Ghiaccio: spiegato il motivo per cui appare così disordinato

18
6 mesi fa

Ghiaccio

Il ghiaccio a temperature molto basse non è così ordinato come potremmo aspettarci, un nuovo modello teorico definisce la struttura e le proprietà elettriche del ghiaccio.

Il ghiaccio a temperature molto basse non è così ordinato come potremmo aspettarci, capire cosa lo rende disordinato permetterebbe di capire i  comportamenti dei ghiacciai sulla Terra o il comportamento delle particelle di ghiaccio nello spazio. Gli scienziati hanno teorizzato il motivo per cui ciò accade e sul modo in cui è possibile recuperare parte dell’ordine mancante.

Gli scienziati hanno teorizzato una proprietà relativamente oscura e tuttavia fondamentale del ghiaccio a temperature molto basse: la ferroelettricità. Sarebbe questa proprietà mancante a basse temperature che porterebbe al disordine.

In un pezzo di ghiaccio idealmente ordinato gli atomi di idrogeno di ogni molecola d’acqua dovrebbero puntare nella stessa direzione, come i soldati di un plotone che guardano di fronte a loro. Se così fosse, il ghiaccio esibirebbe una polarizzazione elettrica macroscopica, sarebbe ferroelettrica. Invece, le molecole d’acqua nel ghiaccio, anche a temperature molto basse, si comportano come soldati indisciplinati e guardano tutte in direzioni diverse.

ha spiegato Alessandro Laio, fisico della SISSA e dell’ICTP.

Questa anomalia nel suo comportamento era stata spiegata negli anni ’30 da Linus Pauling come la regola del ghiaccio: ogni atomo di ossigeno può legarsi solo con due atomi di idrogeno per formare una molecola di acqua, ma questo vincolo rende il processo di ordinamento a basse temperature infinitamente lento.

Gli scienziati hanno sviluppato un modello teorico e una strategia in grado di spiegare questo comportamento.

È noto che le impurità come un idrossido di potassio che sostituisca una molecola d’acqua possono rendere il ghiaccio ordinato e ferroelettrico a temperature molto basse anche se in modo lento e parziale.

Grazie alle impurità è possibile osservare l’ordine dei protoni e la ferroelettricità del ghiaccio cristallino altrimenti né esperimenti né simulazioni potrebbero

superare il rallentamento cinetico generato dalle regole del ghiaccio

ha detto Erio Tosatti, fisico di SISSA, ICTP e CNR-IOM Democritos.

Secondo questo modello quando si introduce una impurità in uno stato iniziale disordinato a bassa temperatura questa funge da perno per la fase ordinata, ma in maniera parziale: non tutte le molecole saranno orientate nella direzione corretta ma solo quelle davanti o dietro l’impurità.

Alla fine del processo solo una serie di molecole sarà ordinata.

Lo studio pubblicato sulla rivista PNAS  è il frutto di una collaborazione tra la Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA), il Centro Internazionale Abdus Salam di Fisica Teorica (ICTP), l’Istituto di Fisica Rosario (IFIR-UNR), con il supporto dell’Istituto Officina dei Materiali del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR-OIM).

 

Può interessarti anche:

 

 

Medevac: Evacuazioni Mediche Polari
Medevac: Evacuazioni Mediche Polari
Rovesciamo il campo magnetico terrestre
Rovesciamo il campo magnetico terrestre
Le infinite scaglie di ghiaccio di Lake Superior
Le infinite scaglie di ghiaccio di Lake Superior
Storia di un fiocco di neve
Storia di un fiocco di neve
L'acqua e i suoi segreti
L'acqua e i suoi segreti
L'acqua e i suoi segreti
L'acqua e i suoi segreti