UCI Cinemas mette a disposizione delle autorità le sue sale come centri vaccinali

315
4 mesi fa

uci

UCI Cinemas come Disney e Apple: l’idea è di sfruttare gli ampi e attrezzati spazi -attualmente inutilizzati- delle sale cinematografiche come centri vaccinali.

I cinema, intesi come struttura, sono chiusi ormai da tempo, in attesa non solo del nullaosta del Governo al poter riprendere le attività, ma anche che la filiera possa nuovamente stabilizzarsi.

Nel frattempo, rimangono inutilizzati ed è sotto ogni punto di vista uno spreco, dato che, con le opportune e relativamente semplici riqualificazioni, potrebbero essere utili in altro modo.

Il processo di vaccinazione contro il Covid-19 è iniziato ma ha bisogno di ampie dotazioni logistiche: abbiamo visto come, all’estero, spazi e strutture inutilizzate siano state messe a disposizione delle autorità dalle società proprietarie per renderli centri di vaccinazione straordinaria. Tra questi, alcuni uffici Microsoft o Disneyland, in California.

Leggi anche:

 

Data la situazione, UCI Cinemas sta contattando le autorità sanitarie regionali e locali per aprire loro le porte delle multisale del Circuito, in modo che possano essere utilizzate come ulteriori sedi nella campagna di vaccinazione.

Le strutture dei cinema sono, di base, spaziose, arieggiate e condizionate, atte a essere momentaneamente adibite ad un compito del genere. Del resto, prima della seconda chiusura l’anno scorso, ai cinema era stato fatto obbligo di dotazione di misure di sicurezza, quali il controllo dei flussi di accesso e di uscita per evitare assembramenti, il distanziamento sociale sia negli spazi comuni che negli auditorium, la presenza di dispenser di gel sanificante, ecc. Inoltre, le strutture possono essere adattate alle eventuali altre necessità specifiche che il processo di vaccinazione richiede.

UCI sottolinea che i cinema dispongono della capacità elettrica necessaria per gestire la cura dei pazienti e fornire l’energia richiesta dai congelatori per il mantenimento dei vaccini e che in totale sono attualmente 42 i cinema a disposizione, con più di 400 sale di diversa capienza, sparse in tutta Italia. Inoltre, tutti i cinema UCI sono ben collegati con i trasporti pubblici e sono dotati di aree di parcheggio, dato che la maggior parte sono situati in centri commerciali.

In altri Paesi, il gruppo ODEON Cinemas, leader europeo nell’esercizio cinematografico nonché società a cui appartiene UCI, ha già firmato accordi con i rispettivi enti competenti per dare il proprio contributo in questo processo. UCI sta attualmente contattando le autorità sanitarie in Italia per raggiungere un accordo anche nel nostro Paese.

 

Covid-19: Aylesbury cinema and Biggleswade pharmacy used in vaccine roll-out (bbc.com)

Un'infezione fungina sta mietendo vittime in India e Pakistan, affiancandosi al Covid
Un'infezione fungina sta mietendo vittime in India e Pakistan, affiancandosi al Covid
Coronavirus: negli USA si inizia a pagare la gente perché accetti la vaccinazione
Coronavirus: negli USA si inizia a pagare la gente perché accetti la vaccinazione
Coronavirus: in Regno Unito si fanno rave senza mascherina, per scopi scientifici
Coronavirus: in Regno Unito si fanno rave senza mascherina, per scopi scientifici
Selena Gomez vuole che Mario Draghi doni i vaccini in eccesso "a chi ne ha bisogno"
Selena Gomez vuole che Mario Draghi doni i vaccini in eccesso "a chi ne ha bisogno"
Vaccino Covid-19, in Regno Unito un adulto su due ha già ricevuto almeno la prima dose
Vaccino Covid-19, in Regno Unito un adulto su due ha già ricevuto almeno la prima dose
Covid-19, in Australia vogliono simularne l'infettività con un virus virtuale
Covid-19, in Australia vogliono simularne l'infettività con un virus virtuale
San Marino si prepara un piano B e punta al vaccino Sputnik V
San Marino si prepara un piano B e punta al vaccino Sputnik V