Resident Evil: Infinite Darkness, la recensione di un mito

307
2 settimane fa

7 minuti

Resident Evil infinite darkness la recensione

Resident Evil: Infinite Darkness è una serie creata soprattutto per i nostalgici. I giochi più recenti della serie, Resident Evil 7 e Village, si sono in gran parte allontanati dalla storia di Racoon City e dalle più comuni tematiche di zombi, concentrandosi invece su storie horror più autonome. Ma c’è ancora un luogo in cui la Umbrella Corporation e Racoon City incombono: Infinite Darkness. Questa serie di quattro episodi su Netflix affonda le sue radici nell’intrigo politico dietro l’epidemia di zombi e vi dà il benvenuto mentre questi non morti si infiltrano nella Casa Bianca.

Iniziamo la nostra recensione di Resident Evil: Infinite Darkness chiarendo qualche punto fondamentale. La serie si svolge dopo gli eventi di Resident Evil 4 e vede come protagonisti: Leon Kennedy ( presentato come il ragazzo che ha salvato la figlia del presidente) e Claire Redfield. Siamo subito catapultati nel bel mezzo di molti eventi. Inizialmente, Leon viene convocato per aiutare a indagare su un attacco informatico al Pentagono, che il segretario alla Difesa è convinto sia stato effettuato dal governo cinese. Nel frattempo, Claire sta aiutando a costruire scuole in un paese immaginario del Medio Oriente chiamato Penamstan. Questo paese è di importanza strategica sia per le forze armate statunitensi che cinesi, e un banco di prova simile a Raccoon City per lo zombi che crea il T -virus. Di seguito il trailer YouTube della serie:

C’era una volta un’epidemia di zombi

Resident Evil infinite darkness la recensione

Scritto e diretto da Eiichiro Hasumi, con Shogo Moto co-autore della sceneggiatura, Resident Evil: Infinite Darkness è una miniserie animata al computer che segue l’agente governativo Leon S. Kennedy dopo che un’epidemia di zombi rapidamente contenuta alla Casa Bianca si trasforma in una crisi diplomatica tra gli Stati Uniti e la Cina.

Il modo in cui il primo si relaziona al secondo costituisce la spina dorsale della trama di Infinite Darkness, ma le risposte sono convincenti solo per i fan più accaniti di Resident Evil.

Quindi da una parte hai due superpotenze globali che ballano intorno a una guerra, un piccolo paese usato come cavia per un virus pericoloso e una cura per quel virus usata per creare super soldati. Invece degli strumenti del terrore, in Infinite Darkness, gli zombi sono solo un altro strumento che gli uomini potenti possono usare per generare potere o ricchezza (o entrambi). La serie non ha molto da dire oltre a questo, a parte il fatto che forse il capitalismo è cattivo, in particolare quando si tratta di vendere una cura per diventare un mostro non morto.

Il problema non è solo che la politica della serie è per lo più solo uno sfondo; è anche che cerca di stipare troppo in un tempo di esecuzione relativamente breve. Guardare Infinite Darkness è un po’ come guardare un filmato di un videogioco che cerca di scorrere rapidamente i punti della trama in modo che i giocatori possano tornare all’azione.

Ci sono così tanti flashback e cospirazioni con più livelli che può essere difficile tenere le fila di ciò che sta accadendo per chi non conosce il franchise.

Una narrativa da videogioco

Resident evil infinite darkness recensione

Continuiamo la nostra recensione di Resident Evil: Infinite Darkeness dicendo che il fatto che la serie assomigli spesso a un videogioco a volte gioca a suo favore. I momenti migliori in Infinite Darkness sembrano essere stati strappati da un videogioco horror di sopravvivenza. All’inizio, dopo un’interruzione di corrente, gli zombi inseguono i personaggi per le sale buie della Casa Bianca, ed è lento e terrificante, come un classico videogioco di Resident Evil.

Allo stesso modo, c’è un momento di tensione su un sottomarino infestato da topi zombi, dove Leon e i suoi amici sono costretti a combattere senza pistole, in modo da non perforare lo scafo. La serie termina anche con quella che è essenzialmente una lotta con un boss contro uno zombi superpotente con un evidente punto debole.

Infinite Darkness è per i nostalgici. È per le persone che vogliono davvero sapere cosa stava facendo Leon dopo aver salvato la figlia del presidente e che si chiedono tutti i modi in cui un virus zombi può essere sfruttato dai governi e dalle società.

La serie è dedicata alle persone a cui mancano i giorni semplici di Raccoon City.

La storia di un mito

Resident evil infinite darkness recensione

Siamo arrivati in fondo alla nostra recensione di Resident Evil: Infinite Darkness con una considerazione: quello del videogioco non è davvero un franchise coerente. Ma nonostante questo è una proprietà multimediale tentacolare, con videogiochi, film live-action, film d’animazione e una serie live-action in uscita, quindi deve esserci qualcosa che lega tutto insieme, giusto? Eppure il franchise sembra riuscire proprio a causa della sua incoesione. Questa è la cosa strana di Resident Evil: Infinite Darkness, la miniserie animata senza pretese in streaming su Netflix: se la guardi abbastanza da vicino, presenta una possibile risposta alla domanda: come è nato il mito di Resident Evil?

Ci si aspetta che gli spettatori sappiano fin dall’inizio che Infinite Darkness si svolge tra i videogiochi Resident Evil 4 e Resident Evil 5. Ci si aspetta anche che abbiano generalmente familiarità con gli eventi di Resident Evil 2. Altrimenti non saprebbero nulla dell’altro personaggio principale, Claire Redfield, e di come si collega a Leon. Sono sopravvissuti insieme a un’apocalisse zombie nella piccola città di Raccoon City.

Leon compare anche in una trilogia di film d’animazione mediocri, ma Infinite Darkness si svolge in un punto della linea temporale in cui quelle storie non contano. Ancora una volta, questo sembra un progetto esclusivamente per i fan più fedeli, il tipo di persone che vorrebbero vedere una connessione con quelle storie precedenti e l’ultima.

Sulla carta, la miniserie presenta una svolta interessante sulla formula di Resident Evil: sceglie di trattare gli onnipresenti zombi della serie quasi come un ripensamento, e si concentra invece sulle persone che li creano.

Questo è sempre stato un filo conduttore nei giochi di Resident Evil: nella finzione della serie, gli zombi e altri mostri sono quasi sempre un sottoprodotto dei tentativi delle aziende farmaceutiche di creare una nuova forma di arma.

Soprannominate “armi bio-organiche”, le orde di mostri che il giocatore combatte in questi giochi sono solitamente il danno collaterale nel tentativo di creare un mostro più perfetto e distruttivo, che di solito viene affrontato nel finale.

Questo è il filo conduttore più forte che unisce tutti i giochi di Resident Evil e i media spin-off, che variano enormemente per tono e qualità: sono tutti, in qualche modo, sul complesso militare-industriale. Il mondo di Resident Evil è uno in cui proiettili, bombe e missili non sono più sufficienti per soddisfare l’avidità dei profittatori di guerra, devono essere introdotti nuovi orrori e tutti ne subiscono le conseguenze.

Sebbene Infinite Darkness abbia molta azione, è più un dramma politico che altro. Anche se è ambientato nel 2006, ci sono echi delle attuali tensioni tra Stati Uniti e Cina, e la trama è incentrata sulla nazione immaginaria del Panemstan, coinvolta in una guerra civile a cui gli altri due paesi hanno interesse. Alla fine, quasi tutte le persone coinvolte – incluso Leon – hanno le mani macchiate in qualche modo, poiché affrontare il marciume istituzionale non è così pulito come abbattere uno zombi.

Per concludere la nostra recensione di Resident Evil: Infinite Darkness, va sottolineato che la serie trasmette tutto questo con una classe sorprendente. La qualità dell’animazione varia inquadratura per inquadratura, con occasionali scene di combattimento o primi piani resi con dettagli impressionanti. Il doppiaggio inglese è schietto, gli episodi iniziano e finiscono arbitrariamente (sembra esattamente come un film Netflix tagliato in una serie) anche se la sceneggiatura è un pò noiosa. A un certo livello, è bello vedere un tentativo così mirato di mettere in primo piano i temi in esecuzione della serie Resident Evil.

 

Resident Evil: Infinite Darkness è disponibile per la vione su Netflix.

 

69
Resident Evil: Infinite Darkness
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di Resident Evil: Infinite Darkness dicendo che il materiale è stato creato soprattutto per i fan di lunga data del franchise ma chiunque può avventurarsi a vedere questa serie e trarne il meglio se non ha grandi aspettative. Inoltre anche se breve riesce a regalare attimi unici di tensione horror autentica.

ME GUSTA
  • Dedicato ai nostalgici del franchise
  • Animazione
  • Coerenza di fondo
FAIL
  • Pochi episodi
  • Storia raccontata in modo poco lineare
  • Dedicato solo a chi conosce bene il franchise
La casa di carta 5: trailer, poster e sinossi della prima parte della quinta stagione
La casa di carta 5: trailer, poster e sinossi della prima parte della quinta stagione
American Vandal: la recensione del documentario Netflix
American Vandal: la recensione del documentario Netflix
In cucina con Paris: trailer del reality culinario con Paris Hilton di Netflix
In cucina con Paris: trailer del reality culinario con Paris Hilton di Netflix
Netflix: tutte le novità di agosto 2021 in un video ufficiale
Netflix: tutte le novità di agosto 2021 in un video ufficiale
I 10 migliori film 4K da vedere su Netflix
I 10 migliori film 4K da vedere su Netflix
Sweet Tooth: la serie Netflix è stata rinnovata per una seconda stagione
Sweet Tooth: la serie Netflix è stata rinnovata per una seconda stagione
Masters of the Universe: Revelation, le anticipazioni sulla seconda parte dalla viva voce di Kevin Smith
Masters of the Universe: Revelation, le anticipazioni sulla seconda parte dalla viva voce di Kevin Smith