Mank: David Fincher torna alla corsa agli Oscar come miglior regista

2
30 Ottobre

mank

L’attesa per un nuovo film di David Fincher è palpabile. Il suo undicesimo lungometraggio Mank gli potrebbe portare un’altra nomination come miglior regista.

È passato un decennio da quando Fincher ha ricevuto una nomination come miglior regista per The Social Network, una perdita che risuona ancora oggi per molti appassionati di premi. Con Mank, molto probabilmente otterrà un’altra nomination nella categoria.

Solo per i meriti visivi, Mank, che Netflix rilascerà sulla sua piattaforma di streaming il 4 dicembre, è un’impresa impressionante, probabilmente per emulare successi passati come Gravity di Alfonso Cuarón o Mad Max: Fury Road di George Miller – film che hanno avuto più statuette negli anni precedenti.

In tutta onestà, gli elettori dei premi più anziani divoreranno questa interpretazione del classico Hollywood, ammirando tutti i suoi splendidi set, costumi e struttura cinematografica. È probabile che sia uno dei preferiti per il cast degli attori.

Gary Oldman, che ha vinto il suo Oscar nel 2018 per L’ora più buia, è altrettanto disinvolto nella sua interpretazione di Herman J. Mankiewicz come ci si aspetterebbe da un attore della sua statura. In un anno che sembra essere molto competitivo, potrebbe arrivare a una nomination.

Amanda Seyfried, un’attrice sottovalutata nello spazio drammatico, ha il tipo di ruolo a cui gli elettori di AMPAS hanno generalmente risposto positivamente, interpretando la star Marion Davies.

Nei panni del fratello di Mank, Joseph Mankiewicz, il famoso quattro volte vincitore dell’Oscar per film come All About Eve, Tom Pelphrey si concentra sul cuore del sua interpretazione.

I dettagli meticolosi collocano questo film come il chiaro favorito in diverse categorie chiave. Il direttore della fotografia Erik Messerschmidt, al suo debutto nel lungometraggio narrativo, potrebbe entrare nella storia come la prima persona a vincere un Oscar per la migliore cinematografia nel suo primo film.

Lo scenografo Donald Graham Burt, che ha vinto il suo primo Academy Award con Fincher per Il curioso caso di Benjamin Button, insieme allo scenografo candidato all’Oscar Jan Pascale (Buona notte e buona fortuna), si sono fatti avanti come i primi protagonisti per le rispettive categorie. La loro Hollywood degli anni ’30 e ’40 è meravigliosamente inventata.

Realizzato per assomigliare a un film classico dell’era moderna, il team del suono sarà accolto in modo definitivo mentre la nominata agli Emmy Trish Summerville (Westworld della HBO) si sta dirigendo verso la sua prima nomination all’Oscar per i migliori costumi.

 

 

 

Aree Tematiche
Cinema Entertainment News
Tag
venerdì 30 Ottobre 2020 - 14:19
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd