I Daft Punk si sono divisi, l’agente di lunga data ha confermato la notizia

4
18 ore fa

daft punk

I Daft Punk, uno dei gruppi più influenti e popolari emersi negli ultimi 30 anni, hanno annunciato il loro ritiro tramite un video intitolato Epilogue. L’agente di lunga data del duo ha confermato ufficialmente la separazione con Variety e ha rifiutato di fornire ulteriori dettagli.

 

La clip di otto minuti presenta i Daft PunkThomas Bangalter e Guy-Manuel de Homem-Christo – che per molti anni hanno nascosto le loro identità dietro un aspetto da robot, che camminano per il deserto, indossando i loro familiari caschi spaziali e giacche di pelle. Dopo pochi istanti, uno dei membri guarda l’altro, si toglie la giacca e rivela una sorta di interruttore di energia sulla schiena. L’altro tocca il pulsante sulla sua schiena e il primo membro si allontana rapidamente e per poi esplodere.

La scena si sposta su un’alba, o forse un tramonto, mentre suona una versione corale della canzone del gruppo Touch. La canzone proviene dall’album Random Access Memories del duo del 2013, che per molti versi è stato il culmine della loro carriera. L’album, che includeva il singolo di successo mondiale Get Lucky, vinse il Grammy Award come miglior album l’anno successivo. I Daft Punk ha mantenuto un profilo basso da allora, e la loro uscita più importante è stata una collaborazione con The Weeknd su due canzoni dal suo album del 2016 Starboy, la title track e I Feel It Coming.

Mentre il loro rappresentante ha rifiutato di dire se il duo continuerà a lavorare insieme sotto nomi diversi o se altri nuovi progetti sono in lavorazione, sembra probabile, considerando la famosa storia derisoria delle convenzioni del gruppo, che continueranno a pubblicare musica, video e qualunque altro progetto colpisca la loro fantasia.

Bangalter e de Homem-Christo si sono conosciuti a metà degli anni ’80 a scuola a Parigi da adolescenti e subito dopo hanno iniziato a lavorare insieme sulla musica. Hanno formato un gruppo rock chiamato Darlin ’, ispirato alla canzone dei Beach Boys con lo stesso nome, con il loro amico Laurent Brancowitz nel 1992 e hanno pubblicato una canzone su una compilation per l’etichetta Duophonic degli Stereolab. La canzone ha ricevuto una recensione negativa dal Melody Maker – che l’ha definita uno stupido thrash punky – e, con una mossa che avrebbe dato il tono al resto della loro carriera, ha trasformato la recensione negativa nel nome della loro nuova band. I due decisero di concentrarsi sulla musica elettronica; Brancowitz lasciò e alla fine formò i Phoenix.

Il duo ha dato il tono sonoro per il nuovo gruppo con il loro primo singolo, The New Wave, pubblicato nel 1994. È stato seguito l’anno successivo da Da Funk, che è diventato un singolo di successo europeo e ha costituito il modello per il loro album di debutto, Homework, pubblicato alla fine del 1996. La coppia, insieme al manager Pedro Winter, ha stabilito un forte percorso autodeterminato fin dall’inizio, chiedendo il controllo artistico e la proprietà dei loro maestri, che hanno concesso in licenza alle principali etichette discografiche.

L’album è stato uno dei migliori dell’ondata di album dance elettronica della metà degli anni ’90 e ha portato il duo, che a questo punto si esibiva ancora senza travestimenti, alla celebrità internazionale. Hanno fatto numerosi tour e si sono impegnati in progetti esterni e hanno pubblicato una serie di video innovativi su Homework. Verso la fine del decennio, il duo ha inventato una storia comica sull’essere stati feriti in un’esplosione ed essere costretti a nascondersi dietro maschere robotiche, e non sono mai più apparsi pubblicamente senza le loro maschere.

Il duo pubblicò il secondo album, Discovery nel 2001, guidato dal singolo One More Time – il disco-very implicito nel titolo non fu casuale, poiché l’album era di natura più pop rispetto al debutto. In effetti, il successivo album del duo, Human After All, è stato registrato rapidamente e probabilmente suonava come se fossero state delle basi musicali, ma quelle tracce sono diventate la base per le galvanizzanti date dal vivo del duo nel 2006 e nel 2007, che includevano una performance decisiva al festival Coachella ad Aprile 2006. Esibendosi all’interno di un’elaborata piramide illuminata, il gruppo ha fatto un tour internazionale dietro l’album, pubblicando un album dal vivo esplosivo, Alive 2007, diversi anni dopo. Sono riemersi nel 2010 con una colonna sonora orchestrale per il remake Disney di Tron.

La coppia trascorre diversi anni successivi a ribaltare di nuovo le aspettative: dopo essersi definiti l’atto elettronico definitivo, hanno registrato tutti i Random Access Memories con strumenti dal vivo e non hanno utilizzato alcuna attrezzatura digitale (eccetto il mix dell’album). L’album conteneva un’improbabile serie di artisti e cantanti ospiti, dal chitarrista Chic Nile Rodgers e il cantante-rapper Pharrell Williams al cantautore degli anni ’70 Paul Williams e musicisti che avevano lavorato all’album Off the Wall del 1979 di Michael Jackson. Il risultato finale è stato una combinazione ad ampio raggio di suoni futuristici e vintage che ha portato il duo a nuovi livelli di popolarità, portando il Grammy Album of the Year nel 2014.

A parte le due canzoni con i Weeknd, gli sforzi musicali del duo negli anni successivi sono stati di basso profilo. Ma data la loro storia passata, è estremamente improbabile che abbiamo sentito l’ultima parola da Bangalter e de Homem-Christo, indipendentemente dal fatto che stiano lavorando separatamente o come Daft Punk.

 

 

 

Aree Tematiche
Attualità Entertainment Musica News Real Life Youtube
Tag
lunedì 22 Febbraio 2021 - 16:50
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd