Gli accademici sospettano che le ricerche scientifiche errate siano quelle con maggior esposizione

7 mesi fa

pinocchio

Gli accademici dell’Università della California hanno teorizzato un’ipotesi che suggerisce come le ricerche scientifiche errate e truffaldine siano anche quelle maggiormente citate da professori, giornali del settore e media generalisti.

Per capire cosa si intenda per “errato” bisogna prima parlare di un problema accademico diffuso e capillare, quello per cui i risultati ottenuti dalle indagini siano frequentemente non replicabili. In altre parole, capita di sovente che alcuni scienziati dalla deontologia elastica finiscano con il tagliare qualche angolo pur di riuscire a dimostrare coi “fatti” le loro idee.

Non si tratta necessariamente di truffe vere e proprie, in molti casi i risultati li hanno ottenuti davvero, tuttavia è lecito pensare che quei risultati siano stati ottenuti in un numero contenutissimo di occasioni e che rappresentino più l’eccezione che una vera e propria regola.

Semplicemente si tratta di una pratica tanto diffusa che vige la cortesia professionale di non mettere in dubbio le opinioni dei colleghi e, soprattutto, di non provare a replicare gli esperimenti che vengono presentati ai simposi e alle conferenze. Dopotutto, “Bruto è un uomo d’onore”.

Tuttavia non tutti sono stati al gioco e, anzi, sempre più persone chiedono che questo comportamento poco serio venga finalmente abbandonato. Nel tentativo di denunciare il malcostume, accademici di varia origine hanno scoperto che solamente il 39 per cento delle pubblicazioni psicologiche, il 61 di quelle economiche e il 62 di quelle scientifiche presenti sulle riviste Nature e Science siano effettivamente replicabili.

Eccoci dunque al punto: le ricerche scientifiche “errate” sono anche quelle che offrono risposte più estreme e definitive, risposte che promettono di risolvere senza mezzi termini i dubbi che attanagliano la nostra esistenza. Sono contenuti sensazionali e vendibilissimi, i quali difficilmente resistono la prova del tempo, ma che hanno una diffusione che è fino a cento volte superiore di quelle ricerche che si dimostrano meno conclusive, ma più affidabili.

Per non cadere nel loro stesso tranello, gli universitari della California fanno notare che la loro indagine sia solamente agli inizi e che sarà necessario estendere ulteriormente la ricerca, prima di poter vantare dati conclusivi.

 

Potrebbe anche interessarti:

 

 

Twitter apre gratuitamente il suo archivio ai ricercatori e agli accademici
Twitter apre gratuitamente il suo archivio ai ricercatori e agli accademici
Una IA può debellare le fake news prima che esplodano in Rete
Una IA può debellare le fake news prima che esplodano in Rete
Coronavirus: ecco le peggiori bufale in circolazione
Coronavirus: ecco le peggiori bufale in circolazione
Coronavirus: i progetti di Citizen Science per aiutare la ricerca da casa
Coronavirus: i progetti di Citizen Science per aiutare la ricerca da casa
Coronavirus: il punto della ricerca scientifica su Covid 19
Coronavirus: il punto della ricerca scientifica su Covid 19
Schemi piramidali per bambini, animalari e antivaccinismi vari
Schemi piramidali per bambini, animalari e antivaccinismi vari
Come nasce un farmaco? Il ruolo della sperimentazione animale
Come nasce un farmaco? Il ruolo della sperimentazione animale