L’Italia prepara azioni legali contro Pfizer per il ritardo dei vaccini

2 anni fa

pfizer

L’Italia ha attivato l’Avvocatura per valutare azioni legali contro Pfizer, azienda farmaceutica fornitrice del vaccino per Covid-19.

Il malessere tra il Bel Paese e la multinazionale statunitense si imperna sul fatto che la consegna dei preziosi vaccini é stata progressivamente rallentata e il Governo si trova a dover affrontare la minaccia pandemica con meno medicinali del previsto.

Le cause di un simile intoppo sono ufficialmente imputabili a una ristrutturazione dello stabilimento Pfizer eretto dalle parti di Puurs, Belgio, tuttavia non sfugge che, a discapito del disservizio, l’azienda stia esportando sempre più verso i paesi extraeuropei.

La tutela della salute dei cittadini italiani non è una questione negoziabile. La campagna vaccinale non può essere rallentata, tantomeno per le somministrazioni delle seconde dosi ai tanti italiani a cui è stata già somministrata la prima. […]

Purtroppo, l’esito delle interlocuzioni anche odierne con Pfizer non ha sortito gli effetti che auspicavamo. Infatti l’azienda ci ha comunicato che anche nel corso della prossima settimana non solo non verranno consegnate in Italia le dosi che sono state unilateralmente e senza preavviso non consegnate in questa settimana, pari al 29%, ma ci sarà una pur lieve ulteriore riduzione delle consegne,

aveva lamentato il Commissario straordinario per l’emergenza Covid, Domenico Arcuri, in una nota pubblicata ieri sera.

Il problema non colpisce solo l’Italia, ma l’intera Unione Europea, la quale ha ricevuto in settimana il 35-40 per cento di dosi in meno rispetto a quanto preventivato. Pfizer si difende, sottolineando come i contratti siglati con i Governi europei facciano riferimento alle “dosi” di vaccino, non al numero di “fiale”.

Ogni fiala contiene ufficialmente cinque dosi, ma la European Medicines Agency (EMA) ha raccomandato ai medici europei di sfruttare il vaccino al massimo, dosandone meticolosamente le somministrazioni così da ricavarne una sesta dose.

Forte di questa direttiva, Pfizer ha cercato di sottolineare la correttezza della sua manovra, ma la Commissione UE ha lapidariamente fatto notare che “le consegne devono essere effettuate”.

L’accordo commerciale tra l’azienda farmaceutica e l’Europa é secretato, ma sembra che una simile affermazione abbia riattivato gli ingranaggi, con Pfizer che ha promesso di consegnare i medicamenti mancanti entro la settimana del 15 febbraio.

 

Potrebbe anche interessarti:

 

 

Covid-19: pronto il test smart per gli anticorpi
Covid-19: pronto il test smart per gli anticorpi
Tumore al seno: un nuovo, promettente, vaccino
Tumore al seno: un nuovo, promettente, vaccino
COVID-19 attiva la stessa infiammazione cerebrale della malattia di Parkinson
COVID-19 attiva la stessa infiammazione cerebrale della malattia di Parkinson
Covid: 400 esperti scrivono il piano per uscirne definitivamente
Covid: 400 esperti scrivono il piano per uscirne definitivamente
Covid: nel cervello si comporta come il Parkinson
Covid: nel cervello si comporta come il Parkinson
Covid-19: in Italia torna a crescere l'aspettativa di vita
Covid-19: in Italia torna a crescere l'aspettativa di vita
App che ti dice se sei positivo al Covid
App che ti dice se sei positivo al Covid

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.