in caricature.

Sono in carne e ossa, sempre: idioti, forse, ma innegabilmente, persino incredibilmente umani.

Un’indagine sopra le righe

american vandal la recensione

I registi della serie, sia reali che immaginari, fanno un lavoro notevole nel catturare tutta quell’umanità (così come tutto l’umorismo fecale). Una delle cose più intelligenti di questa stagione è che i soldi di Netflix, i soldi del progetto delle scuole superiori, consentono a Peter e Sam di migliorare significativamente il loro modo di indagare.

La grafica animata è tornata (abbiamo di nuovo un assaggio della grafica del lavoro manuale sul lago), così come le conversazioni sulla bacheca e le interviste che nascondono sempre un’imboscata, ma ci sono anche nuove tecniche: forse Maldonado ha costruito il suo modo di interrogare personale. Ci sono rievocazioni, filmati trovati e un sacco di foto e dettagli raccolti su Instagram. Lavorano con una grande tavolozza piena di indizi, ma è efficace.

Tutti gli aspetti delle indagini sono coerenti, ben gestiti e accurati come una vera storia criminale, e l’atto vandalico iniziale della seconda stagione – la prima grande mossa del bandito della cacca – è un incubo vivente.

Divertente perché non smetterete di ridere mentre commentate su quanto è tremendo, ma terrificante. Per lo più terrificante. Mi raccomando di non mangiare prima di guardare la serie.

Forse a causa di quell’orrore, così come di altri elementi degli atti vandalici del bandito della cacca, questa seconda uscita aumenta la vena malinconica della prima.

Scava nell’inferno del liceo e non ci mostra i “bravi ragazzi” e i “cattivi ragazzi”, ma un gruppo di persone incasinate, ansiose, tristi, sole, spaventate e perbene in una situazione di merda, ovviamente la battuta era intenzionale.

Queste due stagioni di American Vandal sono efficaci per il più semplice dei motivi: perché la scrittura è fantastica, la recitazione è fantastica ed è onesta. American Vandal è divertente – prova a dire bandito della cacca ad alta voce e cerca di non ridere – ma questa volta dimostra fin dai suoi momenti di apertura ciò che ha gradualmente rivelato nella sua prima stagione.

Le serie sono più interessate a scoprire la verità dietro il vero crimine che al crimine stesso, e nel trattare i suoi personaggi come le persone imperfette e spaventate quali sono. Tutto questo, e anche molte battute sulla cacca e i piselli.

 

American Vandal è disponibile per la visione su Netflix. Se non lo avete ancora visto, muovetevi prima che lo tolgano dal catalogo.

 

78
American Vandal
Recensione di Laura Della Corte

La conclusione della recensione di American Scandal non può che finire con la nostra ammissione di colpevolezza. Abbiamo scoperto questa serie tardi perché persa nell'immenso catalogo di Netflix, ma chiunque sia appassionato di vendette che non è riuscito ad attuare al liceo o stia cercando qualcosa di insolito e appassionante: qui lo troverà di sicuro.

ME GUSTA
  • Gli atti vandalici più divertenti e terribili al tempo stesso
  • Non riesci a smettere di guardarla
  • Come vengono alla scoperto le storie dei personaggi
  • I nomi dei vandali
  • Le battute involontarie e non
  • Se avete odiato un vostro professore al liceo godrete tantissimo
FAIL
  • Netflix l'ha cancellata
  • Desiderare una terza stagione e non poterla avere
John DeLorean: mito e magnate, la recensione della docuserie di Netflix
John DeLorean: mito e magnate, la recensione della docuserie di Netflix
I film della nostra Infanzia 2, la recensione della seconda stagione della serie Netflix
I film della nostra Infanzia 2, la recensione della seconda stagione della serie Netflix
Masters of the Universe: Revelation, la recensione: il potere della volontà
Masters of the Universe: Revelation, la recensione: il potere della volontà
Beastars 2, la recensione della serie anime con sete di giustizia
Beastars 2, la recensione della serie anime con sete di giustizia
Resident Evil: Infinite Darkness, la recensione di un mito
Resident Evil: Infinite Darkness, la recensione di un mito
Atypical 4, la recensione: un viaggio per realizzare un sogno
Atypical 4, la recensione: un viaggio per realizzare un sogno
Halston: la recensione, lo stilista del proprio destino
Halston: la recensione, lo stilista del proprio destino