Amazon ha brevettato un sistema per salvarci dai giocatori tossici

505
5 mesi fa

Amazon ha brevettato un sistema per punire i giocatori tossici, costringendoli a giocare esclusivamente con persone altrettanto sgradevoli. In questo modo ci sarebbe un duplice sistema di match making: da una parte le lobby con i troll, dall’altra tutti gli altri giocatori.

Chiunque pad in mano si sia addentrato nel mondo dei videogiochi online ha probabilmente sperimentato almeno una volta nella sua vita cosa significa avere a che fare con un videogiocatore tossico.

Tea bagging, umiliazioni, insulti e grieffng sono all’ordine del giorno. Amazon ha brevettato un modo per liberarci una volta per tutte dai giocatori più orribili e ripagarli con la loro stessa medicina. Fondamentalmente il sistema sarebbe in grado di riconoscere e classificare i giocatori ‘tossici’, costringendoli a giocare esclusivamente in lobby con altri utenti della loro stessa categoria.

Insomma, due mondi separati: da una parte i giocatori normali che vogliono semplicemente rilassarsi con i loro videogiochi online preferiti, senza scocciature e aggressioni da parte della feccia del gaming, dall’altra una sorta di girone infernale dove i giocatori più aggressivi possono giocare esclusivamente con altre persone tanto spregevoli quanto loro.

Il brevetto è stato notato e segnalato dal magazine specializzato Protocol. Secondo la rivista, alcuni giochi, come Apex Legends e Max Payne 3, avrebbero già testato una qualche forma di sistema di questo tipo.

La differenza è che Amazon avrebbe investito in una tecnologia di machine learning in grado di quantificare e tenere traccia di alcuni fattori —come l’uso di un linguaggio sgradevole, o l’abuso di alcune meccaniche di gioco— utili a far scattare il cartellino rosso, con la conseguenza di separare il videogiocatore dal resto della community virtuale.

 

 

AMAZON PATENT MAKES THE MOST HORRIBLE GAMERS PLAY WITH EACH OTHER (futurism.com)

LEGO Harry Potter: due nuovi set avvistati su Amazon Spagna
LEGO Harry Potter: due nuovi set avvistati su Amazon Spagna
Amazon chiede scusa per le recenti "imprecisioni" su Twitter
Amazon chiede scusa per le recenti "imprecisioni" su Twitter
Hot Pink: Sarah Michelle Gellar nella serie tv di Amazon
Hot Pink: Sarah Michelle Gellar nella serie tv di Amazon
Amazon vorrebbe costruirsi i chip da sola
Amazon vorrebbe costruirsi i chip da sola
Amazon, i dipendenti pensavano che Twitter fosse stato hackerato
Amazon, i dipendenti pensavano che Twitter fosse stato hackerato
Amazon sotto accusa per i prodotti venduti da terzi, si ritiene non responsabile
Amazon sotto accusa per i prodotti venduti da terzi, si ritiene non responsabile
Sciopero Amazon, la richiesta dei dipendenti: "non fate acquisti per 24 ore"
Sciopero Amazon, la richiesta dei dipendenti: "non fate acquisti per 24 ore"