Concerti in tempo di COVID: la folle trovata dei Flaming Lips

2
185
25 Gennaio

concerti flaming lips

La band rock dei Flaming Lips ha tenuto il primo concerto di sempre con band e spettatori… dentro sfere gonfiabili.

Si è trattato, in realtà, di ben due esibizioni dal vivo, tenutesi in Oklahoma, con un parterre di 100 postazioni da una sfera: ognuna di queste poteva contenere massimo tre persone.

La folle idea è venuta al frontman del gruppo, Wayne Coyne, che già in tempi non sospetti aveva volteggiato sulla folla di fan facendo “zorbing” ovvero rotolando all’interno di una di queste sfere, e realizzando così una forma molto particolare (e relativamente più sicura) di stage diving.

È più sicuro che andare dal droghiere,
ha affermato Coyne interrogato riguardo all’assistere a uno di questi concerti.

Il concept è stato presentato in uno speciale video trasmesso lo scorso giugno durante il programma tv A late show with Stephen Home, seguito poi da un ulteriore test ad ottobre, in vista dei primi concerti di dicembre, rimandati poi a gennaio.

 

 

Certo, si potrebbe pensare che l’idea, per quanto originale, sia poco praticabile, perché già ai concerti si suda e si respira a fatica… figuriamoci all’interno di una bolla di plastica! Eppure, il progetto è stato pensato fin nei minimi dettagli.

 

 

All’interno di ogni bolla, difatti, oltre a un altoparlante atto a presentare un potenziamento acustico, sono presenti vivande, un ventilatore, un asciugamano e degli speciali cartelli da mostrare al personale di sicurezza in caso di bisogno.

Leggi anche:

 

Se all’interno l’aria diventasse poco respirabile o la temperatura salisse troppo, lo staff provvederebbe a inserire nuova aria fresca a compensare, mentre in caso di necessità di toilette o di una pausa, lo spettatore sarebbe fatto uscire e accompagnato in un’apposita area ristoro, naturalmente utilizzando tutti i crismi anti-COVID.

Un evento molto ristretto e strambo. Ma la stramberia serve a fare in modo che possiamo goderci un concerto senza mettere a rischio le nostre famiglie

ha affermato Coyne a Rolling Stone.

I concerti, che hanno visto la band suonare cavalli di battaglia come Do You Realize, She Don’t Use Jelly e Race For The Prize, sono stati filmati da una troupe professionista, e il cameraman Nathan Poppe ne ha fatto un report su Twitter, mostrandone la preparazione e il dietro le quinte.

 

 

Si tratta di un’alternativa effettivamente funzionale, di questi tempi, o più che altro di uno stunt pubblicitario? Tecnicamente è una trovata replicabile, con un marketing ben pensato, gli spazi giusti e una logistica appositamente pensata: serve, ad esempio, una zona pensata per lo “smistamento” del pubblico prima che venga fatto accomodare, una bolla alla volta, in area concerto.

 

Aree Tematiche
Attualità Creatività Entertainment Eventi Idee Musica News Real Life
Tag
lunedì 25 Gennaio 2021 - 16:08
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd