GUIDE

Le serie TV LGBTQ+ che hanno fatto la storia della comunità

338
3 mesi fa

19 minuti

Le serie TV LGBTQ+ che hanno fatto la storia della comunità

Il Pride Month è quasi giunto al termine ma vogliamo ancora parlarvi di tutte quelle serie TV che hanno fatto la storia per la rappresentazione della comunità LGBTQ+. Ma partiamo dal principio, perché esiste il Pride Month e perché si celebra a giugno? Il Pride Month cade nel mese di giugno per un fatto specifico accaduto nella notte tra il 27 e il 28 giugno del 1969. Una notte durante la quale la polizia fece irruzione nello Stonewall Inn, un bar gay del Greenwich Village di New York. Una retata come tante altre ne venivano fatte all’epoca. Ma quella volta i presenti, accusati ingiustamente di indecenza solo per il loro orientamento sessuale, si ribellarono.

Fu quello l’inizio dei moti di Stonewall che probabilmente avrete sentito nominare. Quell’episodio fu il momento di rottura, la famosa goccia che fa traboccare il vaso, e la comunità gay decise di scendere in strada: era finito il tempo di nascondersi, era arrivato il momento di combattere per i propri diritti.

Il primo giorno i poliziotti si trovarono di fronte a circa 500 persone tra frequentatori dello Stonewall Inn e altre persone della comunità LGBTQIA+. Il secondo giorno erano quasi mille, e in prima linea c’era anche una fila di drag queen. Così è iniziata, e adesso vogliamo raccontarvi come è iniziata la rappresentazione LGBTQ+ nel mondo delle serie TV.

Ricordate quando i personaggi LGBTQ+ avevano solo ruoli marginali? Il personaggio che vedevamo più spesso era il gay bianco stereotipato che fungeva solo da riempitivo comico. Oppure nei rari casi in cui ricoprivano un ruolo centrale, la loro sessualità era tenuta ben nascosta e le scene di intimità erano inesistenti. Sì, lo ammettiamo: non ci mancano davvero quei giorni. Nessuna critica ovviamente per alcuni di questi personaggi, perché molti di loro hanno spianato la strada alla rappresentazione queer positiva che vediamo oggi.

A partire dal 2020, la rappresentazione della comunità LGBTQ+ in televisione non è mai stata migliore. In effetti, la quantità di personaggi queer sui nostri schermi è aumentata notevolmente ed è impossibile negare il ruolo che Netflix ha avuto in questo. Negli ultimi anni, il servizio di streaming si è costruito una reputazione come una delle fonti più inclusive per i contenuti, che si tratti di serie originali come Orange is the New Black, Dear White People o Hollywood, a classici come American Horror Story, Pose o Drag Race di RuPaul. Netflix vanta una pletora di contenuti dedicati al mondo LGBTQ+.

Abbiamo pensato di raccogliere tutte le serie tv LGBTQ+ che sono state importanti per la comunità sperando che il risultato sia un mix eclettico di serie TV che hanno contribuito a plasmare il panorama culturale queer.

Alcune serie, come Modern Family, hanno mostrato una storia di amore e famiglia gay a un pubblico internazionale. Altre, come Pose, hanno rivoluzionato la narrazione transgender mettendo i ruoli – e la sedia del regista – nelle mani delle persone trans. Attraverso queste rappresentazioni eclettiche e autentiche, molti membri della comunità LGBTQ+ si sono finalmente sentiti visti e ascoltati.

Da Ellen e Queer As Folk a Sense8, la TV LGBTQ+ è esistita da decenni come sottogenere. Nell’era dello streaming, tuttavia, le storie queer vengono raccontate più frequentemente e in modo più autentico che mai, offrendo agli spettatori l’imbarazzo della scelta.

Lentamente ma inesorabilmente, le serie televisive stanno facendo un lavoro migliore nel rappresentare l’intera portata della variegata esperienza LGBTQ+. Le cose sono iniziate in piccolo, con serie come Will & Grace e Glee che rivelano frammenti di identità queer. Ma non ci siamo arrivati da un giorno all’altro, e c’è ancora molto lavoro da fare. Tuttavia, queste serie TV, di seguito, hanno fatto molto di più che fare semplici passi in avanti quando si tratta di rappresentazione LGBTQ+ sullo schermo.

In onore del Pride Month, diamo uno sguardo indietro con consapevolezza. Perché davvero, questo è l’unico modo per andare avanti.

Arcibaldo (All in The Family) (1971)

Le serie TV LGBTQ+ che hanno fatto la storia della comunità

Anche se una serie molto vecchia non poteva non essere tra serie TV LGBTQ+ che hanno fatto la storia della comunità. Ispirato dalla sit-com britannica Till Death Do Us Part, Norman Lear adattò la serie per il mercato americano, decidendo di portare sullo schermo argomenti legati alla cronaca statunitense, aprendo la strada alla raffigurazione televisiva di temi precedentemente considerate non idonei per le commedie televisive, come il razzismo, il sesso, l’omosessualità, il ruolo delle donne, lo stupro, l’aborto, il cancro, la guerra del Vietnam, la menopausa e l’impotenza.

Pur di non autocensurarsi, Lear nel 1975 sfidò la Federal Communications Commission e il suo codice di censura, che aveva vietato di parlare di argomenti inadatti ai minori nella fascia oraria tra le 20 e le 21, spostando la serie un’ora più avanti. Il grande successo di pubblico però costrinse la FCC a riscrivere le regole.

Arcibaldo ha fatto la storia LGBTQ+ quando ha introdotto il primo personaggio gay in prima serata nel 1971, rivelando che il compagno di bevute al bar di Archie Bunker, Steve, era gay.

Più tardi inoltre, Archie scoprì che anche la cugina di Edith era lesbica e che aveva lasciato la sua proprietà alla sua partner.

Ellen (1994)

Le serie TV LGBTQ+ che hanno fatto la storia della comunità

Facciamo un bel salto in avanti, cronologicamente parlando, per arrivare a Ellen e al perché è tra le serie TV LGBTQ+ che hanno fatto la storia della comunità.

Nel 1997, Ellen DeGeneres ha fatto la storia della televisione quando il suo personaggio ha dichiarato pubblicamente ad alta voce “Sono gay” nell’episodio intitolato Puppy Episode.

Per garantire un momento memorabile, la scena del coming out è stata trasformata in una gag in cui, in un aeroporto, Ellen si gira e dice al personaggio di Laura Dern “Sono gay!” – solo per rendersi conto che aveva parlato nel microfono generale annunciando la sua sessualità all’intero terminal. La madre di Ellen DeGeneres, Betty, può essere vista tra una delle persone nel terminal con una reazione scioccata all’annuncio.

La rivelazione ha acceso una tempesta di polemiche, spingendo la ABC a inserire un avviso per i genitori all’inizio di ogni episodio. Ellen ha avuto abbastanza successo nelle prime stagioni da giustificare il rinnovo annuale, dovuto in gran parte al fascino percepito e alla capacità comica di DeGeneres. Gli episodi finali di Ellen in seguito sono stati criticati per essersi concentrati troppo sulle questioni gay.

Alla fine, anche alcuni membri della comunità LGBTQ+, incluso Chaz Bono (che all’epoca era il direttore dei media per GLAAD), iniziarono a criticare anche il nuovo tono serio della serie. ABC ha annullato la serie nel 1998 dopo cinque stagioni. Il video YouTube della famosa scena di seguito:

Will & Grace (1998)

willgrace

Non c’è dubbio che Will & Grace abbia cambiato il mondo per le persone LGBTQ+ quando è andato in onda per la prima volta dal 1998 al 2006. La presentazione di protagonisti gay (Will e Jack) – e uno bisessuale, nel caso di Karen – ha aiutato a portare l’America verso l’uguaglianza del matrimonio, un fatto che è stato riconosciuto nientemeno che dal vicepresidente Joe Biden. Anche il ritorno dello show su NBC nel settembre 2017 è stato un evento degno di nota. Ha guidato l’ondata dell’era dei revival televisivi di Hollywood, ma non per nostalgia, per necessità.

I membri del cast si sono riuniti in risposta diretta alle elezioni presidenziali di Donald Trump e alla necessità di rafforzare la rappresentanza queer in un’epoca in cui i diritti LGBTQ+ erano ancora una volta sotto attacco. Inoltre, avevamo tutti solo bisogno di ridere di nuovo. Mentre il revival è stato purtroppo cancellato con la sua terza stagione, Will & Grace è tornato per la comunità quando era necessario e ha fatto la storia nel processo.

Will & Grace non ha primati, davvero. Ciò che è così pionieristico in Will & Grace è quanto fosse normale; presentava due uomini gay al centro della storia che erano felici, ben adattati e di successo.

All’epoca era una novità, specialmente in TV, vedere persone gay che vivevano semplicemente le loro vite senza avere alcun tumulto interiore riguardo all’essere gay.

Queer as Folk (2000)

Le serie TV LGBTQ+ che hanno fatto la storia della comunità

Queen as Folk di Showtime è importante per molte ragioni. Innanzitutto, è una serie avvincente su personaggi queer complessi e sfumati.

In particolare, tuttavia, è stata la prima serie con episodi della durata di un’ora a concentrarsi esclusivamente sulla vita di persone appartenenti alla comunità LGBTQ+.

Questa è la serie televisiva statunitense-canadese prodotta tra il 2000 e il 2005 e si tratta del remake dell’omonima serie televisiva inglese creata da Russell T. Davies, andata in onda dal 1999 al 2000.

I temi esplorati dalla serie hanno incluso: il coming out, il matrimonio tra persone dello stesso sesso, l’uso e l’abuso di droghe per divertimento, l’adozione da parte di coppie dello stesso sesso, l’inseminazione artificiale, le aggressioni contro i gay, il sesso sicuro, la sieropositività, la prostituzione minorile, i ministri di culto gay, la discriminazione sul posto di lavoro basata sull’orientamento sessuale, l’industria pornografica di Internet ei bug-chasers (sieronegativi che secondo la leggenda urbana vogliono diventare sieropositivi).

Le scene provocatorie abbondano a partire dal primo episodio che contiene la prima scena di sesso (che include masturbazione reciproca, sesso anale e rimming) tra due uomini. Nella quinta stagione la serie abbandona il tono scanzonato e irriverente dei primi episodi, dando maggior rilevanza alle grandi questioni politiche e sociali legato all’universo gay.

The L Word (2004)

Le serie TV LGBTQ+ che hanno fatto la storia della comunità

The L Word è andata in onda molto prima della divulgazione dei servizi di streaming, un periodo in cui i personaggi queer erano essenzialmente ignorati dalla TV mainstream e gli spettatori raramente, se non mai, sentivano la parola “lesbica” in un qualsiasi film o serie TV. Era l’era di Limewire e dei DVD, e un’era di immensa disperazione per la rappresentazione LGBTQ+ in tutti i media.

E così The L Word è diventata una serie TV LGBTQ+ che ha fatto la storia per le persone LGBTQ+ di varia estrazione, esperienza ed età. Per molte, la serie è diventata centrale nel loro processo di coming out o nella loro esperienza di legame con altre persone queer.

Questa lunga serie di Showtime è la prima a presentare protagoniste lesbiche ricche di sfumature. Prima di questa serie, le donne che baciavano le donne erano qualcosa di shockante sullo schermo: qualcosa fatto per far parlare la gente e far aumentare gli ascolti. The L Word, invece, si è dedicato a mostrare la vita dei suoi personaggi in modo  autentico.

Modern Family (2009)

Modern-Family

Modern Family ha offerto ai membri del pubblico della ABC un posto in prima fila per raccontare la storia di una famiglia con membri gay. Anche se Mitch (Jesse Tyler Ferguson) e Cam (Eric Stonestreet) sono riusciti a baciarsi solo nella seconda stagione, non si può negare che la coppia abbia mostrato il meglio di sé quando ha cresciuto la figlia adottiva, Lily.

La dedizione della ABC nel rappresentare una famiglia amorevole e premurosa con due uomini gay—Cam (Eric Stonestreet) e Mitchell (Jesse Tyler Ferguson)—è ciò che rende Modern Family così speciale, anche più di un decennio dopo il suo primo episodio.

Orange is the New Black (2013)

orange is the new black

Quando Netflix ha rilasciato la prima stagione di Orange Is the New Black nell’estate del 2013, ha cambiato la TV per sempre. È stata una delle prime serie che ha alterato letteralmente il modo in cui gli spettatori hanno iniziato a vedere i contenuti. Ma più del suo potere di affascinare i fan, ha scavato nei problemi che affrontano le donne di colore, le lesbiche, i bisessuali e le donne trans.

Ha affrontato questioni difficili riguardanti il ​​classismo, il privilegio bianco, la violenza sessuale, la dipendenza, la brutalità della polizia e il complesso industriale della prigione. Ed è riuscito a fare tutto rimanendo divertente e senza essere predicatorio.

La storica serie del creatore Jenji Kohan (Weeds, Glow), basata sul libro di memorie di Piper Kerman, ha schierato il personaggio principale Piper (Taylor Schilling), una donna bianca bisessuale che si gode felicemente i suoi vantaggi suburbani fino a quando non viene rinchiusa in prigione per spaccio. Tramite Piper, la serie ha esplorato un’antologia di storie su una sezione trasversale di donne diverse. Per la sua interpretazione di Sofia Burset in OITNB, Laverne Cox è diventata la prima donna transgender ad essere nominata per un premio Emmy.

OITNB ha riempito un vuoto per le donne queer dopo la fine di The L Word nel 2009, e ha contribuito a spianare la strada a serie LGBTQ+ che hanno fatto la storia come Pose e Vida.

Le regole del Delitto Perfetto (2014)

connor-oliver-matrimonio-le-regole-del-delitto-perfetto

Ripensando a una serie TV che è finita per essere amata e abbracciata per le sue trame complesse e queer, Peter Nowalk afferma che, sorprendentemente, non era il suo piano originale realizzarla così:

L’eredità LGBTQ+ è qualcosa di cui sono più orgoglioso, ma non ho mai deciso di realizzare una serie che contenesse di proposito temi LGBTQ+. Ciò che è stato fantastico per me è stata la scoperta di me stesso dal punto di vista queer e ho deciso di iniettarlo liberamente nella serie.

Nel 2018, un altro momento cruciale che si distingue nella storia della serie è stato anche  quando il personaggio di Ricamora è tornato dalla madre filippina tradizionalista dicendo di essere sieropositivo.

Sense8 (2015)

sense8

Sense8, la serie di fantascienza di Netflix su otto sconosciuti con una connessione psichica tra loro, ha viaggiato in tutto il mondo nella sua lotta contro la nefasta organizzazione per la conservazione biologica e il diabolico cattivo Whispers. Ma al di là dell’abbagliante cinematografia e delle sequenze d’azione c’era un semplice messaggio:

gli esseri umani, indipendentemente dalla loro razza, etnia, lingua, orientamento sessuale e identità di genere, sono interconnessi.

Creato dalla sorelle Wachowski, la serie è importante perché ha un cast che rispetta i canoni di diversità tra cui diversi artisti LGBTQ+, come Jamie Clayton e Brian J. Smith, che si erano dichiarati gay di recente. Una scena abbagliante al São Paulo Pride ha mostrato anche un bacio rivoluzionario tra Lito Rodriguez (Miguel Ángel Silvestre) e il suo partner Hernando (Alfonso Herrera), che ha consegnato un messaggio di potere all’universo in streaming sul potere dell’amore e visibilità.

Dear White People (2017)

Dear-White-People

Creato dallo showrunner Justin Simien, Dear White People esplora come vengono vissute le questioni relative alla razza e alla sessualità in un campus universitario e, per estensione, in America. La serie TV approfondisce anche come mezzi come la radio e i social media influenzano queste conversazioni e, a volte, le infiammano.

Dear White People presenta un personaggio gay centrale, Lionel (DeRon Horton), la cui esplorazione delle diverse scene queer nel suo campus universitario è una lezione imperdibile sull’intersezionalità.

Come bonus, Lena Waithe e Tessa Thompson hanno realizzato fantastici cameo.

A Very English Scandal (2018)

Le serie TV LGBTQ+ che hanno fatto la storia della comunità

A Very English Scandal è una delle migliori serie TV del decennio, LGBTQ+ e non. La miniserie è stata scritta da Russell T Davies e diretta da Stephen Frears. Questa miniserie d’epoca, disponibile per lo streaming su Amazon Prime Video, segue Jeremy Thorpe (Hugh Grant), un membro del Parlamento che cerca di nascondere la sua relazione passata con Norman Josiffe (Ben Whishaw). I suoi tentativi di insabbiamento portano a misure straordinarie che non vi riveleremo.

La miniserie è tra le serie TV LGBTQ+ che hanno fatto la storia della comunità perché è un’affascinante cronaca dell’omofobia in Inghilterra degli anni ’70 e ’80 e delle azioni disperate che ha innescato in coloro che ha colpito.

Pose (2018)

Pose

Nessun altra serie televisiva ha avuto un impatto sulla vita LGBTQ+ come Pose, la rivoluzionaria serie FX incentrata sulla cultura delle ball nella New York degli anni ’80.

Pose non solo mette al centro le persone transgender e queer di colore, ma le interpreta anche, stabilendo un record per il numero di personaggi regolari delle serie transgender e un nuovo modo per la sua rappresentazione in una serie TV.

La serie, creata da Ryan Murphy, Brad Falchuk e Steven Canals, non ha paura di mostrare le difficoltà e le gioie all’interno di questa comunità emarginata, inclusi problemi come l’HIV, la prostituzione e la famiglia alternativa da quella naturale.

Billy Porter ha ricevuto una meritata nomination agli Emmy per la sua interpretazione di Pray Tell, ma tutte le donne trans: Indya Moore come Angel, MJ Rodriguez come Blanca Rodriguez, Dominique Jackson come Elektra Abundance, Hailie Sahar come LuluAbundance e Angelica Ross nei panni di Candy e i produttori Our Lady J e Janet Mock avrebbero meritato lo stesso riconoscimento.

Sex Education (2019)

Sex Education

Sex Education ha dimostrato di essere una delle serie più innovative sulla crescita e la sessualità adolescenziale. La sua seconda stagione inoltre, ha messo le basi per le rappresentazioni di adolescenti queer. Quando i titoli di coda scorrono alla fine della seconda stagione di Sex Education, l’amata serie Netflix è una delle commedie per adolescenti più bizzarre di sempre – dei personaggi principali, quasi la metà di loro ha mostrato di essere queer in un modo o nell’altro.

La stagione di debutto di Sex Education ci ha presentato l’implacabile e sfacciato Eric Effiong interpretato da Ncuti Gatwa. È il migliore amico del protagonista e mago del sesso Otis Milburn (Asa Butterfield), ma la serie TV non lo ha mai ridotto al banale archetipo del migliore amico gay. Sex Education ha sempre trattato Eric come un essere umano poliedrico. Ha il suo insieme di valori, come la sua fede e la comunità ecclesiale di cui fa parte con la sua famiglia.

E in un panorama televisivo queer che è per lo più bianco, il fatto che sia di origini ghanesi e nigeriane è cruciale. Eric, con tutte le sue sfaccettature, è uno dei personaggi gay più rivoluzionari delle serie TV.

La seconda stagione fa progredire la storia di Eric, anche se ad essere onesti, lo fa usando uno dei trucchi più antichi, un triangolo amoroso. Ma l’uso di questo dispositivo narrativo è stato storicamente riservato a personaggi eterosessuali. I personaggi queer raramente hanno avuto l’opportunità di avere un potenziale corteggiatore romantico, figuriamoci due. Sicuramente il triangolo amoroso impiega l’antica suspense che deriva dal “chi sceglierà”, ma alla fine, non si tratta di quale ragazzo piace di più a Eric – è di quale fa brillare di più Eric. Anche sua madre nota la differenza che arriva con i due in lizza per il cuore di suo figlio.

Il triangolo amoroso di Eric include anche due ragazzi queer dinamici e interessanti che non potrebbero essere più diversi. La seconda stagione di Sex Education porta in scena Rahim (Sami Outalbali), un affascinante studente trasferito dalla Francia. Mentre Eric è in giro con lui, non è così audace come Rahim, che vuole baciarsi in pubblico e giocare a Dance Dance Revolution in una sala giochi. Un punto di disaccordo tra Eric e Rahim è la religione: quest’ultimo è ateo perché la sua famiglia ha dovuto lasciare il proprio paese d’origine a causa della religione. La religione gioca un ruolo importante tra Rahim ed Eric, una relazione queer è una giustapposizione interessante perché non vediamo spesso personaggi queer impegnarsi nella spiritualità come fanno questi due.

Nel frattempo, il finale di stagione si concentra anche sull’ex bullo Adam (Connor Swindells).Lottando con la propria sessualità e i problemi a casa, Adam è arrabbiato e incapace di essere il tipo di persona di cui ha bisogno Eric per avere una sana relazione romantica. Forse ancora più importante, la serie fa i conti con i trascorsi di Adam nei confronti di Eric – Otis lo fa notare al suo migliore amico e affronta il fatto che Adam ha reso la sua vita un inferno. Ma la serie svela la furia di Adam e il modo in cui lavora per essere una persona migliore non solo per Eric ma per se stesso. Questo alla fine culmina in un grande gesto romantico di fronte a tutta la scuola.

Euphoria (2019)

euphoria

Euphoria della HBO è esplosa sugli schermi TV come una supernova di energia e angoscia adolescenziale. Prima che l’episodio pilota fosse finito, la serie aveva descritto l’uso dilagante di droghe e alcol, ruoli sessuali distorti a causa della visione di pornografia, bullismo, violenza di genere e stupro legale.

Ma i momenti finali dell’episodio hanno offerto scene di pura tenerezza tra Rue (fresca di riabilitazione) e Jules. Questa storia d’amore si sarebbe rivelata il cuore della prima stagione della serie, spesso difficile da guardare a causa del suo trattamento franco dell’esperienza adolescenziale.

Nonostante alcuni argomenti difficili, la serie è la prima a raccontare una storia d’amore tra una donna cis e una donna trans (interpretata da Hunter Schafer, che è trans e una rivelazione in termini di talento), una cosa che una serie TV non aveva mai affrontato prima.

Ha detto Schafer:

Una delle parti di Jules in cui mi identifico di più è avere questa idealizzazione piuttosto tossica degli uomini e avere determinati desideri nei loro confronti, senza sapere perché. Poi alla fine si rende conto che non funziona e che ciò che sta cercando può essere trovato in una sicurezza e un conforto che trova nella sua migliore amica.

 

It’s a Sin (2021)

its a sin

It’s A Sin è un’opera d’arte. È davvero una tragedia straziante che segue le vite dei giovani che si fanno strada tra i vent’anni e la pandemia di AIDS degli anni ’80. È una storia così importante da raccontare ed è stata realizzata in modo impeccabile grazie in gran parte a un cast di spicco di attori maschi queer.

La pandemia di AIDS è entrata nella vita di milioni di persone, oltre 32 milioni di persone sono morte a causa di malattie legate all’AIDS e It’s A Sin ci ha insegnato tanto sulla storia queer e sull’educazione sessuale LGBTQ+.

Gli attori raccontano la propria storia in modo crudo e autentico. It’s A Sin è l’esempio perfetto del motivo per cui i registi dovrebbero scegliere solo attori queer per interpretare personaggi queer.

Ci sono stati alcuni casi in cui gli attori eterosessuali sono stati elogiati per le loro interpretazioni come personaggi gay, come Cate Blanchett in Carol o Timothée Chalamet in Chiamami col tuo Nome. Ma non dimentichiamo attori etero come James Corden in The Prom, dove interpretava un attore teatrale narky che indossava abiti scintillanti e aveva le mani sempre flosce al polso: era semplicemente insipido e offensivo.

It’s A Sin è un’esplorazione aperta e onesta dell’essere queer, tutti i personaggi sono se stessi senza scuse.

Abbiamo bisogno di più attori queer che abbiano la possibilità di raccontare una storia che fa parte della loro stessa storia.

 

 

 

La regina degli scacchi: Nona Gaprindashvili intenta causa a Netflix per falsità e sessismo
La regina degli scacchi: Nona Gaprindashvili intenta causa a Netflix per falsità e sessismo
The Sandman: la serie Netflix adatterà alcune delle storie a fumetti più complicate
The Sandman: la serie Netflix adatterà alcune delle storie a fumetti più complicate
Netflix: annunciate nuove serie TV rappresentative delle sfumature dell'Italia
Netflix: annunciate nuove serie TV rappresentative delle sfumature dell'Italia
Jigsaw: Netflix annuncia una serie TV con Giancarlo Esposito
Jigsaw: Netflix annuncia una serie TV con Giancarlo Esposito
Jessica Jones: Krysten Ritter vorrebbe tornare a interpretare il personaggio
Jessica Jones: Krysten Ritter vorrebbe tornare a interpretare il personaggio
Sex Education 3: il nuovo trailer della terza stagione della serie Netflix
Sex Education 3: il nuovo trailer della terza stagione della serie Netflix
Grendel: Netflix svilupperà una serie TV tratta dal fumetto Dark Horse
Grendel: Netflix svilupperà una serie TV tratta dal fumetto Dark Horse