Cinema: Anac chiede un piano di riapertura per le sale italiane

2
29 Dicembre

Coronavirus, cinema

Anac ha diffuso un comunicato in cui chiede la riapertura delle sale cinematografiche italiane dopo un confronto con il Governo.

Con la pandemia che ha portato le sale cinematografiche, dopo la riapertura ad agosto, a dover nuovamente chiudere, la crisi dei cinema in Italia è fortissima, e per questo Anac ha provveduto a diffondere un comunicato in cui chiede al Governo un piano per la riapertura delle sale.

Queste sono le parole dell’Associazione nazionale autori cinematografici:

Oltre all’apprezzabile sostegno predisposto dal governo per ”ristorare” le imprese dell’esercizio, è indispensabile predisporre una serie di interventi necessari per favorire la riapertura delle sale italiane e sostenerne la programmazione.

Va infatti considerata primaria la necessità di riportare al più presto il pubblico in sala, non solo in funzione del ruolo sociale e culturale di questi presidi indispensabili per la collettività, ma anche per l’importanza della sala come anello economico di tutta una filiera che tutela la produzione italiana.

Non si può pensare infatti che queste funzioni cardinali per il cinema possano essere sostituite dall’offerta dei film sulle piattaforme, che sebbene rappresentino una nuova modalità di fruizione, agiscono come una sorta di monopolio USA essendo inoltre produttrici di molti contenuti trasmessi.

Esiste così il forte rischio che la visione collettiva sul grande schermo possa essere persa per sempre come evento socio\culturale del nostro pubblico per essere surrogata dalla più pigra, anodina e solitaria visione casalinga.

L’Anac, assieme a Mibact, vuole quindi muoversi per:

Promuovere e organizzare una sollecita riapertura che ristabilisca quanto prima l’abitudine, la confidenza e la fiducia del pubblico nei confronti di questi luoghi che oltretutto sono tra i più sicuri dal punto di vista sanitario.

Riteniamo che nell’immediato futuro, con l’arrivo del vaccino e il ritorno alla normalità, si debba cambiare l’indirizzo seguito finora basato sui ristori e stabilire invece che le risorse pubbliche straordinarie siano erogate con lo scopo di favorire la riapertura di tutte le sale e sostenere la promozione e la tenitura dei film italiani, così come era stato pensato in altri paesi europei prima di questo secondo lockdown.

 

 

Aree Tematiche
Cinema Entertainment News
Tag
martedì 29 Dicembre 2020 - 16:15
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd