Deinococcus radiodurans: come il batterio sopravvive nello spazio

2 anni fa

Deinococcus radiodurans

Come il batterio Deinococcus radiodurans può sopravvivere alla vita nello spazio: una ricerca ha indagato sulle sue capacità.

Dalle indagini eseguite su questi batteri, Deinococcus radiodurans, bombardati con le radiazioni presenti nello spazio i ricercatori hanno scoperto che sono stati in grado di attivare dei meccanismi di riparazione che hanno permesso loro di sopravvivere alle condizioni più estreme.

I ricercatori hanno spedito Deinococcus radiodurans sulla ISS dove è rimasto per un anno continuamente esposto all’ambiente spaziale su una piattaforma appositamente progettata fuori dal modulo pressurizzato della ISS.

Dopo un anno anno di radiazioni, temperature estreme e assenza di gravità, i ricercatori hanno riportato i batteri sulla Terra per confrontarli con un campione che aveva trascorso l’anno sulla Terra.

Confrontando i campioni del batterio sottoposto alle estreme esposizioni dello spazio con lo stesso tipo presente sulla Terra i ricercatori hanno scoperto che i primi batteri si erano ricoperti di piccole protuberanze o vescicole sulla superficie: questi sono stati in grado di attivare ​​numerosi meccanismi di riparazione e aumentando alcune proteine ​​e mRNA.

Grazie al suo efficiente sistema di risposta molecolare il batterio può sopravvivere all’ambiente estremo dello spazio e anche per un periodo più lungo quindi è possibile che gli organismi che hanno le stesse capacità possono sopravvivere anche ai viaggi più lunghi e più lontani.

 

Queste indagini ci aiutano a comprendere i meccanismi e i processi attraverso i quali la vita può esistere oltre la Terra, ampliando le nostre conoscenze su come sopravvivere e adattarsi all’ambiente ostile dello spazio

ha detto la biochimica dell’Università di Vienna Tetyana Milojevic.

 

La ricerca è stata pubblicata su Microbiome.

 

 

Crew-1: la missione rimandata, questa sera la teleconferenza
Crew-1: la missione rimandata, questa sera la teleconferenza
Crew-1: la missione rimandata, questa sera la teleconferenza
Crew-1: la missione rimandata, questa sera la teleconferenza

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.