WhatsApp è già stato abbandonato da milioni di utenti

190
3 mesi fa

Il prezzo proibitivo dei nuovi termini di servizio di WhatsApp: l’app sprofonda nella classifica delle più scaricate. L’azienda: «volevamo solo essere più trasparenti».

Secondo un report di App Annie, le modalità confusionarie con cui WhatsApp ha annunciato i nuovi termini di servizio hanno avuto un costo proibitivo per l’app. Ad inizio gennaio, nel Regno Unito e nella maggior parte dei paesi europei WhatsApp era ottava nella classifica delle app più scaricate. Dopo il 12 gennaio ha iniziato a crollare di posizione, finendo al 23esimo posto.

Come abbiamo già segnalato in diverse occasioni, a beneficiare del crollo di WhatsApp sono stati i suoi diretti concorrenti. Signal, prendendo sempre per riferimento il mercato britannico, non compariva nemmeno nelle prime 1.000 posizioni della classifica. Dopo l’annuncio di WhatsApp e un endorsement di Elon Musk si è posizionata al primo posto.

È lo stesso Niamh Sweeney, responsabile per l’Europa di WhatsApp, a confermare che l’esodo è quasi interamente dovuto al cambio di policy e alla fatica con cui l’app ha spiegato la novità ai suoi utenti. «Il nostro obiettivo era quello di essere più trasparenti, in realtà le modalità con cui condividiamo i nostri dati con Facebook non cambieranno in nessuna parte del mondo», ha detto.

WhatsApp è dovuto correre ai ripari, organizzando in fretta e furia una campagna di comunicazione per rassicurare i suoi utenti. Ma ormai il danno era già stato fatto.

Anche Telegram ha beneficiato dalla disfatta di WhatsApp, raggiungendo i 500 milioni di utenti attivi su base mensile. In realtà è abbastanza ironico, sottolinea il The Guardian: Telegram non offre la crittografia end-to-end di default, deve essere abilitata manualmente dagli utenti creando delle chat speciali. Al contrario, sull’app di Facebook i messaggi degli utenti sono sempre protetti.

 

 

Perfino Mark Zuckerberg preferisce Signal a WhatsApp
Perfino Mark Zuckerberg preferisce Signal a WhatsApp
Il Regno Unito vuole obbligare Facebook ad installare una backdoor su WhatsApp e Messenger
Il Regno Unito vuole obbligare Facebook ad installare una backdoor su WhatsApp e Messenger
Telegram e la nuova truffa italiana: estorsione con pagamento sulla piattaforma degli streamer
Telegram e la nuova truffa italiana: estorsione con pagamento sulla piattaforma degli streamer
WhatsApp, Instagram e Iliad down: mezz'ora di disservizi in tutta Italia
WhatsApp, Instagram e Iliad down: mezz'ora di disservizi in tutta Italia
Telegram ha già raccolto più di 1 miliardo dagli investitori
Telegram ha già raccolto più di 1 miliardo dagli investitori
WhatsApp, l'India vuole impedire l'aggiornamento delle policy
WhatsApp, l'India vuole impedire l'aggiornamento delle policy
WhatsApp: i backup saranno crittografati e protetti da una password
WhatsApp: i backup saranno crittografati e protetti da una password