Sorority House Massacre, Norman Reedus produrrà la serie tv

5 mesi fa

Il film horror slasher del 1986 Sorority House Massacre diventa una serie tv e sarà prodotta da Norman Reedus.

La star di The Walking Dead Norman Reedus produrrà la serie tv horror Sorority House Massacre. Lo show sarà prodotto dalla Utopia Distribution, che è la casa di produzione di Reedus, e Shout! Studios. Produttori esecutivi saranno Danielle DiGiacomo, Brent Haynes, Bob Emmer, Garson Foos, Amanda Verdon e JoAnne Colonna. Stephen Trask, creatore del musical vincitore di Tony Award Hedwig and the Angry Inch, si occuperà dello sviluppo della serie.

Riguardo questa nuova avventura Reedus ha dichiarato:

Non potrei essere più entusiasta di lavorare con Robert Schwartzman e il suo team. Il loro gusto e la loro visione creativa sono di ispirazione ed esattamente in linea con il tipo di contenuto che Bigbaldhead intendeva sviluppare. Siamo entusiasti di rivisate questo cult e di creare qualcosa di veramente unico.

 

L’iconico horror slasher del 1986 è scritto e diretto da Carol Fran e vede protagoniste delle studentesse del college affrontare un malato mentale fuggito da un ospedale psichiatrico. Il film ha avuto due seguiti nel 1990, Sorority House Massacre II e Sorority House Massacre III: Hard To Die.

 

 

Norman Reedus torna sull'addio di Andrew Lincoln a The Walking Dead
Norman Reedus torna sull'addio di Andrew Lincoln a The Walking Dead
The Walking Dead: tutto ciò che sappiamo sul secondo spin-off
The Walking Dead: tutto ciò che sappiamo sul secondo spin-off
The Walking Dead: Norman Reedus temeva che Daryl uccidesse Rick
The Walking Dead: Norman Reedus temeva che Daryl uccidesse Rick
Death Stranding torna finalmente a mostrarsi in video
Death Stranding torna finalmente a mostrarsi in video
Kojima Productions, la statuetta di Ludens disponibile all'acquisto
Kojima Productions, la statuetta di Ludens disponibile all'acquisto
Novità su Death Stranding
Novità su Death Stranding
Microsoft, Sony e Nintendo: com'è andato l'E3 2016
Microsoft, Sony e Nintendo: com'è andato l'E3 2016