GUIDE

15 migliori film sudcoreani: l’eredità di registi come Bong Joon-ho

157
2 mesi fa

16 minuti

migliori film sudcoreani

I film sudcoreani stanno diventando sempre più popolari e abbiamo deciso di parlare di 15 dei migliori film sudcoreani che hanno permesso la crescita che questo cinema ha avuto negli ultimi vent’anni. Uno dei mercati esteri più interessanti e prolifici per i film in questo momento è proprio la Corea del Sud.

Dall’inizio del 21° secolo, la Corea del Sud è stata una fonte costante di film straordinari in un’ampia varietà di generi. Grazie soprattutto a registi come Bong Joon-ho, Park Chan-wook e altri autori innovativi, il cinema sudcoreano continua a oltrepassare i confini reali e immaginari e ad acquisire fan a livello internazionale.

Sebbene questi film abbiano trovato consenso e popolarità, il frequentatore casuale di cinema e festival cinematografici è ancora raramente esposto alla visione di molti film stranieri. Ma con film così belli, vale la pena per gli spettatori cercarli ed esporsi a questa nuova cultura del cinema. Quindi, se siete interessati ai film sudcoreani ma non sapete da dove cominciare, ecco 15 dei migliori film sudcoreani che il paese abbia prodotto. Grazie a Parasite (2019) che è diventato un successo assoluto nel 2019 e all’inizio del 2020, i film sudcoreani sono diventati ancora più popolari per il pubblico internazionale.

Per i principianti che desiderano immergersi in profondità nella cultura dei film sudcoreani, ecco 15 film imperdibili che offriranno il tipo di sensazioni che Parasite ha consegnato davanti al suo pubblico internazionale.

 

 

A Taxi Driver (2017)

15 film sudcoreani

 

A Taxi Driver è un film drammatico d’azione del 2017 diretto da Jang Hoon, con Song Kang-ho nel ruolo del protagonista, accanto a Thomas Kretschmann.

Basato su una storia reale, il film è incentrato su un tassista di Seoul che viene involontariamente coinvolto negli eventi della rivolta di Gwangju nel 1980. Si basa sulle interazioni del giornalista tedesco Jürgen Hinzpeter con l’autista Kim Sa-bok; tuttavia, poiché l’identità e il vero nome di Kim erano sconosciuti al momento in cui è stato girato il film (Hinzpeter lo conosceva solo come Kim Sa-bok), la maggior parte degli elementi riguardanti la sua vita e gli eventi che gli sono accaduti al di fuori di Gwangju sono di fantasia.

Il film è uscito il 2 agosto 2017 in Corea del Sud. È stato accolto molto positivamente dalla critica, che ha elogiato il suo approccio unico nel rappresentare gli eventi della Rivolta di Gwangju, il peso emotivo, nonché il personaggio principale e la sua relazione con Hinzpeter, ed è stato selezionato come voce sudcoreana per il miglior film in lingua straniera a i 90° Academy Awards. Il film è stato un notevole successo commerciale: è stato il secondo film di maggior incasso del 2017 in Corea del Sud, e attualmente è il dodicesimo film sudcoreano della storia.

Disponibile su CHILI.

 

 

Peppermint Candy (1999)

15 film sudcoreani

 

Peppermint Candy è un film del 1999, il secondo del regista sudcoreano Lee Chang-dong. Il film inizia con il suicidio del protagonista e utilizza la cronologia inversa per descrivere alcuni degli eventi chiave degli ultimi 20 anni della sua vita che hanno portato alla sua morte. È stato il nono film nazionale di maggior incasso del 2000 con 311.000 spettatori a Seoul. Peppermint Candy utilizza una tecnica di narrazione unica per raccontare la storia straziante della distruzione di un uomo. A partire dal suo suicidio, l’obiettivo principale del film è raccontare gli ultimi vent’anni di vita del protagonista Yong-ho (Sol Kyung-gu).

Gran parte del film è un commento ai principali eventi storici che hanno avuto luogo in Corea del Sud per un periodo di vent’anni, da un governo oppressivo a un periodo di turbolenza durante la crisi finanziaria asiatica, e come tutto ha influenzato la vita di Yong-ho.

Disponibile su Google Play.

 

 

Along With The Gods: The Two Worlds (2017)

along

 

Along With The Gods: The Two World è un film d’azione fantasy sudcoreano del 2017 diretto da Kim Yong-hwa e basato sulla serie webtoon di Joo Ho-min, Together with the Gods. È interpretato da Ha Jung-woo, Cha Tae-hyun, Ju Ji-hoon e Kim Hyang-gi.

Il film è stato girato come uno ma presentato in due parti. La prima parte, Together with the Gods: The Two Worlds, è stata pubblicata il 20 dicembre 2017. Il sequel, intitolato Together with the Gods: The Last 49 Days, è uscita il 1° agosto 2018. A partire da maggio 2019, Together with the Gods: The Two Worlds è stato il terzo film più visto nella storia del cinema sudcoreano

Basato su un webtoon, un manwha coreano con lo stesso nome, il film si concentra sulla morte del personaggio principale Kim Ja-Hong (Cha Tae-Hyun), che ha la possibilità di essere resuscitato se affronta con successo delle prove. Pieno di creature simili a divinità, guardiani e altri esseri fantastici, questo titolo ricco di azione è perfetto per coloro che desiderano un film con temi più leggeri.

Disponibile su Amazon Prime Video.

 

 

A Tale Of Two Sisters (2003)

a tale of two

 

A Tale of Two Sisters (2003) è un film horror-drammatico psicologico sudcoreano del 2003 scritto e diretto da Kim Jee-woon. Il film è ispirato a un racconto popolare dell’era della dinastia Joseon intitolato Janghwa Hongryeon jeon, che è stato adattato più volte al cinema. La trama si concentra su una paziente recentemente dimessa da un istituto psichiatrico che torna a casa con sua sorella, solo per affrontare eventi inquietanti tra la sua matrigna e i fantasmi che infestano la loro casa, tutti collegati a un passato oscuro nella storia della famiglia.

Il film ha avuto recensioni molto positive da parte della critica e ha vinto il premio per il miglior film al Fantasporto Film Festival del 2004. È sia il film horror coreano di maggior incasso che il primo ad essere proiettato nelle sale americane. Un remake americano intitolato The Uninvited è stato rilasciato nel 2009 con recensioni contrastanti.

Dopo che Su-mi (Im Soo-jung) torna a casa dal suo trattamento in un ospedale psichiatrico, si riunisce con sua sorella Su-yeon mentre strani eventi e la tensione aumenta in una famiglia che custodisce un oscuro segreto. Un film classico psicologicamente oscuro.

Disponibile su Amazon Prime Video.

 

 

Parasite (2019)

15 migliori film sudcoreani

 

Parasite è un thriller noir sudcoreano del 2019 diretto da Bong Joon-ho, che ha anche co-sceneggiato la sceneggiatura con Han Jin-won. Interpretato da Song Kang-ho, Lee Sun-kyun, Cho Yeo-jeong, Choi Woo-shik, Park So-dam, Jang Hye-jin e Lee Jung-eun, segue i membri di una famiglia povera che progetta di essere alle dipendenze di una famiglia benestante e si infiltra nella loro famiglia fingendosi individui non collegati tra loro e altamente qualificati.

Parasite è stato presentato in anteprima al Festival di Cannes 2019 il 21 maggio 2019, dove è diventato il primo film sudcoreano a vincere la Palma d’Oro. Il film è stato considerato da molti critici il miglior film del 2019, nonché uno dei migliori film del decennio, ed è il 46° film più votato di tutti i tempi su Metacritic. Ha incassato oltre $ 258 milioni in tutto il mondo con un budget di produzione di circa $ 15 milioni.

Tra i suoi numerosi riconoscimenti, Parasite ha vinto quattro importanti premi al 92° Academy Awards: miglior film, miglior regista, miglior sceneggiatura originale e miglior lungometraggio internazionale, diventando il primo film non in lingua inglese a vincere l’Oscar per il miglior film. È stato anche il primo film sudcoreano a ricevere il riconoscimento dell’Oscar e uno dei tre film a vincere sia la Palma d’Oro che l’Academy Award per il miglior film.

Caratterizzato da grandi nomi sudcoreani come Song Kang-ho e Park So-dam, Parasite è stato un assoluto successo internazionale alla sua uscita nel 2019. Non solo è stato il primo vincitore della Palma d’Oro sudcoreano, ma ha anche ottenuto quattro premi Oscar. Per molti versi, ha fatto davvero la storia ed è considerato una delle aggiunte più recenti e allo stesso tempo più solide all’industria cinematografica sudcoreana.

Disponibile su NowTv e Sky.

 

 

 

I Saw The Devil (2010)

15 film koreani

 

I Saw The Devil è un film thriller d’azione sudcoreano del 2010 diretto da Kim Jee-woon e scritto da Park Hoon-jung. Interpretato da Lee Byung-hun e Choi Min-sik, il film segue l’agente della NIS Kim Soo-hyun (Lee), che si imbarca in una ricerca di vendetta quando la sua fidanzata viene brutalmente assassinata dal serial killer psicopatico Jang Kyung-chul (Choi).

I Saw the Devil è stato presentato in anteprima negli Stati Uniti al Sundance Film Festival 2011 e ha avuto un’uscita limitata nelle sale americane. Se c’è una cosa per cui i film sudcoreani si sono guadagnati una reputazione, sono i thriller brutali e sanguinosi. I film di quel paese che sembrano connettersi maggiormente con il pubblico internazionale tendono ad essere piuttosto difficili da guardare. Forse nessuno è più intenso di I Saw the Devil.

Disponibile su Amazon Prime Video.

 

 

Mother (2009)

mother

 

Mother è un thriller sudcoreano del 2009 diretto da Bong Joon-ho, con Kim Hye-ja e Won Bin. La trama segue una madre che, dopo che il figlio intellettualmente disabile è stato accusato dell’omicidio di una giovane ragazza, tenta di trovare il vero assassino per liberare suo figlio.

Il film è stato presentato in anteprima il 16 maggio 2009 al Festival di Cannes nella sezione Un Certain Regard, ed è uscito in Corea del Sud il 28 maggio 2009. Ha ricevuto recensioni molto positive dalla critica, che ha elogiato la performance di Kim, la regia e la sceneggiatura, e l’unicità del film.

Bong Joon-ho è un regista incredibilmente versatile i cui film sembrano tutti unici. Qui affronta forse la sua storia più tragica. Uno dei grandi talenti di Joon-ho come regista è la sua abilità nel bilanciare toni apparentemente opposti con effetti fantastici. Il film riesce a portare a termine un dramma familiare, un thriller poliziesco e, a volte, una satira esilarante. Non è un’impresa facile.

Disponibile su Amazon Prime Video.

 

 

Train To Busan (2016)

train to busan girl

 

Train To Busan è un film horror d’azione sudcoreano del 2016 diretto da Yeon Sang-ho e interpretato da Gong Yoo, Jung Yu-mi e Ma Dong-seok. Il film si svolge principalmente su un treno per Busan mentre un’apocalisse zombi scoppia improvvisamente nel paese e minaccia la sicurezza dei passeggeri.

Il film è stato presentato in anteprima nella sezione Midnight Screenings del Festival di Cannes 2016 il 13 maggio. Il 7 agosto, il film ha stabilito un record come primo film coreano del 2016 a battere il record di oltre 10 milioni di spettatori. Ci sono stati molti grandi film horror dalla Corea del Sud e il recente epico zombie Train to Busan è tra i migliori del sottogenere.

Mentre il paese è invaso da un’epidemia di zombi, un gruppo di sopravvissuti disperati sale su un treno per Busan, il presunto ultimo posto sicuro in Corea. Il film prende il genere familiare e lo infonde con commenti ponderati, suspense insopportabile e alcune sequenze d’azione sorprendenti.

Disponibile su Amazon Prime Video.

 

 

 

Thirst (2009)

thirst

 

Thirst è un film horror sudcoreano del 2009 prodotto, scritto e diretto da Park Chan-wook. È vagamente basato sul romanzo del 1867 Thérèse Raquin di Émile Zola. Il film racconta la storia di un prete cattolico, innamorato della moglie di un suo amico, che si trasforma in un vampiro attraverso un esperimento medico fallito.

Il film ha vinto il Premio della Giuria al Festival di Cannes 2009. Come Train to Busan, Thirst prende un genere di film horror piuttosto familiare e vi dà nuova vita. In questo film, Park Chan-wook si cimenta nel mondo dei film sui vampiri e, come previsto, crea una voce con una prospettiva totalmente unica.

 

 

The Chaser (2008)

the chaser

 

The Chaser è un thriller d’azione sudcoreano del 2008 con Kim Yoon-seok e Ha Jung-woo. È stato diretto da Na Hong-jin al suo debutto alla regia. Ispirato dal vero serial killer coreano Yoo Young-chul, il film è stato girato nei dintorni di Mangwon-dong nel distretto di Mapo, Seoul. I racconti di serial killer sembrano sempre affascinare il pubblico, ma perché un film su questo argomento valga la pena, deve darci qualcosa di inaspettato. Questo è il caso di The Chaser.

Il film segue un ex poliziotto trasformato in magnaccia che crede che le ragazze al suo servizio vengano prese e vendute da un cliente abituale. La realtà è che il cliente è un sadico assassino che depreda queste ragazze. Tuttavia, il film gioca costantemente con le nostre aspettative poiché gli sviluppi e gli incontri che ci aspetteremmo nel terzo atto del film avvengono nel primo atto. Questo aiuta a mantenere il pubblico sulle spine, incapace di vedere la prossima svolta in arrivo.

Disponibile su Amazon Prime Video.

 

 

The Host (2006)

the host

 

The Host è un monster movie sudcoreano del 2006 diretto da Bong Joon-ho e interpretato da Song Kang-ho, Byun Hee-bong, Park Hae-il, Bae Doona e Go Ah-sung. Il film riguarda un mostro che rapisce la figlia di un uomo e i suoi tentativi di salvarla. Secondo il regista, la sua ispirazione è venuta da un articolo locale su un pesce deforme con una spina dorsale a forma di S catturato nel fiume Han.

Dopo il successo del lavoro del regista Memories of Murder, The Host era molto atteso. È stato distribuito su un numero record di schermi nel suo paese d’origine il 27 luglio 2006. Alla fine della sua corsa, l’8 novembre, erano stati venduti 13 milioni di biglietti, rendendolo (all’epoca) il film sudcoreano con il maggior incasso di tutti i tempi. Ha vinto numerosi premi tra cui Miglior Film agli Asian Film Awards e al i Blue Dragon Film Awards.

È raro che un film di questo ottenga il tipo di consensi per definirlo un capolavoro. Ma è quello che ottieni quando hai un regista come Bong Joon-ho che affronta il genere del monster movie.

In superficie, la trama è piuttosto standard, ma il film evita i cliché avendo come protagonisti un gruppo di eroi davvero insolito e infondendo all’intero film con una dose inaspettata di umorismo.

Disponibile su Netflix.

 

 

 

The Handmaiden

handmaiden

 

The Handmaiden di Park Chan-Wook è una storia d’amore, un thriller di vendetta e un film puzzle ambientato nella Corea occupata dai giapponesi negli anni ’30. È voluttuosamente bello, francamente sessuale, occasionalmente perverso e orribilmente violento. A volte la sua stessa esistenza sembra inspiegabile. Eppure tutti i suoi pezzi disparati sono assemblati con tale cura, e i personaggi scritti e recitati con acutezza psicologica.

Il film fa un ottimo lavoro nell’esplorare i ruoli di genere e utilizza costantemente questa prospettiva per sovvertire le aspettative del pubblico. È pieno di colpi di scena selvaggi e melodramma quanto basta per rendere questo thriller molto avvincente.

 

 

 

Burning (2018)

burning

 

Burning è un thriller psicologico del 2018 sudcoreano co-scritto, prodotto e diretto da Lee Chang-dong. Basato sul racconto Barn Burning di The Elephant Vanishes dell’autore Haruki Murakami, vede nel cast Yoo Ah-in, Steven Yeun e Jeon Jong-seo. La trama raffigura un giovane fattorino, Jong-su (Yoo), che incontra la sua amica d’infanzia, Hae-mi (Jeon). Presto incontrano un giovane enigmatico di nome Ben (Yeun), di cui Jong-su diventa sospettoso e inizia a credere che Hae-mi sia in pericolo.

Il primo film diretto da Lee in otto anni, il film è stato presentato in anteprima il 16 maggio 2018 al Festival di Cannes 2018, dove ha gareggiato per la Palma d’Oro; ha finito per ricevere il Premio Internazionale della Critica. Ha ricevuto il plauso della critica quasi universale, in particolare per il suo senso di disagio, la narrativa ambigua e le prestazioni. È stato selezionato come voce sudcoreana per il miglior film in lingua straniera ai 91° Academy Awards; sebbene non sia stato nominato, è diventato il primo film coreano ad arrivare alla rosa dei nove film finali; un altro film sudcoreano, Parasite (2019), ha vinto quel premio alla cerimonia dell’anno successivo.

La storia complessa e avvincente segue un giovane che è costretto a rilevare la fattoria di famiglia quando suo padre viene mandato in prigione. Si riunisce e si innamora di una ragazza del suo passato, ma le cose si complicano quando lei presenta il suo ricco amico che detiene un oscuro segreto. Il film è un brillante esame della verità e delle domande senza risposta, ancorato a una performance agghiacciante di Steven Yeun di The Walking Dead.

 

 

Old Boy (2003)

old boy

 

Old Boy è un thriller d’azione neo-noir sudcoreano del 2003 co-scritto e diretto da Park Chan-wook. È basato sull’omonimo manga giapponese scritto da Garon Tsuchiya e illustrato da Nobuaki Minegishi. Oldboy è il secondo capitolo di The Vengeance Trilogy, preceduto da Sympathy for Mr. Vengeance e seguito da Lady Vengeance.

Il film segue la storia di Oh Dae-su, che è imprigionato in una cella che assomiglia a una stanza d’albergo per 15 anni senza conoscere l’identità del suo rapitore o le sue motivazioni. Quando viene finalmente rilasciato, Dae-su si ritrova ancora intrappolato in una rete di cospirazione e violenza. La sua ricerca di vendetta diventa legata al romanticismo quando si innamora di una giovane e attraente chef di sushi, Mi-do.

Il film ha vinto il Grand Prix al Festival di Cannes del 2004 e ha ricevuto grandi elogi dal presidente della giuria, il regista Quentin Tarantino. Il film è stato ben accolto dalla critica negli Stati Uniti, con il critico cinematografico Roger Ebert che ha affermato che Oldboy è un film potente non per ciò che descrive, ma per le profondità del cuore umano che mette a nudo.

Oldboy è probabilmente il film più famoso di questa lista e la sua popolarità è ben guadagnata. Mentre lo sconsiderato remake americano è stato un flop, l’originale rimane un inquietante capolavoro di thriller d’azione. Pieno di colpi di scena oscuri e l’iconico combattimento con il martello in una sola ripresa, il film è un brivido per tutti coloro che possono sopportarne la brutalità.

Disponibile su Amazon Prime Video.

 

 

Memories Of Murder (2003)

memories of murder

 

Memories of Murder è un film poliziesco sudcoreano del 2003 co-scritto e diretto da Bong Joon-ho. È vagamente basato sulla storia vera dei primi omicidi seriali della Corea nella storia, avvenuti tra il 1986 e il 1991 a Hwaseong, nella provincia di Gyeonggi. Song Kang-ho e Kim Sang-kyung interpretano rispettivamente Detective Park e Detective Seo, due degli investigatori che cercano di risolvere i crimini.

Il film è stato il secondo lungometraggio diretto da Bong, dopo il suo film di debutto del 2000 Barking Dogs Never Bite. La sceneggiatura è stata adattata da Bong e Shim Sung-bo dall’opera teatrale di Kim Kwang-rim del 1996 sullo stesso argomento. Il film ha ottenuto il plauso della critica per la sua cinematografia, il montaggio del film e la colonna sonora, la performance di Song Kang-ho, la regia e la sceneggiatura di Bong.

Bong Joon-ho non è solo uno dei registi coreani più entusiasmanti che lavorano in questo momento, è anche uno dei registi più eccitanti, punto. Come dimostra la quantità di volte in cui è apparso in questa lista, è un vero maestro nel mestiere. E anche se continua a fare film eccellenti, questo potrebbe essere considerato il suo capolavoro.

Questa storia si basa sugli omicidi nella vita reale avvenuti in Corea negli anni ’80. Il film segue l’indagine disperata e frustrante sui crimini senza mai rifuggire dall’inettitudine e dalla brutalità della polizia. Come in molti dei film di Joon-ho, è pieno di umorismo oscuro che svanisce lentamente man mano che appaiono più corpi. Uno dei più grandi misteri di omicidi di tutti i tempi.

 

 

 

What Drives Us: il primo trailer del film diretto da Dave Grohl
What Drives Us: il primo trailer del film diretto da Dave Grohl
Leonardo: la serie con Aidan Turner sarà disponibile su Prime Video
Leonardo: la serie con Aidan Turner sarà disponibile su Prime Video
Barry: la serie TV dark comedy è disponibile su Sky e NOW
Barry: la serie TV dark comedy è disponibile su Sky e NOW
LOL: Chi ride è fuori 2 - I concorrenti che vorremmo vedere nella seconda stagione
LOL: Chi ride è fuori 2 - I concorrenti che vorremmo vedere nella seconda stagione
Takeshi Kitano: i 10 migliori film del regista giapponese
Takeshi Kitano: i 10 migliori film del regista giapponese
The Tomorrow War, il film con Chris Pratt su Amazon Prime Video dal 2 Luglio
The Tomorrow War, il film con Chris Pratt su Amazon Prime Video dal 2 Luglio
Governance – Il prezzo del potere: il trailer del film in arrivo su Prime Video
Governance – Il prezzo del potere: il trailer del film in arrivo su Prime Video