Il Signore degli Anelli: molti registi hanno fallito provando a realizzare i film

4
30 Novembre

Il signore degli anelli

Peter Jackson ha portato Il Signore degli Anelli sul grande schermo, ma non è stato il primo regista a provarci. Ci sono stati molti tentativi falliti prima che il regista lo realizzasse.

La trilogia de Il Signore degli Anelli di Peter Jackson si è rivelata un capolavoro cinematografico, ma molti registi avevano già provato e fallito a realizzare i film. J.R.R. Tolkien è stato uno dei più grandi scrittori fantasy di tutti i tempi, e con il senno di poi era inevitabile che i suoi libri diventassero dei successi. Eppure, ci è voluto sorprendentemente molto tempo prima che le opere di Tolkien trionfassero sul grande schermo.

Il problema iniziale era lo stesso Tolkien. Tolkien era eccezionalmente orientato ai dettagli anche per gli standard degli scrittori fantasy, e non sembra aver particolarmente apprezzato i tentativi di adattare il suo lavoro. Di conseguenza, quando Il Signore degli Anelli: La Compagnia dell’Anello di Peter Jackson è uscito nel 2002, molti spettatori si sono sentiti come se fosse la prima vera versione di successo della storia iconica. Ed erano francamente contenti di aver aspettato perché mentre Jackson ha apportato modifiche, il suo amore per i libri originali era evidente dappertutto. Inoltre, era chiaramente evidente che le storie non sarebbero state possibili se la tecnologia VFX non fosse diventata sufficientemente avanzata – e anche allora, il team creativo ha dovuto fare importanti innovazioni, la più famosa con Gollum. Tuttavia, anche se tutti questi adattamenti precedenti non sarebbero riusciti a ottenere il plauso dei film di Jackson, offrono uno scorcio affascinante del franchise e di come avrebbe potuto essere. Ecco una guida ad alcuni dei film de Il Signore degli Anelli mai realizzati.

In una curiosa coincidenza, Lo Hobbit è uscito pochi mesi prima di Biancaneve della Disney e né Tolkien né il suo amico C.S. Lewis sono rimasti colpiti. L’antipatia di Tolkien verso Walt Disney era nota, ma il suo editore si era avvicinato alla Disney con l’idea di un adattamento. E’ probabile che lo abbia fatto senza il consenso di Tolkien, e inizialmente sono stati rifiutati. Walt Disney ha riconsiderato brevemente il progetto negli anni ’50, ma i suoi artisti dello storyboard credevano che Il Signore degli Anelli fosse troppo complesso, lungo e spaventoso per una produzione Disney.

L’animatore Al Brodax si rivolse a Tolkien e ai suoi editori per proporre un adattamento animato negli anni ’50, ma non ne venne fuori nulla. Poco dopo, Tolkien iniziò a coordinarsi con Forrest J. Ackerman e lo sceneggiatore Grady Zimmerman, e all’inizio le cose sembravano piene di speranza. Tolkien è rimasto impressionato dai concept art dell’illustratore Ron Cobb. Sfortunatamente lo script si è rivelato un problema, con Tolkien che ha scritto una lunga e francamente aspra risposta. La sceneggiatura di Zimmerman fa parte della Collezione Tolkien della Marquette University nel Wisconsin. Alla fine Ackerman non è stato in grado di assicurarsi un produttore e il progetto è fallito. Zimmerman, da parte sua, ha abbandonato del tutto i suoi sogni di scrivere un film.

 

 

L’idea più inaspettata di tutte era una versione musicale de Il Signore degli Anelli di Stanley Kubrick, con i Beatles. I musicisti erano ansiosi di ottenere i diritti del film perché erano cresciuti amando i libri di Tolkien e a loro piaceva l’idea di recitare nell’avventura fantasy. Avevano programmato di scrivere la colonna sonora e il progetto avrebbe visto Paul McCartney nei panni di Frodo, Ringo Starr nei panni di Sam, George Harrison nei panni di Gandalf e John Lennon nei panni di Gollum. Kubrick è stata la prima scelta dei Beatles come regista ma lui rifiutato l’idea, credendo che Il Signore degli Anelli fosse troppo vasto per adattarsi a un progetto del genere.

 

 

Nel 1969, la United Artists, che aveva acquisito i diritti de Il Signore degli Anelli senza sapere veramente cosa farsene, chiese al celebre regista John Boorman di produrre il film. Questo era stato concepito come un unico film di tre ore con un intervallo, e Boorman inizialmente ha accettato il compito per curiosità. Ha lavorato su una sceneggiatura che ha adattato pesantemente i libri e includeva una scena di sesso tra Frodo e Galadriel. Sfortunatamente, Il Signore degli Anelli di Boorman sarebbe stato un progetto troppo costoso e nel 1970 la United Artists aveva subito una serie di fallimenti finanziari, il che significa che non avevano i soldi per un progetto del genere. I diritti furono venduti poco dopo.

Peter Jackson è stato coinvolto per la prima volta con Il Signore degli Anelli negli anni ’90, quando ha iniziato a lavorare a un adattamento con Miramax. Harvey Weinstein era convinto che Jackson stesse sprecando 12 milioni di dollari nel tentativo di fare un franchise quando avrebbe dovuto concentrarsi solo su un singolo film di due ore. In effetti, Weinstein avrebbe minacciato di sostituire Jackson con Quentin Tarantino. A quanto pare Jackson ricevette una sceneggiatura ridotta che aveva tagliato le parti riguardanti il Fosso di Helm, il Balrog e persino Saruman. Alla fine Weinstein accettò che Peter Jackson portasse la sua sceneggiatura altrove; Fortunatamente il film passò a New Line, e il resto è storia.

 

 

 

Aree Tematiche
Cinema Entertainment Home Video News
Tag
lunedì 30 Novembre 2020 - 21:12
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd