Nascono le assicurazioni contro i ransomware, gli esperti: “così si incentivano gli hacker”

43
2 anni fa

Alcune compagnie assicurative hanno iniziato ad offrire delle policy contro gli attacchi ransomware. Gli esperti lanciano il monito: «Così si incentiva a pagare i riscatti, nuovi attacchi in vista».

Con la preoccupante diffusione degli attacchi ransomware stanno nascendo anche le prime polizze assicurative per tutelarsi dagli hacker. Non mancano i dubbi degli esperti: “così si incentivano nuovi attacchi”.

Ma facciamo un passo indietro: un attacco ransomware ha l’obiettivo di tagliare fuori la vittima da un sistema informatico. Gli hacker blindano il contenuto di un server o un computer dietro crittografia, promettendo di fornire la chiave per riprenderne possesso previo pagamento di un riscatto (normalmente da pagare in bitcoin).

Negli ultimi anni abbiamo assistito a degli attacchi ransomware particolarmente violenti: i servizi pubblici della città di Baltimora sono rimasti bloccati per settimane, mentre un malware noto con il nome di WannaCry aveva colpito duramente diversi tra ospedali e centrali elettriche in Europa, soprattutto in Ucraina.

Ora alcune compagnia assicurative hanno iniziato ad offrire protezione alle aziende in caso di ransomware. In Regno Unito la Association of British Insurers è finita nel mirino degli esperti e del Governo dopo che ha iniziato a vendere una polizza pensata appositamente per consentire alle aziende di pagare i criminali in caso di attacco informatico. L’ABI ha spiegato che ai clienti è comunque richiesto di prendere alcune misure di sicurezza. Non è sufficiente stringere un accordo di assicurazione: se l’attacco è frutto della grave negligenza dell’azienda non sarà corrisposto alcun indennizzo.

Gli esperti di sicurezza informatica, come gli analisti del National Cyber Security Centre, ora sono preoccupati che l’acquisto di queste polizze assicurative possa diventare un trend diffuso tra le aziende del Regno Unito. «C’è il rischio che le aziende inizino a pagare con leggerezza, senza valutare altre alternative», ha detto un analista. Ma questo è proprio il sogno di qualsiasi organizzazione criminale.

«È un incentivo a pagare i criminali, non ho nessuna stima per gli assicuratori», ha detto invece un professore dell’Università di Oxford. Secondo gli esperti, le nuove polizze rischiano di creare una nuova ondata di attacchi ransomware che vedranno nelle aziende assicurate la sicurezza di un ricco bottino.

Ti potrebbe interessare anche:

 

 

L'Italia è il paese europeo più colpito dagli attacchi ransomware
L'Italia è il paese europeo più colpito dagli attacchi ransomware
Gruppo Conti, fine dei giochi? Server offline e attività criminale azzerata
Gruppo Conti, fine dei giochi? Server offline e attività criminale azzerata
Google accusa un'azienda italiana: "distribuisce malware per Android e iOS"
Google accusa un'azienda italiana: "distribuisce malware per Android e iOS"
Attacco hacker contro il Comune di Palermo: online documenti d'identità, numeri di telefono e email
Attacco hacker contro il Comune di Palermo: online documenti d'identità, numeri di telefono e email
GoodWill, il ransomware che ti obbliga a compiere tre buone azioni per riavere i tuoi dai
GoodWill, il ransomware che ti obbliga a compiere tre buone azioni per riavere i tuoi dai
Il nuovo pericoloso ransomware Magniber è stato segnalato anche da Singapore
Il nuovo pericoloso ransomware Magniber è stato segnalato anche da Singapore
Un hacker sostiene di aver preso il controllo di 20 auto Tesla da remoto, la casa automobilistica indaga
Un hacker sostiene di aver preso il controllo di 20 auto Tesla da remoto, la casa automobilistica indaga

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.