Coronavirus: approvazione del vaccino in Europa il 29 dicembre?

12
5 mesi fa

coronavirus

Secondo le ultime indiscrezioni, la decisione in merito al vaccino contro il coronavirus in Europa potrebbe arrivare entro la fine dell’anno.

Nel corso della giornata di ieri, l’Agenzia europea per i medicinali (in acronimo EMA) ha dichiarato che l’incontro con l’azienda farmaceutica Pfizer è fissato entro il 29 dicembre, riuscendo così ad avere aggiornamenti pochi giorni prima della fine dell’anno corrente in merito alla distribuzione del vaccino realizzato in collaborazione con l’azienda tedesca BioNTech.

Ricordiamo che il vaccino di Pfizer (analogamente a quello prodotto da Moderna) ha mostrato un’efficacia pari a circa il 95%, a seguito dei trial clinici effettuati nel corso degli scorsi mesi. Nel corso della giornata di oggi, in particolare, il vaccino sarebbe stato approvato in Regno Unito, cui seguirà l’inizio della campagna vaccinale fissato per settimana prossima, con circa 800’000 dosi in arrivo nei prossimi giorni e 10 milioni di dosi verosimilmente disponibili entro la fine dell’anno.

Non ci rimane dunque che attendere le prossime settimane per saperne di più a riguardo, confidando nell’arrivo il prima possibile del vaccino Pfizer in Italia, fissato indicativamente per il mese di gennaio.

Coronavirus: negli USA si inizia a pagare la gente perché accetti la vaccinazione
Coronavirus: negli USA si inizia a pagare la gente perché accetti la vaccinazione
Coronavirus: in Regno Unito si fanno rave senza mascherina, per scopi scientifici
Coronavirus: in Regno Unito si fanno rave senza mascherina, per scopi scientifici
Selena Gomez vuole che Mario Draghi doni i vaccini in eccesso "a chi ne ha bisogno"
Selena Gomez vuole che Mario Draghi doni i vaccini in eccesso "a chi ne ha bisogno"
Pfizer: probabilmente sarà necessaria una terza iniezione
Pfizer: probabilmente sarà necessaria una terza iniezione
Coronavirus, chi si informa su TV e social ne sa meno
Coronavirus, chi si informa su TV e social ne sa meno
Covid, la vergogna contribuisce a non denunciare le infezioni
Covid, la vergogna contribuisce a non denunciare le infezioni
La pandemia ha acuito il senso di solitudine, soprattutto nelle donne
La pandemia ha acuito il senso di solitudine, soprattutto nelle donne