Birmania, i manifestanti scendono per strada e i militari oscurano internet

2 anni fa

yangon birmania

Per preservare la “stabilità del Paese”, i militari decidono di oscurare del tutto la connettività internet della Birmania.

Il generale Min Aung Hlaing e i suoi uomini hanno conquistato con la forza il potere l’1 febbraio, da allora hanno iniziato a bloccare i social network, il tutto per evitare che “fake news e disinformazione” possano “causare fraintendimenti tra le persone”.

La prima piattaforma digitale a finire nel mirino dell’esercito è stata Facebook, la quale aveva peraltro dichiarato la Birmania come Paese ad alto rischio, poi è stato il turno di Twitter e Instagram, ora ad essere oscurata è l’intera rete internet. Al momento, infatti, la copertura risulta operativa solamente al 16 per cento.

Una portavoce di Twitter ha commentato il ban sottolineando come un simile censura comprometta “il discorso pubblico e il diritto delle persone di far sentire la loro voce”. Facebook ha preservato una posizione omologa, chiedendo che le autorità ripristinino la connettività della nazione.

Fino a ieri, gli utenti potevano aggirare i blocchi affidandosi a servizi di VPN, ma a questo punto anche un simile stratagemma risulta inutilizzabile. Nel frattempo, masse di contestatori stanno affollando la città di Yangon, sfidando poliziotti in assetto da sommossa pur di rendere esplicito il loro scontento.

I manifestanti esigono la liberazione degli oppositori politici arrestati durante il coup. Tra questi figura anche Aung San Suu Kyi, capo di Stato recentemente rimosso dai soldati e premio Nobel per la pace

Nonostante il dispiegamento intensivo delle forze dell’ordine, la folla non ha ceduto alla violenza e, anzi, ha distribuito agli agenti fiori e bottigliette d’acqua, chiedendo loro di sostenere il popolo, anziché la dittatura militare.

 

Potrebbe anche interessarti:

 

 

Censura: la Cina ha fatto oscurare (temporaneamente) una pagina straniera
Censura: la Cina ha fatto oscurare (temporaneamente) una pagina straniera
Social media: la Florida obbliga le Big Tech a tollerare le fandonie dei politici
Social media: la Florida obbliga le Big Tech a tollerare le fandonie dei politici
Instagram e Twitter avevano nascosto i post di denuncia dei palestinesi su Israele, ma per sbaglio
Instagram e Twitter avevano nascosto i post di denuncia dei palestinesi su Israele, ma per sbaglio
Internet, la Cina apre una hotline per segnalare le critiche nei confronti del Partito Comunista
Internet, la Cina apre una hotline per segnalare le critiche nei confronti del Partito Comunista
Twitter come cavia della nuova censura russa
Twitter come cavia della nuova censura russa
Birmania, esisterebbe una lista nera di web-celebrities
Birmania, esisterebbe una lista nera di web-celebrities
Facebook sfida il regime militare che tiene sotto scacco la Birmania
Facebook sfida il regime militare che tiene sotto scacco la Birmania

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.