Google fermerà il login per i dispositivi non aggiornati almeno ad Android 3.0

106
2 mesi fa

Il supporto ai dispositivi più obsoleti viene sempre più spesso abbandonato dalle aziende, che si trovano in molteplici occasioni a spiegare i cambiamenti che chi possiede device alquanto vecchi noterà senza ombra di dubbio. Questa volta è il turno di Google, colosso tech che fermerà presto il supporto per il login per quel che concerne le sue applicazioni e i suoi servizi ad alcuni dispositivi, considerando i dettagli di questo cambiamento recentemente confermati.

L’azienda, per confermare il tutto in via ufficiale e fornire agli utenti il tempo per prendere precauzioni, ha inviato un’email a tutti gli utenti che hanno attualmente un dispositivo Android aggiornato alla versione 2.3.7 o a una delle precedenti, spiegando il provvedimento che avrà luogo a partire dal mese di settembre. Per fortuna, considerando che quest’ultimo aggiornamento è stato rilasciato circa 10 anni fa, a settembre del 2011, non si tratta conseguentemente di una grossa mole di utenza.

Tutti i dispositivi in questione quindi, che non hanno ancora aggiornato il proprio sistema alla versione Android 3.0 (Honeycomb), sono quindi tenuti a farlo il prima possibile, prima che il colosso si trovi costretto a escluderli dal proprio ecosistema. Ovviamente, alcuni utenti non potranno arrivare alla versione 3.0 e dovranno quindi cambiare necessariamente device per continuare a usufruire di quanto offerto dall’azienda.

Annunciando la brutta notizia, il colosso ci ha tenuto a specificare le motivazioni dietro il cambiamento che alcuni utenti noteranno a partire dal 27 settembre 2021. Si parla infatti di questioni di sicurezza, pienamente comprensibili considerando che i vecchi sistemi potrebbero essere esposti a falle non gestibili da parte dell’azienda. Tutti coloro che proveranno a entrare da quella data con device non aggiornati ad Android 3.0 noteranno che verrà segnalata la presenza di username o password non corretti da parte del sistema.

 

 

Google Calendar integrerà Google Chat per migliorare la comunicazione
Google Calendar integrerà Google Chat per migliorare la comunicazione
Google Fogli suggerirà contestualmente le formule da inserire
Google Fogli suggerirà contestualmente le formule da inserire
Google Chat si aggiorna con View, che ricorderà dei dettagli sulle task
Google Chat si aggiorna con View, che ricorderà dei dettagli sulle task
Google Meet sarà nei Chromebook di default dal nuovo update
Google Meet sarà nei Chromebook di default dal nuovo update
Pixel 6 e Pixel 6 Pro presentati ufficialmente da Google
Pixel 6 e Pixel 6 Pro presentati ufficialmente da Google
Google Play Store: presto la chiusura degli account sviluppatori inattivi
Google Play Store: presto la chiusura degli account sviluppatori inattivi
Chrome disattiva le notifiche web durante la condivisione schermo
Chrome disattiva le notifiche web durante la condivisione schermo