Bugatti acquisita parzialmente da Rimac, azienda nata in garage nel 2009

275
1 anno fa

bugatti rimac

Rimac, la casa automobilistica Croata fondata nel 2009 da Mate Rimac dentro al suo garage, ha acquistato ufficialmente il 55% delle quote del marchio Bugatti, passando sotto il controllo della joint venture nata insieme a Porsche. Il gruppo Bugatti Rimac verrà comunque gestito sempre da Mate Rimac, ma i due marchi continueranno a lavorare in modo distinto, beneficiando però dell’esperienza e tecnologia raggiunta dalle due aziende.

Rimac ha basato il suo successo, nato soprattutto grazie all’interesse attorno all’idea di auto sportiva che l’azienda croata ha, su poche auto sportive dal costo elevato, dalla potenza decisamente alta e dallo stile particolare. Una delle loro auto è anche comparsa nello show di Amazon Prime Video, The Grand Tour, guidata da Richard Hammond.

La Rimac ha rilasciato quest’anno la sua Nevera, una sportiva dotata di quattro motori capace di generare 2.000 cavalli, con una velocità massima di 412 km/h e un tempo da 0 a 100 km/h di soli 1,85 secondi. Proprio quest’auto è in lizza per diventare la più veloce del mondo, spodestando niente di meno che la Bugatti Chiron.

Mate Rimac ha detto, per l’occasione:

Bugatti e Rimac continueranno come brand separati, mantenendo le loro fabbriche e i loro canali di distribuzione. Bugatti Rimac rappresenta la compagnia che svilupperà in futuro le auto Bugatti e Rimac, unendo le risorse e l’esperienza in ricerca e sviluppo, produzione e altre aree.

È un momento davvero emozionante per la storia breve, ma dagli sviluppi rapidi, di Rimac Automobili. Abbiamo fatto davvero tanto in poco tempo, ma questa nuova sfida è qualcosa di tutt’altro livello. Rimac e Bugatti sono il match perfetto per quanto riguarda ciò che portano al tavolo. In quanto azienda produttrice di auto veloci, giovani e agili, ci siamo posizionati come pionieri nella tecnologia delle auto elettriche.

Per quanto riguarda invece gli uffici, per il momento le cose resteranno tali, mantenendo le basi operative dove sono situate, ma si prospetta per il 2023 un trasferimento in toto di tutto il personale nei nuovi uffici in Croazia, un campus che costerà all’azienda circa 200 milioni di dollari. L’obiettivo per ora è quello di produrre entro questa decade una Bugatti elettrica, mentre comunque continuerà la produzione di auto del brand ibride.

 

 

Geneva International Motor Show 2016: le supercar di domani
Geneva International Motor Show 2016: le supercar di domani
Bugatti Atlantic: l'automobile più bella e costosa della storia
Bugatti Atlantic: l'automobile più bella e costosa della storia
London: Arab invasion
London: Arab invasion
Jay Leno's Bugatti Veyron Super Sport
Jay Leno's Bugatti Veyron Super Sport
Bugatti Veyron 16.4 Grand Sport l'Or Blanc
Bugatti Veyron 16.4 Grand Sport l'Or Blanc
Bugatti Veyron Grand Sport Crashes in Germany
Bugatti Veyron Grand Sport Crashes in Germany
James May Did It Again
James May Did It Again

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.