I commenti dei lettori sono costati 124.000 dollari a una testata online

2 anni fa

giornali

Una testata malese è stata considerata responsabile per i commenti pubblicati sul proprio sito da alcuni lettori, subendo una multa salata.

Il giornale indipendente, Malaysiakini, è noto localmente per la sua posizione critica nei confronti dell’establishment e tutti, escluso il governo della Malesia, concordano nel sostenere che si tratti di una manovra politica atta a mettere a tacere le voci dissonanti.

A riprova di una simile ipotesi giunge la portata della gravissima punizione finanziaria, soprattutto per i canoni dell’economia del posto: 124.000 dollari, con l’accusa che ne aveva chiesti “solamente” 50.000.

La testata, la quale ha rimosso i commenti non appena ha ricevuto la segnalazione dal Governo, ha cercato di difendersi sottolineando come non possa considerarsi colpevole per le opinioni altrui, ma il giudice ha decretato che la redazione avrebbe dovuto filtrare i commenti a monte, attraverso una moderazione stringente.

[La decisione della corte] avrà un importante impatto raggelante sulle discussioni relative ai problemi di pubblico interesse, considerando che questa pesante penale da l’impressione di voler mandare Malaysiakini in bancarotta,

ha detto fuori dal tribunale Steven Gan, fondatore e direttore del giornale.

Alcuni dei politici a capo del Governo malese sono sotto indagine per corruzioni milionarie e non è difficile credere che l’opinione di Gan abbia fondamenta più che verosimili, tuttavia il caso solleva nuovamente l’attenzione sul genere di insidie normative che colpiscono social e webjournalism.

È giusto che il gli editori violino le leggi quando queste limitano la libertà di parola? I siti devono essere considerati responsabili dei contenuti caricati dagli utenti? Se sì, fino a che punto?

 

Potrebbe anche interessarti:

 

 

Censura: la Cina ha fatto oscurare (temporaneamente) una pagina straniera
Censura: la Cina ha fatto oscurare (temporaneamente) una pagina straniera
Social media: la Florida obbliga le Big Tech a tollerare le fandonie dei politici
Social media: la Florida obbliga le Big Tech a tollerare le fandonie dei politici
Instagram e Twitter avevano nascosto i post di denuncia dei palestinesi su Israele, ma per sbaglio
Instagram e Twitter avevano nascosto i post di denuncia dei palestinesi su Israele, ma per sbaglio
Internet, la Cina apre una hotline per segnalare le critiche nei confronti del Partito Comunista
Internet, la Cina apre una hotline per segnalare le critiche nei confronti del Partito Comunista
Twitter come cavia della nuova censura russa
Twitter come cavia della nuova censura russa
Birmania, esisterebbe una lista nera di web-celebrities
Birmania, esisterebbe una lista nera di web-celebrities
Twitter dice basta e si ribella alle imposizioni del Governo indiano
Twitter dice basta e si ribella alle imposizioni del Governo indiano

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.