Facebook investirà 820 milioni di euro nell’editoria mondiale

2 mesi fa

Facebook investirà 1 miliardo di dollari a beneficio dell’editoria. La notizia arriva a distanza di pochi giorni dallo scontro con il Governo dell’Australia su una nuova legge che obbligherà il colosso a ricompensare gli editori per i loro contenuti.

Facebook annuncia un investimento record a sostegno dell’editoria, a dirlo è l’agenzia Reuters. Il colosso del tech si è impegnato ad investire 1 miliardo di dollari – grossomodo 820 milioni di euro – a favore dell’editoria mondiale. La notizia arriva a pochi giorni da uno storico ed impressionante duello tra il social e il Governo australiano.

Facebook e il Governo dell’Australia sono ormai sempre più vicini ad un punto d’intesa sulla nuova norma che introdurrà un equo compenso agli editori. Norma che è attualmente in fase di approvazione in Australia. Le piattaforme come Google e Facebook saranno obbligate a stringere degli accordi di compensazione con i principali gruppi editoriali per l’uso dei loro contenuti.

Nonostante le recenti aperture, i due colossi avevano tentato di alzare barriere davanti all’ipotesi che la legge – così come formulata in origine dal Governo australiano – entrasse in vigore. La scorsa settimana Facebook aveva bloccato la possibilità di condividere news in Australia, in modo da rafforzare il suo potere di negoziazione.

Facebook, annunciando il nuovo piano da 1 miliardo, ha rivendicato i precedenti investimenti a favore dell’editoria – per 600 milioni di dollari – fatti dal 2018 ad oggi.

Il social investirà 1 miliardo nell’editoria nel corso dei prossimi tre anni. L’impegno di Facebook segue un’iniziativa di simile, per importo e finalità, promossa da Google nel 2020.

 

 

Facebook punta su Hotline, la sua risposta a Clubhouse
Facebook punta su Hotline, la sua risposta a Clubhouse
Facebook, i dati di 533 milioni di utenti sono online
Facebook, i dati di 533 milioni di utenti sono online
I social, megafono della Cina sul caso dello Xinjiang
I social, megafono della Cina sul caso dello Xinjiang
Il Regno Unito vuole obbligare Facebook ad installare una backdoor su WhatsApp e Messenger
Il Regno Unito vuole obbligare Facebook ad installare una backdoor su WhatsApp e Messenger
Facebook, ora anche gli UK si pongono il problema Giphy
Facebook, ora anche gli UK si pongono il problema Giphy
Facebook bandisce anche solo la voce, di Donald Trump
Facebook bandisce anche solo la voce, di Donald Trump
Zuckerberg scarica la colpa dell'attacco a Capitol Hill su Trump
Zuckerberg scarica la colpa dell'attacco a Capitol Hill su Trump