Amazon crea l’AmaZen, uno sgabuzzino in cui i dipendenti si possono rinchiudere

1474
2 settimane fa

AmaZen

Wow. Ogni volta che pensiamo di aver intravisto la vena distopica di Amazon, l’azienda di e-commerce propone qualcosa di nuovo che alza di qualche tacca l’asticella del grottesco: l’AmaZen non è che l’ultimissimo di questi espedienti distopici.

Con i dipendenti che continuano a lamentare condizioni discutibili di lavoro, la ditta guidata da Jeff Bezos sta effettivamente valutando delle modifiche che quietino ogni lamentela. Ovviamente creare dei sindacati che possano nuclearizzare le necessità della forza lavoro e farne valere i bisogni è assolutamente fuori questione, in compenso chi è stressato potrebbe presto avere l’occasione di disperarsi in uno sgabuzzino.

AmaZen, d’altronde, non è nient’altro che questo: uno sgabuzzino. Il “chiosco” messo a disposizione dei dipendenti Amazon è foderato da materiale grigio fonoassorbente, mensole su cui poggiano piante dall’aspetto triste e un soffitto dipinto con le sfumature del cielo. Qui, i lavoratori possono prendersi un break e guardare dallo schermo di un pc dei video motivazionali con cui tirarsi su di morale.

L’idea è stata promossa lanciando un video sul profilo Twitter dell’azienda, video che è subito accolto con un amarissimo disprezzo. I commenti meno aggressivi lo hanno etichettato come “cabina della disperazione“, altri lo hanno accomunato alla macchina dei suicidi del cartoon Futurama.

Amazon ha dunque cancellato ogni traccia del post e probabilmente farà il possibile per far finta che lo strumento non sia mai esistito. O che, perlomeno, non sia mai stato reso pubblico.

Potrebbe anche interessarti:

 

Amazon, alcuni autisti spengono le app di sicurezza
Amazon, alcuni autisti spengono le app di sicurezza
Amazon non vuole che si ripeta l'incidente social delle bottigliette piene di urina
Amazon non vuole che si ripeta l'incidente social delle bottigliette piene di urina
Amazon: niente tasse per il 2020, anzi crediti d'imposta
Amazon: niente tasse per il 2020, anzi crediti d'imposta
Amazon chiede scusa per le recenti "imprecisioni" su Twitter
Amazon chiede scusa per le recenti "imprecisioni" su Twitter
Amazon sotto accusa per i prodotti venduti da terzi, si ritiene non responsabile
Amazon sotto accusa per i prodotti venduti da terzi, si ritiene non responsabile
Amazon sostiene che nessun dipendente urini nelle bottiglie e Twitter risponde con foto
Amazon sostiene che nessun dipendente urini nelle bottiglie e Twitter risponde con foto
Amazon, molla uno dei vicepresidenti: "licenziare chi protesta? È da codardi"
Amazon, molla uno dei vicepresidenti: "licenziare chi protesta? È da codardi"