Pioggia e neve potrebbero innescare alcuni terremoti

5 mesi fa

Secondo un nuovo studio condotto dall’University of California, Berkeley seismologists, le piogge invernali e la neve che cadono in California avrebbero un’influenza sulle faglie dello Stato americano della costa occidentale.

Non si tratta di una notizia “sconvolgente”, è da diverso tempo che la comunità scientifica internazionale è concorde nel ritenere che non vi sia un chiaro legame tra gli eventi atmosferici e i terremoti: la convinzione, da sempre, è che gli eventi sismici possano influenzare le falde sotterranee, ma non l’eventuale formazione di piogge, e allo stesso modo che pioggia e neve non siano in grado di esercitare sulla crosta terrestre un’azione sufficiente a spiegare i grandi terremoti.

Pioggia e neve potrebbero effettivamente esercitare sulla crosta terrestre un’azione sufficiente a spiegare i piccoli sismi

 

L’immagine evidenzia lo stress delle faglie della California che cambia di mese in mese a causa del carico dell’acqua nelle montagne che circondano la valle centrale. Il picco di stress sulla faglia di San Andreas durante la seconda parte dell’estate e l’autunno, mentre le faglie ad est della Sierra Nevada mostrano stress di punta alla fine della primavera e all’inizio dell’estate.

 

Tuttavia uno studio del 2017 della Berkeley University pubblicato sulla rivista Science sembra suggerire una nuova realtà e cioè che le variazioni stagionali di precipitazioni (piovose o nevose) siano in grado di influenzare in parte i sismi di minore intensità!

Gli autori dello studio infatti hanno analizzato tutti gli eventi simici che hanno colpito la California nel periodo compreso tra il 2006 e il 2014 e li hanno correlati ai quantitativi di pioggia e neve caduti nel medesimo arco temporale. In questo modo hanno scoperto un legame evidente tra i due fenomeni: in alcune aree i terremoti diventano più frequenti nei periodi asciutti, in altre zone invece il loro numero aumenta quando cadono grandi quantità di pioggia o neve.

 

Nel 2010, la faglia di San Andreas (immagine sinistra, rosso e arancione) ha avuto la punta di stress nel mese di settembre dopo che la neve e il deflusso hanno permesso alle montagne di “rimbalzare”. Le faglie ad est della Sierra Nevada (rosso e arancione) hanno subito la punta di stress nel marzo dell’anno successivo.

 

Del resto il peso della neve e dell’acqua che si accumula nei bacini idrici infatti è enorme e può spingere, lentamente, la crosta terrestre verso il basso di alcuni millimetri, per poi consentire il rigonfiamento della stessa quando, in estate, la neve si scioglie e i bacini idrici si svuotano. Così, in base all’orientamento della faglia e alle caratteristiche del territorio, grandi quantità di neve e acqua possono contribuire a tenere unita la frattura (e inibire quindi i movimenti sismici) piuttosto che metterla maggiormente sotto stress favorendone al contrario le oscillazioni.

In ogni caso gli studi condotti dai ricercatori americani mostrano un legame evidente solo per terremoti relativamente deboli, alcuni anche avvertibili dall’Uomo ma comunque sempre di magnitudo piuttosto bassa. Non si è evidenziato invece alcun legame chiaro tra il regime delle precipitazioni e gli eventi sismici più importanti.

 

Eureka! 12 – Le innumerevoli sfaccettature della neve
Eureka! 12 – Le innumerevoli sfaccettature della neve
Plutone: svelato cosa accade alle sue montagne innevate
Plutone: svelato cosa accade alle sue montagne innevate
Yellowstone, 170 terremoti in un mese: vulcanologi preoccupati
Yellowstone, 170 terremoti in un mese: vulcanologi preoccupati
Piove plastica: più di 1000 tonnellate trovate in aree protette degli Stati Uniti
Piove plastica: più di 1000 tonnellate trovate in aree protette degli Stati Uniti
Antartide: la neve sta diventando verde, colpa dei cambiamenti climatici
Antartide: la neve sta diventando verde, colpa dei cambiamenti climatici
Terremoto a Roma: epicentro a bassa profondità ecco perché il forte boato
Terremoto a Roma: epicentro a bassa profondità ecco perché il forte boato
Fukushima: 5 anni dopo
Fukushima: 5 anni dopo