Cielo di dicembre: la rara congiunzione e il solstizio di inverno

5 mesi fa

Cielo di dicembre

Il cielo di dicembre si anima con diversi spettacoli per tenerci compagnia nelle fredde serate invernali: la congiunzione Giove e Saturno e il solstizio di inverno.

Dopo un cielo di novembre abbastanza pacato dal punto di vista delle osservazioni eccoci ad osservare il cielo di dicembre, più vivace e ricco di sorprese. Dalla rara congiunzione dei due pianeti protagonisti degli ultimi mesi al solstizio di inverno ma non solo anche le affascinanti costellazioni invernali e lo sciame delle Geminidi ci terranno compagnia.

Il gran finale per Giove dopo un lungo periodo di osservabilità si avrà il 21 con la spettacolare e vicinissima congiunzione con Saturno. Siamo alla conclusione delle osservazioni dei due pianeti che in coppia hanno dominato i cieli serali per tutta l’estate e l’autunno di quest’anno.

 

 

Il 21 di dicembre sarà anche il giorno del solstizio di inverno. Non solo sarà anche il giorno più corto dell’anno in barba alla tradizione che ritiene il 13 il giorno di Santa Lucia il giorno più corto dell’anno.

In realtà intorno al 13 dicembre il Sole tramonta prima, infatti per le prime due settimane di dicembre l’orario del tramonto è praticamente costante e coincide tra le 16.40 e le 16.41.

Il giorno 21 il Sole tramonta un po’ più tardi, circa 3 minuti dopo, ma è ritardato di alcuni minuti: il Sole resta sopra l’orizzonte circa 2 minuti in meno rispetto al giorno 13.
assumendo così la nomina di di giorno più corto dell’anno.

Il mese di dicembre sarà quello migliore per osservare le grandi costellazioni invernali che caratterizzeranno i prossimi mesi. Per qualche ora dopo il calar del Sole ad ovest si potranno osservare il grande quadrilatero di Pegaso, la costellazione del Triangolo e quella dell’Ariete mentre dal lato opposto del cielo si assisterà al sorgere del Cancro e poi del Leone.

C’è ancora Marte sempre visibile dopo il tramonto del Sole e nel corso delle prime ore della sera culmina a Sud e resta ben visibile per la prima parte della notte finché non inizia a tramontare dopo mezzanotte.

In questo periodo si potrà assistere alla pioggia di meteore delle Geminidi che si può paragonare per brillantezza e quantità alle Perseidi di agosto. Saranno particolarmente evidenti tra il 10 ed il 15 dicembre con picchi nelle notti 12/13 e 13/14 dicembre.

 

 

Saturno: il cambio di stagione catturato da Hubble
Saturno: il cambio di stagione catturato da Hubble
Giove: osservata la nascita delle aurore sul gigante gassoso
Giove: osservata la nascita delle aurore sul gigante gassoso
Titano, scoperto un lago di metano profondo oltre 300 metri
Titano, scoperto un lago di metano profondo oltre 300 metri
WASP-107b: l'esopianeta più vaporoso mai scoperto
WASP-107b: l'esopianeta più vaporoso mai scoperto
Cielo di gennaio 2021: un tranquillo mese astronomico
Cielo di gennaio 2021: un tranquillo mese astronomico
Stella di Natale: come e dove vedere la grande congiunzione di Giove e Saturno
Stella di Natale: come e dove vedere la grande congiunzione di Giove e Saturno
Cielo di settembre: equinozio d'autunno e Marte sempre più luminoso
Cielo di settembre: equinozio d'autunno e Marte sempre più luminoso