Pfizer, Israele scopre che una singola dose di vaccino non basta

2 mesi fa

Israele ha testato sulla propria pelle come somministrare un’unica dose del vaccino Pfizer garantisca risultati insufficienti.

Israele é uno dei Paesi che si sta impegnando maggiormente nella vaccinazione contro Covid-19, tuttavia il numero di nuovi infetti continua a essere estremamente alto. Una simile discrepanza é dovuta anche al fatto che molte delle persone che hanno ricevuto la prima iniezione del medicamento Pfizer/BioNTech hanno finito con l’ammalarsi.

Stando ai dati dell’azienda farmaceutica, la vaccinazione completa, ovvero quella effettuata attraverso una duplice iniezione, dovrebbe offrire una protezione quasi totale (il 95 per cento), tuttavia i dati sono decisamente più “deludenti” se si effettua una somministrazione parziale.

In quel caso, Pfizer garantisce una protezione del 52 per cento, un valore indubbiamente interessante, ma che é lungi dal poter risolvere la situazione, soprattutto in quelle comunità che iniziano a soffrire le quarantene. Nachman Ash del Dipartimento di Sanità israeliano ha tuttavia suggerito che, in quest’ottica, il vaccino risulti essere ancor meno efficace di quanto non si fosse pensato inizialmente.

L’opinione offerta dalla figura diplomatica potrebbe allo stesso tempo essere farsata da situazioni contestuali: i test di laboratorio non solo non tenevano da conto le varianti del virus attualmente in circolazione, ma la prima iniezione richiede tempi prolungati per l’attivazione degli anticorpi, lasciando pertanto ampio margine di vulnerabilità.

Israele é attualmente colpita da numerosi focolai della variante inglese del Coronavirus, una versione altamente infettiva che finisce in molti casi per battere in velocità gli effetti del medicamento Pfizer/BioNTech.

A complicare la situazione ci sono inoltre diverse violazioni del lockdown israeliano da parte delle comunità ultra-ortodosse, le quali non solo mantengono le scuole aperte, ma organizzano cerimonie con la partecipazione di centinaia di ospiti.

 

Potrebbe anche interessarti:

 

 

Coronavirus, il Texas da il via alle riaperture e dice addio alle mascherine
Coronavirus, il Texas da il via alle riaperture e dice addio alle mascherine
Vaccini, Austria e Danimarca vogliono fabbricarli al di fuori dell'UE
Vaccini, Austria e Danimarca vogliono fabbricarli al di fuori dell'UE
Covid-19, negli Stati Uniti i vaccinati hanno superato quota 43.6 milioni
Covid-19, negli Stati Uniti i vaccinati hanno superato quota 43.6 milioni
San Marino si prepara un piano B e punta al vaccino Sputnik V
San Marino si prepara un piano B e punta al vaccino Sputnik V
OMS, "molto improbabile" che Covid-19 sia nato in laboratorio a Wuhan
OMS, "molto improbabile" che Covid-19 sia nato in laboratorio a Wuhan
Tra i vari pericoli del coronavirus c'è il possibile calo della fertilità maschile
Tra i vari pericoli del coronavirus c'è il possibile calo della fertilità maschile
L'Europa si prepara a gettare le basi del "passaporto dei vaccini"
L'Europa si prepara a gettare le basi del "passaporto dei vaccini"