New Shepard 15: il turismo spaziale è sempre più vicino

3 settimane fa

New Shepard

Il 14 aprile la società Blue Origin ha completato con successo la sua quindicesima missione consecutiva nello spazio e ritorno con la New Shepard. In questa missione sono state condotte diverse simulazioni prima del primo volo di test con astronauti: una tappa importante che rende il turismo spaziale una possibilità sempre più concreta.

La società di Jeff Bezos ha completato con successo la sua missione numero 15 con la New Shepard.

Durante la missione sono stati eseguiti una serie di simulazioni per provare i movimenti e le operazioni degli astronauti per i futuri voli con i clienti a bordo. Questa ha rappresentato un passaggio di verifica importante prima del primo volo con astronauti.

Oggi a bordo c’era il manichino Skywalker e più di 25.000 cartoline del Club for the Future, l’organizzazione no profit fondata da Blue Origin.

Gli astronauti che hanno simulati i test di movimento all’interno della capsula hanno condotto una serie di test dall’interno della capsula stessa, tra cui un controllo delle comunicazioni con il Capsule Communicator (CAPCOM), le procedure per entrare e uscire dalla capsula e preparazioni pre-lancio.

Dopo l’atterraggio della capsula gli astronauti hanno provato le procedure post-volo, l’apertura del portello e l’uscita dalla capsula.

Questo è stato il sedicesimo atterraggio consecutivo di successo della capsula, incluso il test di fuga dal pad nel 2012.

Curiosità: la capsula dell’equipaggio ha raggiunto un apogeo di 107 km sul livello del mare e il tempo della missione è stato di 10 minuti e 10 secondi con una velocità massima di risalita era di 3.596 km / h.

Leggi anche: 

Per chi lo volesse sullo shop online di Blue Origin è disponibile la patch commemorativa di questa missione

Blue Origin: all'asta un posto per la prima spedizione umana
Blue Origin: all'asta un posto per la prima spedizione umana
SpaceX: lander lunare a rischio, la NASA sospende il contratto
SpaceX: lander lunare a rischio, la NASA sospende il contratto
Jeff Bezos è irritato con la NASA che sceglie SpaceX
Jeff Bezos è irritato con la NASA che sceglie SpaceX
Amazon non si appoggerà a Blue Origin per la sua rete di satelliti
Amazon non si appoggerà a Blue Origin per la sua rete di satelliti
NASA, l'allunaggio nel 2024 non è più un obiettivo "realistico"
NASA, l'allunaggio nel 2024 non è più un obiettivo "realistico"
Jeff Bezos si è dimesso da Amazon per concentrarsi su Blue Origin e lo Spazio?
Jeff Bezos si è dimesso da Amazon per concentrarsi su Blue Origin e lo Spazio?
Suborbital Crew NASA, annuncio storico: non solo astronauti nello spazio
Suborbital Crew NASA, annuncio storico: non solo astronauti nello spazio